Carmen Di Pietro furiosa per sciopero ​taxi: "Questo Paese è una disgrazia"

La Di Pietro ha pubblicato sui social alcuni video delle difficoltà incontrate per spostarsi a Roma nella giornata dello sciopero dei taxi. "Una vergogna", ha tuonato sul web

Lo sciopero dei taxi e sit-in di protesta davanti alla stazione Termini hanno dato il buongiorno ai cittadini di Roma. Spostarsi nella capitale è stato molto difficile sin dalle prime luci dell'alba. Lo ha provato sulla sua pelle Carmen Di Pietro che, nelle scorse ore, ha pubblicato sui social network alcuni video che documentano la sua odissea da "pendolare" per recarsi a lavoro. La showgirl era in viaggio in treno e poco dopo essere arrivata a Roma Termini si è trovata di fronte alle prime difficoltà.

"Allora sono arrivata a Roma Termini, non ci sono taxi perché c'è lo sciopero come vedete e quindi devo andare a prendere il pullman. Ci sarà il pullman? Riuscirò a venire in radio?", ha scherzato la Di Pietro, pubblicando i video nelle storie del suo account Instagram. La showgirl era alla ricerca di un mezzo alternativo che la portasse a Radio Globo, dove conduce una trasmissione radiofonica. Con l'hashtag "Le avventure di Carmen", la 54enne potentina ha iniziato a raccontare le sue peripezie con ironia e simpatia, ma ben presto le sue avventure si sono trasformate in un incubo: "Sto aspettando il bus, arriverà...perché non vedo pullman qua, che pa*** però!".

Il film social delle difficoltà incontrate da Carmen Di Pietro è passato, in breve tempo, dai toni ironici e scherzosi a quelli della polemica. L'ex concorrente dell'Isola dei Famosi ha sfogato tutta la sua frustrazione per la situazione e lo sciopero con una signora, che stava attendendo l'autobus con lei: "C'è lo sciopero dei taxi e devo prendere il pullman per andare a lavoro. È una disgrazia questo Paese, signora è una disgrazia. 'Mo un caz** e poi un altro qua non si riesce a pigliar un taxi. Una vergogna". Carmen Di Pietro, che di recente è stata vittima di uno scherzo a sfondo sessuale con il figlio orchestrato da Le Iene, non si è trattenuta sfogando la sua rabbia contro lo Stato. Anche i colleghi della radio hanno ironizzato, con sarcasmo, sull'episodio lanciando la provocazione sui social: "1 like al post = 1 preghiera per Carmen".