Caso Weinstein, Lory Del Santo: "Asia rovina una persona dopo 20 anni"

Intervenuta a La Zanzara, Lory Del Santo ha espresso il suo parere sullo scandalo che ha travolto Harvey Weinstein: "Trovo osceno che tutte le attrici lo abbiano denunciato in blocco"

Lo scandalo degli abusi di Harvey Weinstein continua a far discutere, sono decine le modelle e le attrici che in questi giorni hanno denunciato il produttore. Anche Asia Argento, dopo la pubblicazione dell'inchiesta del New Yorker, ha confessato di aver subito molestie sessuali dal produttore cinematografico. Ma le sue dichiarazioni hanno fatto discutere molti personaggi del mondo dello spettacolo che l'accusano di aver sfruttato in passato la situazione, tra questi c'è pure Lory Del Santo.

"Asia Argento? - dice in un intervento radiofonico a La Zanzara Lory Del Santo -. Mi spaventa che dopo vent'anni una se ne esca con delle accuse pesanti. Se è passato tutto questo tempo puoi parlarne in modo scherzoso, non così. Per far ridere va bene, a chi non è capitato. Gli uomini ci provano, questo è chiaro: c'è chi lo fa più porcamente, c'è chi manda i fiori. Ma una può sottrarsi tranquillamente".

E ancora: "Trovo osceno che tutte le attrici in blocco abbiano denunciato Weinstein. E' uno schifo, una vergogna. Se uno ti invita a farlo va bene, se invece c'è costrizione devi denunciarlo subito. Non si può rovinare una persona dopo tanti anni che è successo. La famiglia è scioccata, i figli piccoli pure. Non lo dire quando sei una star mondiale e magari lui ti è servito pure. Quando io sono andata con uomini potenti l'ho fatto perchè volevo conoscere il potere, denaro ne ho preso poco, qualche regalino".