Claudio Sona rompe il silenzio: "Ho dimostrato troppo ad una persona innamorata"

Dopo le rivelazioni di Juan Fran Sierra, Claudio Sona si è preso qualche giorno per pensare e ora ha dato la sua versione dei fatti su questa vicenda così travagliata

Sono giorni difficili per Claudio Sona, dopo le rivelazioni del suo ex fidanzato Juan Fran Sierra, non si fa altro che parlare se sia stato o meno sincero durante il suo percorso di Uomini e Donne.

Juan Fran Sierra, infatti, qualche giorno fa ha pubblicato sui suoi profili social ufficiali un po' di materiale che testimonierebbe che lui e Claudio Sona non si sono mai lasciati, nemmeno durante l'esperienza a Uomini e Donne. Anche la redazione del programma di Maria De Filippi è intervenuta a sostegno dell'ex tronista e ora è proprio lui a rompere il silenzio.

"Ho 30 anni - scrive sul suo profilo Instagram - e sono sempre stato abituato ad affrontare le cose a quattr'occhi. Mentre difendevo Juan da tutti gli attacchi mediatici, dichiarando di avergli sempre voluto bene come amico, lui registrava le mie telefonate con lo scopo evidente di aspettare il tempo e il modo per fare una piazzata pubblica. La relazione con lui è finita ben prima del trono. Ero sentimentalmente libero quando decisi di partecipare al programma, ma ho continuato a volergli bene: l'affetto non si spegne con un interruttore. Come con un mio ex, con il quale sono stato sei anni, pensavo di poter instaurare anche con lui un rapporto diverso, maturo, fatto di continuità e di supporto reciproco. Solo ora mi accorgo di aver sbagliato a dimostrare troppo affetto ad una persona ancora innamorata. Sono stato ingenuo a sottovalutare questi aspetti e non credevo che stargli vicino potesse creargli false aspettative".

E ancora: "Non pensavo che tale sentimento potesse arrivare alla morbosità, inducendolo a elargire minacce e ricatti. Non ho cambiato idea rispetto alla decisione presa quando ci siamo lasciati. In questi ultimi tre mesi, finita la relazione con Mario, sarei potuto tornare con lui, ma il sentimento non c'era e non c'è. Questo, evidentemente, deve averlo ferito. Quello che c'è stato tra me e Mario è stato un sentimento reale. Voglio scusarmi con lui se tutte le notizie che stanno uscendo, possono in qualche modo oscurare una relazione che per noi è stata speciale. Il percorso che ho fatto è stato vero e sincero. Lo è stato talmente tanto che, come nella vita reale, esistono il passato, le vecchie relazioni e i sentimenti".

Ho 30 anni e sono sempre stato abituato ad affrontare le cose a quattr'occhi. Mentre difendevo Juan da tutti gli attacchi mediatici, dichiarando di avergli sempre voluto bene come amico, lui registrava le mie telefonate con lo scopo evidente di aspettare il tempo e il modo per fare una piazzata pubblica. La relazione con lui è finita ben prima del trono. Ero sentimentalmente libero quando decisi di partecipare al programma, ma ho continuato a volergli bene: l'affetto non si spegne con un interruttore. Come con un mio ex, con il quale sono stato sei anni, pensavo di poter instaurare anche con lui un rapporto diverso, maturo, fatto di continuità e di supporto reciproco. Solo ora mi accorgo di aver sbagliato a dimostrare troppo affetto ad una persona ancora innamorata. Sono stato ingenuo a sottovalutare questi aspetti e non credevo che stargli vicino potesse creargli false aspettative. Non pensavo che tale sentimento potesse arrivare alla morbosità, inducendolo a elargire minacce e ricatti. Non ho cambiato idea rispetto alla decisione presa quando ci siamo lasciati. In questi ultimi tre mesi, finita la relazione con Mario, sarei potuto tornare con lui, ma il sentimento non c'era e non c'è. Questo, evidentemente, deve averlo ferito. Quello che c'è stato tra me e Mario è stato un sentimento reale. Voglio scusarmi con lui se tutte le notizie che stanno uscendo, possono in qualche modo oscurare una relazione che per noi è stata speciale. Il percorso che ho fatto è stato vero e sincero. Lo è stato talmente tanto che, come nella vita reale, esistono il passato, le vecchie relazioni e i sentimenti.

Un post condiviso da Claudio Sona (@realclaudiosona) in data: