Clementino dal palco dopo le polemiche: "Non lancio l'erba, la fumo"

Clementino risponde a modo suo alle polemiche sul presunto lancio di filtri e cartine al concerto di Nocera Inferiore, ironizzando e facendo un altro lancio di kit con portachiavi con le sue effigi

Dopo la polemica aperta dopo il concerto di Clementino a Nocera Inferiore, il rapper è tornato sul palco e non ha mancato di rispondere, a modo suo, alle accuse che gli sono state rivolte.

Sabato sera, uno dei nuovi idoli dell'industria musicala napoletana è tornato sul palco a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli. Era il primo concerto di Clementino dopo quello del 2 gennaio a Nocera Inferiore, che gli è costato una segnalazione all'autorità giudiziaria per presunta istigazione all'uso di sostanze stupefacenti. In quell'occasione, Clementino lanciò dal palco alcuni kit che si sospettava contenessero cartine e filtri. Per questa ragione, l'organizzazione dell'evento ha anche sospeso il pagamento del cachet dovuto all'artista in attesa si nuovi sviluppi sulla vicenda.

Dal palco della bellissima città campana, il rapper ha quindi voluto replicare alle polemiche e l'ha fatto nel modo che conosce meglio, con una buona dose di ironia e provocazione. "Sono portachiavi, guardate bene, sono portachiavi", ha urlato dal palco il rapper, prima di lanciare alcune scatolette verso gli 8000 fan che si sono radunati per assistere al suo concerto sulla villa comunale. Il portachiavi riporta l'immagine di Clementino vestito come Pulcinella o San Gennaro. "Non lancio l'erba, la fumo", ha sottolineato Clementino alle 8000 persone che hanno dovuto attendere più di un'ora rispetto all'orario di inizio stabilito, visto che Clementino è saluto sul palco intorno alle 22. “Vi benedico in nome della cartina”, ha gridato il cantante rivolgendosi alla folla urlante che lo aspettava con impazienza e che è esplosa al suo arrivo. In quest'occasione, Clementino ha evitato di mostrare al pubblico lo spinello finto, realizzato in materiale plastico, che invece aveva esibito al concerto di Nocera Inferiore. Un gesto le cui immagini sono ora al vaglio della polizia della città salernitana, che avrebbe già inviato l'informativa alla Procura della Repubblica.

Il concerto di Castellamare di Stabia è stato un successo per Clementino, che non ha esitato a ironizzare sui fatti principali del giorno legati alla sua terra. Dai commenti sulla sconfitta del Napoli con la Lazio, firmata da Ciro Immobile, a quelli su Fabio Quagliarella, menzionato in un suo freestyle. Nel corso della serata, Clementino ha ricevuto una tela raffigurante la Cassa Armonica da parte del sindaco.

Il rapper non ha mai fatto mistero di fumare erba, lo ha ammesso lui stesso solo pochi giorni fa durante un'intervista a Repubblica, ma dopo il percorso di disintossicazione e riabilitazione non ha mai più fatto uso di droghe pesanti come la cocaina, che oggi non esista a definire "merda." Quel che non si spiega Clementino è il motivo per il quale finisca sempre lui al centro dell'attenzione mediatica, anche se tutti i rapper parlano di marijuana nelle loro canzoni: "Se la prendono con me che faccio tante attività sociali."

Commenti

6077

Lun, 13/01/2020 - 12:31

tirchio!!1!