Crozza in uscita da La7 s'invola verso Raiuno

Il comico resterà solo fino a dicembre. Nel nuovo canale di Cairo, votata al risparmio, costa troppo. Gli apre le porte la tv pubblica

Già gli spettatori de La7 smorzano i sorrisi e preparano i fazzoletti. Il loro entertainer preferito, il comico che gli regala venerdì sera esilaranti (da chiudersi in casa e non uscire), se ne va dal Paese delle meraviglie. Proprio così: quelle voci che avevano cominciato a circolare all'indomani del passaggio della rete Telecom a Cairo, pare si stiano concretizzando. Maurizio Crozza, l'uomo che ha donato a La7 numeri di ascolto altissimi, con molta probabilità chiuderà il rapporto con l'emittente a fine anno. Dunque lo vedremo ancora in onda al venerdì da settembre alla ripresa della stagione televisiva, ma non più dopo le feste natalizie. Pare proprio infatti che Cairo, il neo proprietario che sta cercando di far ripartire la rete tagliando spese a più non posso, abbia deciso che lo show del comico sia troppo dispendioso. E che dunque ci siano gli estremi per chiudere (consensualmente) il contratto con l'artista. In effetti l'intera produzione annuale (una trentina di puntate), stando a cifre circolate nei mesi scorsi, si aggira sui 14 milioni , che non sono pochi ma comunque compensati da uno share importante che supera la media del 10 per cento. Risultati ottimi però non più sostenibili, soprattutto nell'ottica di un rete che sta virando pesantemente verso il «popular» come i neo acquisti di Rita Dalla Chiesa per il pomeriggio e addirittura Miss Italia stanno a dimostrare. Scelte che iniziano a suscitare polemiche all'interno delle rete. In serata, il direttore del tg de La7 Enrico Mentana ha pubblicato un post al vetriolo su Facebook: «Miss Italia su La7? Anche no, grazie. L'identità di rete è una cosa seria».

Comunque, non preoccupatevi fan indefessi di Briatore-Veltroni-Renzi-Formigoni-Napolitano-Bossi-Berlusconi versione Crozza: il vostro showman preferito troverà certamente un altro Paese delle meraviglie pronto ad ospitarlo. Qualunque televisione, da Mediaset a Sky, vorrebbe averlo in squadra. Ma pare - e ribadiamo pare - che questa volta il comico sia pronto al grandissimo salto: il primo canale Rai, che l'ha già visto protagonista nell'ultimo Festival di Sanremo (e prima a Rockpolitik con Celentano) e che ora lo aspetterebbe a braccia aperte per una grande prima serata. Certo, i tempi non saranno brevi, ma il direttore di Raiuno Giancarlo Leone non nega di averlo nel carnet dei suoi desideri (e lo ha difeso a spada tratta dai fischi arrivati al Festival per l'imitazione di Berlusconi) e il comico sarebbe certamente contento di andare incontro a un pubblico vasto: ve l'immaginate che tintinnante successo sul primo canale? Insomma, Crozza potrebbe fare il passaggio già a primavera o forse nell'autunno 2014. Il contratto con La7 scade a giugno prossimo, ma una clausola consente la rescissione anche prima. E dunque il comico si va ad aggiungere alla lunga lista di volti noti - in gran parte della sinistra chic - che sono spariti dalla rete: dalle sorelle Parodi a Gad Lerner a Geppi Cucciari. A proposito, anche quest'ultima è in dirittura d'arrivo su Raiuno a fine anno: per lei si sta pensando a una seconda serata, in chiave ironica, su arte e architettura insieme a un grande critico d'arte contemporanea, titolo provvisorio Dopotutto non è brutto. E se si ricorda che entrambi - lei e Crozza - sono rappresentati dallo stesso agente, Beppe Caschetto, i giochi si chiariscono: un trasferimento trascina l'altro...

In ogni caso, il pezzo forte resta Crozza: il suo arrivo sul primo canale certamente contribuirebbe a svecchiare e ridare luce alla rete che negli ultimi mesi si è arenata sul fronte intrattenimento, infilando una serie di show debolucci. La prossima stagione appare più brillante: si parte il 2 settembre con la serata evento di Jovanotti, un medley della tappe del suo ultimo tour. Dunque, annata avviata dalla musica a palla invece che dalla muta e noiosa sfilata di belle figliole di Miss Italia. «Il due settembre c'era un vuoto - recita divertito Lorenzo in uno dei tanti spot con cui sta promuovendo via web il suo show - Miss Italia aveva la gamba storta e non c'erano in Rai cosce di scorta... Ecco qualcosa che la vena aorta fa pompare come un maremoto: il mio concerto senza televoto...».

Commenti

alex8330

Ven, 23/08/2013 - 08:54

crozza su raiuno?? non è una novità che il servizio pubblico si circondi di sinistrati, ma questa volta sarà battaglia, noi elettori del pdl ci siamo stufati di pagare il canone per vederci umiliati e offesi da questi individui

epc

Ven, 23/08/2013 - 09:36

Premetto che da anni non ho la televisione e vivo felice. Premetto anche che, fra i vari, Crozza quelle rare volte che lo vedo a casa di mia sorella mi piace molto. Però non capisco una cosa: Crozza costa, evidentemente costa così tanto che il capo della sua rete non produce più il suo show nonostante ammetta che gli procura grossi ascolti. E a quel punto salta fuori lo Stato, sì, la televisione di Stato, e se lo piglia lei? Evidentemente anche in periodi di crisi economica la RAI ha soldi a palate da spendere e spandere! Ripeto, non entro nel merito di Crozza in particolare, ma qui mi sembra che stiamo veramente divergendo sulle spese fatte dagli enti pubblici....

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Ven, 23/08/2013 - 09:41

la RAI tutta la barra a sinistra ,tanto PAGA COn SOLDI PUBBLICI eche gliemporta??..I FESSI SIAMO NOI

Ritratto di bergat

bergat

Ven, 23/08/2013 - 10:00

Se ne va da La7 perché costa troppo? ma non lo faceva gratis? che illuso che sono e se lo prende la RAI? ah già tanto paga Pantalone!

f.waismann

Ven, 23/08/2013 - 10:04

alex8330 - Ti appoggio. Se ti senti "umiliato" come elettore del pdl sei già sulla buona strada.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 23/08/2013 - 10:17

Compagni con posto garantito. La Rai va demolita. Il giorno che lo capiranno sara' troppo tardi.

mar75

Ven, 23/08/2013 - 10:41

Se il suo programma sulla RAI facesse buoni ascolti e facesse guadagnare soldi alla RAI voi che vi vantate di pagare il canone come la prendereste? Preferireste che la RAI rinunci a quel programma perché fatto da un "sinistro" e rimanesse piena di debiti? Forse ve lo siete dimenticati ma Celentano, che tanto criticate perché "sinistro", appena un anno fa venne pagato per fare un programma su canale 5. Il programma fece un ottimo ascolto e mediaset ci guadagnò. Qualora ne foste ignari, vi ricordo che mediaset appartiene a quel tipo che ce l'ha tanto con i "sinistri e comunisti".... evidentemente lui e la sua combriccola sanno come guadagnare soldi usando anche le persone "comuniste" mentre voi non volete che queste vengano assunte dalla RAI.

Ritratto di limick

limick

Ven, 23/08/2013 - 10:51

Alla fine se non interviene MANNA STATO a pagare certi personaggi non avrebbero ne arte ne parte, no dai.. parte sempre!! Quando un privato va in rimessa vende i suoi scarti allo stato. Elementare, se poi e' amico degli amici e' un diritto acquisito.

moranma

Ven, 23/08/2013 - 11:35

politica industriale miope oppure...non è che per Cairo, Crozza sia troppo antiberlusconiano o comunque troppo di sinistra?

schiacciarayban

Ven, 23/08/2013 - 11:59

Siccome Cairo i conti li sa fare e molla Crozza nonostante sia il suo programma di punta, è evidente che il programma di Crozza non è remunerativo, anzi è in perdita. E allora chi spunta? La RAI naturalmente che tanto i soldi li ha sempre persi... perchè sono i nostri!

Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Ven, 23/08/2013 - 12:00

Bellissimo annuncio che trasloca in RAI1 e non in RAI3. Alleluia...

cgf

Ven, 23/08/2013 - 12:04

Byte byte crozza, primavera 2015 sarai più nessuno, farai fatica incassare 300mila a serata altro che 14milioni per 30

Angel59

Ven, 23/08/2013 - 12:50

Ma c'è ancora qualcuno che riesce a ridere con la sua satira partigiana??

giottin

Ven, 23/08/2013 - 13:59

Dov'è il problema se a La7 cosata troppo, in rai basta un ritocchino al canone!!!!

Ritratto di bracco

bracco

Ven, 23/08/2013 - 14:37

Cavoli ma la RAI vuole diventare tutta doc di sinistra ?

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 23/08/2013 - 15:01

la rai sta a Lampedusa tanto quanto LA7 sta alla Tunisia e crozza e' un pezzaro su un canotto semiaffondato che si sbraccia per essere salvato dalla Guardia Costiera.

chinawa58

Ven, 23/08/2013 - 15:45

XMar75 non è la stessa cosa,ammetto che non mi piace il Crozza di per se, ma il solo fatto che con il mio modesto versamento annuale chiamato canone Rai contribbuisca a pagare un'altro buffone,e dato che nella televisione pubblica ce ne sono troppi da "Saviano,Fazio,Flores,Annunziata,Berlinguer".