Il docufilm (censurato) sulle ultime ore del Duce

"Tragica Alba a Dongo" fu girato nel 1950 con testimoni diretti. E bloccato più volte

Si pensava che fosse ormai perduto, un documentario semi-amatoriale inedito, una testimonianza sulle ultime ore di Benito Mussolini e Claretta Petacci. Ieri Tragica Alba a Dongo è stato presentato al Torino Film Festival, recuperato e completamente restaurato: un cortometraggio di 38 minuti, girato da Vittorio Crucillà nel 1950, che è dedicato proprio alla fine del Duce, agli ultimi momenti sul lago di Como fra il 27 e il 28 aprile del 1945. Il documentario di Crucillà fu fermato dalla censura più volte: «Fu Andreotti a bloccarne la distribuzione, e a più riprese: nel 1950, nel 1953 e ancora negli anni '60» ha spiegato il direttore del Museo nazionale del Cinema di Torino Antonio Barbera. La motivazione, ogni volta, era la stessa: «C'è il rischio di danneggiare moralmente l'immagine del Paese».Perciò gli italiani non hanno mai potuto vedere questo cortometraggio in bianco e nero, che ricostruisce «artigianalmente» gli ultimi episodi della vita di Mussolini, attraverso riprese nei luoghi reali e attori non professionisti: alcuni testimoni degli eventi; altri sono gli stessi partigiani che bloccarono il convoglio tedesco che trasportava il Duce; poi i coniugi Di Maria, proprietari del casolare in cui Mussolini e la Petacci furono rinchiusi prima della morte. Immagini (incluse quelle della fucilazione) che la censura ha considerato, per anni, troppo forti; perfino il comune di Dongo si era opposto alla distribuzione del cortometraggio, per non essere accusato di «efferatezza».

Insomma Crucillà, che era un giornalista e non un regista, era riuscito a scontentare tutti: «Il suo intento era raccontare un fatto su cui il governo italiano non amava soffermarsi - ha aggiunto lo storico Giovanni De Luna - Anche la famiglia di Mussolini si era opposta». Dato ormai per perso, il «docufilm» di Crucillà è stato ritrovato in una cantina austriaca di proprietà della famiglia Paternò di Pinerolo e poi restaurato dal Museo nazionale del cinema di Torino, presso il laboratorio L'Immagine ritrovata di Bologna.RS

Commenti

vincenzo

Mar, 24/11/2015 - 11:45

Grandioso!"Per non danneggiare moralmente il Paese "!Da sbellicarsi dalle risate!Non mi mancano gli argomenti,bensì le parole,per confutare la buffonata!

Ritratto di FRANZ58

FRANZ58

Mar, 24/11/2015 - 11:53

SE LA PELLICOLA RIPRODUCE FEDELMENTE UNA VERITA'STORICA DEVE ESSERE VISTA, E' UN NOSTRO DIRITTO. SE DANNEGGIA MORALMENTE IL PAESE, IL PROBLEMA NON E' NOSTRO, MA DI CHI NE E' RESPONSABILE.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 24/11/2015 - 12:34

Non capisco le motivazioni di questa presunta censura. Riguardo ad Andreotti tuttavia la questione non mi meraviglia. Quella sua frase "i panni sporchi si lavano in famiglia" è entrata nella storia.

Ritratto di marione1944

marione1944

Mar, 24/11/2015 - 14:38

Fare un bel DVD e venderlo con una copia del Giornale. Chi la vuol vedere la compera e chi no la lascia al giornalaio. Possibile?

Ma.at

Mar, 24/11/2015 - 15:35

Se dopo 70 anni i comunisti continuano a far censurare questo filmato è chiaro che contiene qualcosa che ci è stato nascosto e che i fatti non sono quelli che ci sono stati raccontati dai partigiani.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 24/11/2015 - 17:47

Ma.at: ad opporsi alla diffusione fu il governo italiano (che comunista non era), fu Andreotti (che comunista non era) fu il comune di Dongo (che non mi risulta fosse comunista) e fu anche la famiglia Mussolini (che sicuramente comunisti non erano)! Come al solito basterebbe leggere prima di parlare.