"Ecco il bello della mia libertà: non dire per forza cose di sinistra"

L'artista riparte in tour con Fedez e poi torna solista: "Ecco il bello della mia libertà: non dire per forza cose di sinistra"

Alla fine arriva il J-Ax che non t'aspetti. E il bello di esser nuovi (parafrasando il titolo del suo ultimo disco da solista, Il bello d'esser brutti) è che non sei diverso da prima, sei solo più completo. «Son papà da poco e ho anche smesso di fumare. Di fumare tutto. Ed è successo naturalmente», spiega lui che in quel «tutto» include anche la cosiddetta «maria». Un colpo di scena. Dopo il doppio platino per il disco Comunisti col Rolex registrato con Fedez e un tour di indubbio successo, ora è a casa con suo figlio e si prepara alle undici date grazie alle quali dal 19 giugno girerà di nuovo l'Italia scatenando come sempre il finimondo. Di biglietti venduti. Di entusiasmo. E, manco a dirlo, di polemiche e bagattelle social. Insomma, la tipica tabella di marcia di chi, come dicono i colti, polarizza il pubblico. Pro o contro. Buono o cattivo. Ma comunque al centro dell'attenzione.

Però, caro J-Ax, dovrebbe esserci abituato.

«In ogni caso è sempre intenso come ai tempi di Tranqi funky con gli Articolo 31».

Appunto.

«Però in questo tour, nel quale concerto dopo concerto è cresciuto l'affiatamento con Fedez, da una parte ogni sera c'erano grandi numeri e dall'altra ogni giorno una polemica qualsiasi, persino sui nostri firma copie».

Nel frattempo è diventato papà.

«E vedo il mondo con occhi diversi».

Ad esempio?

«Per tutta la vita ho trovato noiosi i padri che ti costringevano a vedere le foto dei figli, adesso no... Cambia il tuo punto di vista e inizi a preoccuparti del loro futuro, dalle cose più banali fino al riscaldamento globale. E inizi anche a rivedere il tuo passato».

Per spiegarglielo?

«Beh da Tocca qui fino a Maria Salvador, ho molti testi sui quali dovrò dare spiegazioni». (sorride - ndr)

E come farà?

«Diciamo che il punto fermo è che l'abuso di qualsiasi sostanza è sbagliato. Poi la prenderò alla larga parlando di libero pensiero e libertà di agire».

J-Ax liberale.

«Preferisco libertario. Parto da sinistra, ma dopo tanti viaggi in Usa ora mi identifico con le idee del Left-libertarianism».

Traduca.

«In sostanza, sono d'accordo che ci debba essere il welfare con la sanità pubblica eccetera. Ma non è necessario arrivare al 70 per cento di tasse come da noi, basta il 10 per cento».

«Dalla lotta di classe alla botta di tasse», come cantate in Senza pagare da Comunisti col Rolex. In un post su Facebook si schiera per la difesa armata dei cittadini.

«Attenzione: non è una presa di posizione contro i clandestini o un invito a sparare al Rom, questa è roba da disinformazione. In realtà parto dal presupposto che dentro casa mia io sono il re. E lo stato ha fallito nell'intento di garantire molti diritti fondamentali ai cittadini. Tra questi la difesa. E quindi a questo punto credo che ogni uomo possa essere il re del proprio castello e mandare via chi vuole oppure non farlo entrare».

Le danno del qualunquista.

«Io sono incolto e ignorante rispetto a tante voci che si sentono opinion leader. Ma parlo senza filtri ideologici, cercando di usare buon senso».

In Italia si rischia comunque di essere etichettati.

«Infatti trovo assurdo dire soltanto cose di sinistra se poi, come nel mio caso, parlo di difesa personale. Tutto voglio essere considerato tranne che un cantante della sinistra oppure un reazionario».

Sul web c'è la critica facile (e gratuita).

«Da trent'anni vedo gente che cerca di emergere criticando in ogni modo. Sono i più facili da comprare. Prima c'erano i giornali specializzati, poi c'è stato un momento di stanca. Ma, come si dice volgarmente, gli stronzi vengono sempre a galla. Oltretutto adesso l'hating ti rende virale».

Gira voce che il protagonismo di Fedez all'Arena di Verona (la proposta di matrimonio a Chiara Ferragni) l'avrebbe infastidita.

«Ma secondo lei Fedez non me l'aveva chiesto prima? Sono romantico e ho detto di sì».

Avete fondato la Newtopia che ha lanciato, tra l'altro, Rovazzi.

«Viene spesso scambiato per un cantante, ma lui è un musicista audio visual sulla falsariga del trio The Lonely Island al Saturday Night Live.

Insieme avete appena prodotto il nuovo brano di Sergio Sylvestre.

«Abbiamo aderito alla campagna Tuborg Open elaborando un beat di Major Leazer».

Il vostro tour finisce il 3 settembre. Dopo una settimana si «dovrebbe» votare.

«Beh sarà divertente vedere sui cartelloni elettorali se i candidati hanno superato o no la prova costume... A parte gli scherzi, sarebbe bello votare il prima possibile ma non credo proprio accadrà».

E poi?

«Adesso sto scrivendo i featuring che mi hanno chiesto, tanto per dire, programmi tv, un gruppo underground e un trio di comici. E poi sia io che Fedez ci concentreremo sui nostri nuovi dischi solisti...».

Commenti

manfredog

Sab, 03/06/2017 - 14:07

..che poi le cose cosiddette di sinistra siano sempre le più giuste è ancora tutto da dimostrare; però sono di sinistra..vuoi mettere..eh..!! mg.

Ritratto di adoroilmare

adoroilmare

Sab, 03/06/2017 - 19:03

grande ax!!! nel bene o nel male sempre vero e coerente ....

Siciliano1

Lun, 05/06/2017 - 07:29

Stà maturando. Bene, sei simpatico.