Fca, scontro Italia-Germania

Il ministro dei Trasporti tedesco: "Fca ritiri i modelli illegali". Delrio: "Irricevibile". Calenda: "Berlino pensi a Volkswagen"

È scontro Italia-Germania su Fca. Il tutto è scaturito a seguito delle dichirazioni del titolare ai Trasporti tedesco Alexander Dobrindt, che in una intervista alla Bild on Sonntag ha affermato che "le autorità italiane sapevano da mesi che Fca, nell'opinione dei nostri esperti, usava dispositivi di spegnimento illegali" e che la commissione Ue "deve conseguentemente garantire il richiamo" di alcuni modelli.

"Se Berlino si occupasse di Volkswagen, non farebbe un soldo di danno". Così il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda ha commentato le polemiche con la Germania sui presunti casi di dieselgate in Usa per Fca. Parlando a margine della presentazione di "Faccia a faccia" su La7, il ministro ha detto - in merito alla pronuncia dell'Epa, che ha rilevato le anomalie sui veicoli Usa di Fca - che "di solito sono agenzie abbastanza indipendenti".

"La richiesta della Germania alla Ue di una campagna di ritiro delle Fca è totalmente irricevibile", ha tuonato Graziano Delrio, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti commentando le dichiarazioni del ministro tedesco Alexander Dobrindt.

"Abbiamo accettato di istituire una commissione di mediazione presso la Commissione Europea a Bruxelles esattamente perché non abbiamo niente da nascondere. I nostri test dimostrano che non esistono dispositivi illegali e comportamenti anomali. Questa interpretazione della Germania va contro le regole che ci siamo dati, di responsabilità di ogni nazione verso le proprie case produttive. Noi non abbiamo chiesto nessuna ulteriore indagine da parte di Volkswagen, ci siamo fidati di loro, ed è giusto che il confronto avvenga sulla fiducia e il rispetto reciproco. Presenteremo a Bruxelles i risultati dei nostri test e lì confronteremo i nostri dati con quelli di tutti i produttori. L'Italia ha una posizione di totale trasparenza. Le nostre strategie mirano a ridurre drasticamente le emissioni di CO2 nel trasporto stradale e per questo abbiamo deciso, insieme agli altri Paesi, che alla fine di quest'anno entreranno in vigore i test di controllo direttamente su strada, dove il comportamento del veicolo è ovviamente più rispondente al comportamento usuale".

Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Dom, 15/01/2017 - 20:46

Italia-Germania: 4-3.

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Dom, 15/01/2017 - 20:57

Boicottiamo le auto tedesche!!!

un_infiltrato

Dom, 15/01/2017 - 21:03

Il ministro Carlo Calenda - che avrei visto molto volentieri in qualità di premier - mi sembra l'unica persona seria di questo governo che definire "strano" è puro eufemismo.

Tormanhero68

Dom, 15/01/2017 - 21:14

compriamo tutti "made in Italy" basta krukki e krauti.

masbalde

Dom, 15/01/2017 - 21:41

Ma la FCA merita di essere difesa dal Ministro Italiano se ha sede legale in Olanda e sede fiscale a Londra???????

Gius1

Dom, 15/01/2017 - 21:50

Non compriamo piu merce tedesca. Loro vogliono la guerra ? e sia.

Una-mattina-mi-...

Dom, 15/01/2017 - 22:02

CI AMANO, NON C'E' DUBBIO

killkoms

Dom, 15/01/2017 - 22:10

secondo i crucchi,se fregano loro.fregano tutti!

cangurino

Dom, 15/01/2017 - 22:51

i fatti sono: vw+audi hanno prodotto qualche centinaio di migliaia di auto taroccate per infinocchiare i clienti. Negli USA si son beccati 4 e rotti mld di sanzione dalle autorità ed altrettanto dovranno risarcire ai clienti usa. In Europa è stato passato tutto sotto silenzio. Che han fatto le autorità italiane? Nulla. Ora che ci sono sospetti su FCA (ma non c'e dispositivo illegale), i crucchi pretenderanno sanzioni europee. E magari ce la faranno, con i politici italiani sempre proni. Viva l'europa ...

lawless

Dom, 15/01/2017 - 22:53

altra ennesima dimostrazione che l'EUROPA E' UNITA, evviva gli europeisti doc!

filder

Dom, 15/01/2017 - 23:10

Per masbalde, secondo la sua intelligenza solo perché la FCA ha una sede legale fuori dall' Italia sarebbe opportuno chiudere tutte le fabbriche e poi? le migliaia di operai li mandiamo da Lei? Un'altra cosa sono gli atteggiamenti dei krucchi che avendo trovato terreno fertile in quanto noi abbiamo un governo senza le palle, ricominciano ad alzare la cresta della loro stupidità e per farla breve un altro governo in primis non avrebbe comprato la Seat (VW) per la nostra Polizia di Stato in secondo siccome le macchine in oggetto montano i famosi motori truccati dovrebbero cogliere l'occasione ad obbligare la Seat a riprenderseli indietro annullando il contratto così poi finirebbero tutti i mal di pancia dei nostri amici teutonici.

Ritratto di orcocan

orcocan

Dom, 15/01/2017 - 23:25

Mi risulta che le auto sotto inchiesta circolino tutte negli USA. Comunque sarebbe ora che la Germania "Über Alles" la smettesse di proteggere se stessa e dare lezioni a tutta l'Europa.

cgf

Dom, 15/01/2017 - 23:46

ammesso che siano davvero illegali, nb sono 18 mesi che EPA e FCA lavorano gomito a gomito, di cosa parlano? e non mi risulta che VW abbia ritirato/sostituito modelli fino ad oggi, btw la mia GOLF? ho fatto richiesta e...

Ritratto di filatelico

filatelico

Lun, 16/01/2017 - 05:21

Basta INGERENZE dei Krukki!!! Per la cronaca il direttore della VW USA è stato ARRESTATO !!!!

Ritratto di blackeagle

blackeagle

Lun, 16/01/2017 - 08:21

Io non riesco a capire perchè l'italia deve difendere una società con sede in Olanda ed inghilterra!

killkoms

Lun, 16/01/2017 - 20:32

@blackeagle,semplicemente perché da lavoro ad oltre 63.000 italiani!se i vari "incazzatori",tipo landini e c.,fossero stati altra gente,forse la sede fiat (che non è esente da colpe storiche,anzi ataviche) rimaneva in Italia!

masbalde

Gio, 19/01/2017 - 23:58

per filder: per lo stesso motivo lo Stato italiano dovrebbe difendere vw audi e altri tedeschi che sono i proprietari di ducati Lamborghini etc. difendere l'olio spagnolo xchè ha comprato i maggiori marchi italiani quali sasso cuore etc. La questione non è la difesa di fiat, è obbligare o controllare fiat a stare nella legalità e trasparenza. Così si difendono gli operai ed i consumatori Italiani. E questo ne renzi ne del rio ne gentiloni lo stanno facendo. Per non parlare della magistratura che ha semplicemente ignorato tutte queste vicende. Forse Fia fa sconti speciali a certe categorie statali, oggi non saprei ma anni fa era così.