Game of Thrones, l'ottava stagione sarà l'ultima ma la storia potrebbe continuare

Il presidente di Hbo ha confermato che l'ottava stagione di Game of Thrones sarà l'ultima. Ma ha anche detto che la storia potrebbe continuare in qualche modo

Tutte le serie televisive hanno una fine. La migliore possibile è quando sono i creatori stessi della serie a deciderne i modi e i tempi. È quello che accadrà a Game of Thrones. Gli autori David Benioff e Dan Weiss da tempo avevano detto che la loro intenzione era quella di concludere la storia con l'ottava stagione. "Vorremmo realizzare altri tredici episodi: sette per la prossima stagione e sei per l'ottava e ultima", avevano detto qualche mese fa. Hbo, il network che produce e trasmette la serie negli Stati Uniti, poche settimane fa li aveva accontentati sulla settima stagione, ma non si era ancora espressa sull'ottava. "Loro hanno un piano preciso in mente sul numero di stagioni da realizzare", ha detto Casey Bloys, presidente del canale. "Fosse per me fare altre 10 stagioni, ma asseconderemo la loro idea su ciò che è meglio per lo show".

Nessuna conferma sul numero di episodi, ma una certezza: l'ottava stagione di Game of Thrones sarà l'ultima. D'altronde la qualità della serie è talmente alta che sarebbe un peccato portarla allo stremo solo per assecondare le logiche di guadagno del network: la fortuna è che lo abbiano capito persino in Hbo che è pronta a rinunciare alla sua gallina dalle uova d'oro pur di non rovinare uno dei migliori show mai realizzati.

Tutte le storie hanno una fine, ma proprio perché finiscono permettono ad altre di nascere. E dopo il Trono di Spade potrebbe arrivare uno spin off. Bloys non lo esclude. "Ne abbiamo parlato. È qualcosa a cui non mi oppongo. Ma ovviamente deve avere senso". Parlarne adesso, quando non è ancora partita la produzione della settima stagione, è prematuro. "Benioff e Weiss non credo possano pensarci adesso che stanno per incominciare a girare la nuova stagione. Sono aperto all'idea e anche i ragazzi non si sono detti contrari. Ma non ci sono piani concreti al momento". Un'idea ad esempio, potrebbe essere portare sul piccolo schermo i romanzi prequel scritti da George Martin, autore della saga delle Cronache del Ghiaccio del Fuoco su cui la serie è basata.