La grande globalizzazione? Roba da Medioevo (islamico)

Una serie di saggi ci mostra come alcuni dei fenomeni che ci preoccupano oggi siano in realtà molto antichi

Il presente è spesso una lente deformante. A esempio se parliamo dell'oggi la parola che più sembra descriverlo è globalizzazione. Un fenomeno politico, ma soprattutto sociale ed economico che sembra esserci piombato all'improvviso sulla testa. Ma è davvero così? Noi siamo di fronte, certo, a una accelerazione impressionante, però di globalizzazioni ce ne sono state tante. E la nostra è figlia della prima grande globalizzazione medievale.

Qualche esempio. Prendiamolo dal libro appena uscito dello storico Paolo Grillo, L'Europa e la globalizzazione medievale (Mondadori, pagg. 281, euro 22). I vichinghi avevano sicuramente raggiunto le coste del Nord America, abbiamo trovato i loro insediamenti. La loro era un'espansione portata avanti per dare la caccia alle zanne di tricheco, all'epoca principale fonte d'avorio per l'Europa e non solo. Insomma un villaggio vichingo costruito a Terranova o in Groenlandia, esisteva perché poteva far finire avorio sino a Costantinopoli. Poi trac. Tra il XII e il XIII secolo qualcosa cambiò di colpo. Tra il fiume Zambesi e il Lipompo nacque il regno di Mapungubwe. Fece dell'esportazione di zanne di elefanti un business. I mercanti arabi si misero a fare felicemente da tramite. Da loro, la merce passò in mano ai genovesi che avevano appena messo a punto come le altre città marinare italiane, la galea grossa, adattissima a portare le grosse zanne in ogni dove. Risultato? Il crollo economico degli insediamenti vichinghi in Groenlandia e di conseguenza dei loro avamposti per la pesca al tricheco in America.

Quindi quando qualcuno pensa di fermare gli effetti economici della globalizzazione è meglio che torni indietro di qualche secolo... Senza contare che un primo fondamentale passaggio globalizzante, un vero ponte tra oriente e occidente, era stato portato avanti, a fil di spada dagli arabi. Per accorgersene vengono utili due altri volumi di storia appena pubblicati: Le grandi conquiste arabe (Iduna) di John Bagot Glubb (1897-1986) e Il mondo islamico. Una storia per oggetti (Einaudi).

Il primo scritto da quello che è passato alla storia come Glubb pascià, ovvero il generale britannico che comandò la legione transgiordana tra il 1939 e il 1956, mette bene l'accento su quanto l'espansione araba sia stata un fenomeno velocissimo, capace di unire un mondo prima spezzato in due tra Impero bizantino e Impero persiano tra il 622 e il 750 dopo Cristo. Gli arabi sulla spinta di una missione religiosa crearono un enorme ponte tra Oriente e Occidente.

Un ponte globalizzante e ben poco arabo come scriveva Glubb già nel 1963: «Le prime e più drammatiche conquiste furono effettuate unicamente da arabi appartenenti a tribù nomadi. Poi poco alla volta, l'impero si sbarazzò di loro. Alcuni, stabilitisi nei territori conquistati, si erano sposati con razze diverse, amalgamandosi e disperdendosi; altri, rimasti nomadi nell'Arabia centrale, avevano finito per restare tagliati fuori dai centri di attività di quell'impero da loro stessi creato». Tanto che la storia delle conquiste arabe non è stata scritta da arabi. Nasceva così un mondo islamico che per secoli fu tutt'altro che integralista o univoco e in cui i globalizzatori armati erano stati la prima vittima culturale della globalizzazione.

E per rendersi conto della portata di questo fenomeno, niente di meglio che esaminare l'enorme quantitativo di cultura materiale generata dal mondo islamico ed è in questo che risulta utilissima la succitata Storia per oggetti. Dalla lavorazione dei metalli alle mattonelle ikhanidi decorate a lustro agli scacchi: i territori (e i mercanti) islamici si trasformarono in una centrale di produzione e di smistamento di beni di ogni tipo. Molti dei quali oggi farebbero rizzare i peli della barba ai seguaci di un moderno radicalismo islamico d'accatto che i grandi poeti sufi, come il molto scettico al-Ghazali, avrebbero preso a pernacchie.

Vi sembra tutto già abbastanza globale? Beh se leggete le pagine dedicata da Paolo Gillo all'espansione mongola vi risulterà evidente come Gengis Khan e i suoi eredi abbiano portato al culmine congiungendo tutta l'Asia quella globalizzazione. E fu un tremendo choc. Basta leggere i resoconti d'epoca di Maestro Ruggero e intitolati Carmen miserabile o Storia dei Mongoli di frate Giovanni da Pian del Carmine. Si era aperta quella porta globale che seppero sfruttare mercanti come Marco Polo. Questa globalizzazione ante litteram si chiuse poi a metà del XIV secolo a causa di una serie di crisi e guerre. E ci volle un bel po' per riaprirla. Ed è anche questa una lezione della storia che dovremmo ricordare.

Commenti

manfredog

Ven, 29/11/2019 - 09:58

...e la globalizzazione comunista dove la mettiamo, nella pagina più rosso sangue della storia!? mg.

fifaus

Ven, 29/11/2019 - 11:53

"Quindi quando qualcuno pensa di fermare gli effetti economici della globalizzazione è meglio che torni indietro di qualche secolo..." Beh, non c'è dubbio che stiamo tornando indietro, molto indietro...

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 29/11/2019 - 13:29

Io penso che la globalizzazione vada seriamente riconsiderata. Ha ingrassato alcune multinazionali ma è stato un disastro per i popoli dal puto di vista economico, sociale e sanitario.

GPTalamo

Ven, 29/11/2019 - 16:03

Pienamente d'accordo col giornalista Matteo Sacchi. Dopo il settimo secolo l'islam ha globalizzato rapidamente gran parte del mediterraneo, prendendo grandi territori che hanno incluso Spagna meridionale, tutto il nord Africa che aveva un retaggio romano e cristiano (si pensi al tunisino Sant'Agostino), la Turchia (dove Roma mandava governatori come Plinio il giovane), eccetera. Vi piace la globalizzazione, sempre e comunque? L'Italia verra' islamizzata, e ci conquisteranno con la pace, demograficamente, non con la guerra come una volta.

Vita.Bruno

Sab, 30/11/2019 - 16:04

Spero che lo storico Grillo abbia almeno accennato alla prima vera globalizzazione dell'Impero Romano e che, visto che il suo libro parla del Medioevo, abbia anche parlato delle grandi Fiere in Europa dove banchieri e mercanti si ritrovavano regolarmente e per lunghi periodi. La sua mi sembra più la storia dell'invasione araba che quella di una globalizzazione pacifica. Un altro dettaglio che mi sembra improprio è quello del motivo del crollo economico degli insediamenti vichinghi in Groenlandia : bisogna ricordare che in quel periodo il clima cominciò a raffreddarsi dopo l'optimum medioevale che aveva permesso ai Vichinghi di stabilirsi in Islanda e poi in Groenlandia. E quindi abbandonarono una terra divenuta inospitale. ( Ne approfitto per ricordare che le Grandi Civiltà sono nate sempre in regioni con clima da temperato a caldo, non caldissimo, e in vicinanza di corsi d'acqua )