Iva Zanicchi contro Ornella Vanoni: "Io posso cantare le sue canzoni, non il contrario"

E su Ok, il prezzo è giusto rivela: "Sì, ero in pantofole"

"Con Patty Pravo rivalità mai, è venuta dopo. Con Orietta Berti mai. Una certa rivalità con Mina, ma non è vero. Quando sono entrata nella mia prima casa discografica lei era già lì, una grande diva che cantava da 4-5 anni con i suoi grandi successi. Milva mai. Era più Ornella Vanoni". A Detto fatto Iva Zanicchi passa in rassegna le rivalità che hanno segnato la sua carriera.

E proprio su Ornella Vanoni ha rivelato: "Spesso e volentieri, quando andavo a fare i miei concerti, mi chiedevano una canzone di Ornella, Un'ora sola ti vorrei, perché erano convinti fosse mia. Lei un giorno mi fermò arrabbiata: Sai che tutti pensano che sia tua la mia canzone?. Amore, io la canto perché me la richiedono. E lei: Hanno l'impudenza di chiedere Fiume amaro a me. Hanno ragione perché Fiume amaro tu non lo puoi cantare".

Poi conferma un aneddoto sulla trasmissione che l'ha resa famosa, Ok, il prezzo è giusto: "È vero, indossavo le ciabatte perché ho passato 14 anni nello stesso studio, eravamo molto amici. Facevamo anche 4 puntate al giorno. Il regista mi diceva che non mi avrebbe ripreso e invece faceva la zoommata sulle ciabatte. Ero diventata per il pubblico della tv la zia con le ciabatte".