Johnny Depp rischia dieci anni per avere portato i cani in Australia

Erano con lui sul jet privato diretto nel Paese dei canguri. Che ha norme molto severe su cosa può o non può entrare nei suoi confini

Johnny Depp in Pirati dei Caraibi

Le norme che regolano l'ingresso in Australia sono molto stringenti. Introdurre cibo o animali nel Paese senza dichiararlo può portare anche a punizioni molto severe. Lo sa bene, ora, anche Johnny Depp, arrivato nel Paese con i suoi cani sul jet privato e subito bloccato.

L'attore, che al momento sta girando il nuovo episodio della serie Pirati dei Caraibi, lo scorso mese ha portato in Australia due Yorkshire terrier senza dichiararli. Ieri una commissione del Senato ha chiarito che, se si arrivasse al tribunale, rischierebbe dieci anni di carcere e una multa fino a 340.000 dollari australiani (quasi 250mila euro).

Commenti
Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mar, 26/05/2015 - 13:10

Cioè Depp non può viaggiare con i propri simili?

Ritratto di Mario96

Mario96

Mar, 26/05/2015 - 13:13

L'Australia è un paese serio , le regole ci sono e devono essere rispettate da tutti, mica come in Italia che soccorriamo i migranti irregolari sui barconi in acque territoriali libiche.... e poi dimentichiamo di identificarli sperando vadano in un altro paese europeo salvo accorgersi che potrebbero essere terroristi.

agosvac

Mar, 26/05/2015 - 13:23

Questa legge, si presume, serve solo ad evitare che s'introducano in Australia delle malattie indesiderate. Ma il solo pensare che i due cani di Depp non siano super controllati e super vaccinati contro tutte le malattie dei cani è pura idiozia. In effetti un Governo che applica certe regole senza distinguere tra i vari casi è un Governo idiota. La cosa sarebbe stata facilmente superata facendo controllare i due cani da un bravo veterinario, questo qualora ci fossero state persone intelligenti ad occuparsene. E pensare che credevo che solo l'Italia fosse governata da idioti allo stato puro!!!!!!!!!

cgf

Mar, 26/05/2015 - 13:55

gli avevano dato la possibilità di portarli fuori subito e regolarizzare un nuovo ingresso, ma non aveva tempo... se dovesse essere incriminato lo fanno più uscire dal Paese e vedrai che il tempo lo trova, magari anche 10 anni.

mariolino50

Mar, 26/05/2015 - 15:27

Gli australiani devono andare a quel paese, ma chi si credono di essere, magari mangiano certe porcherie, il canguro quà loro lo mandano e noi si prende senza tante storie, non è nemmeno buono. In America avevano regole simili, ti controllano all'aereoporto e se hai qualcosa che non vogliono sequestrano e buttano via, anche i biscotti, ma processi e galera no davvero, se trovano la droga che fanno, ti impiccano all'aereoporto senza processo. Non ci andrò mai, boriosi oltre ogni limite.

sbrigati

Mar, 26/05/2015 - 16:06

Le leggi sono fatte per essere applicate, solo in Italia vengono "interpretate".

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 26/05/2015 - 18:03

Gli australiani hanno pienamente ragione. Il rischio di introdurre diversità biologiche in un Continente intonso e unico è altissimo. I cani di Depp potranno essere stati curati ma nessuno può garantire nulla u di loro e su ciò che possono portare. Pensate se hanno addosso qualche zecca o altro che si diffonda in quell'ambiente, sarebbe un disastro di tutto l'ecosistema. Depp mi è simpatico ma se fosse condannato non avrei niente da ridire sull'applicazione delle leggi australiane.

Giorgio Rubiu

Mar, 26/05/2015 - 18:09

mariolino50 - Ho vissuto in Australia per 35 anni e le dico che nessuno viene impiccato perché in Australia non c'è la pena di morte. Ci sono regole precise e circa cibo ed animali. Le regole richiedono di dichiarare gli animali che si intende fare entrare nel Paese. Essi saranno sottoposti ad un periodo di quarantena senza alcun danno dato che gli animali sono trattati benissimo e con gran cura. Sono certo che l'Australia sarà lieta di apprendere che lei non ci metterà mai piede!

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mar, 26/05/2015 - 18:25

Si può proprio dire che l'Australia non faccia entrare cani e porci come invece fa l'Italia!

-cavecanem-

Mar, 26/05/2015 - 20:31

non vedo il senso di certi commenti ignoranti. Certe leggi riguardo l'ingresso di animali non son messe a caso e son ben chiare, non solo in Australia ma in tutti i paesi del mondo, specialmente le isole. Una cosa e' portare un cane in Germania, un'altra e' portarlo alle Hawaii. Bisogna informarsi, e le leggi dovrebbero esser uguali per tutti attori o non.

vince50

Mar, 26/05/2015 - 20:51

Se soltanto ne fossimo all'altezza,se non altro potremmo almeno imparare.Però la serietà in Italia non fa curriculum,essere corrotti certamente si.

emigrante

Mar, 26/05/2015 - 21:00

Quando si entra in casa altrui, lo si dovrebbe fare in punta di piedi, chiedendo il permesso. Ormai questa regola fondamentale per noi non esiste più, e addirittura quella specie di Ho Chi Min che rappresenta l'ONU può decidere che dobbiamo subire l'immigrazione selvaggia di chi ci distruggerà, perché la nostra natalità è troppo bassa. 8Non perché quella altrui è sfrenata e irresponsabile!). Ciò significa che, anche per l'ONU, noi (una volta tanto intesi come Europa) abbiamo perduto ogni diritto alla autodeterminazione, e a fare a casa nostra ciò che ci aggrada, compreso il decidere se vivere come persone o come conigli. In Australia evidentemente hanno ben chiaro che quella è casa loro (anche se usurpata agli Aborigeni), e nessuno va a romper loro le scatole, o discutere le loro regole. Così si dovrebbe fare!

MKkm

Mer, 27/05/2015 - 14:21

@agosvac: l'idiozia e' nelle persone che dicono "sono I cani di johnny depp quindi ok" sono proprio quelli gli idioti allo stato puro che fanno distinzioni, quindi un prete NON puo' essere pedofilo,perche' e' peccato mortale? peccato ci sono anche preti pedofili,questo per dire che puo' essere anche jonny depp, ma un nome NON garantisce che ha tutto in regola. ! l'idiozia e' sempre incinta.

mariolino50

Mer, 27/05/2015 - 15:40

Giorgio Rubiu Non è che i cani te li nascondi in tasca, e anche il resto della roba, come ho detto a San Francisco mi hanno trovato del cibo per loro vietato e me lo hanno sequestrato, e presumo anche mangiato, ma non mi hanno minacciato azioni penali. Le regole bisogna ben comunicarle quando ti danno il visto, e se non serve quando arrivi alla dogana, senza fare troppo i superiori, se non sbaglio regole del genere valfgono solo lì, farei almeno la reciprocità, non volete nulla, e non portate fuori o vendete nulla di possibilmente "contaminato". Ci furono portati conigli, cani e gatti, di peggio che puoi fare. In Australia non ci vado perchè non mi interessa, e cè ben poco da vedere, a parte un pò di natura.

MKkm

Mer, 27/05/2015 - 17:44

@Emigrante, vivo in Australia, precisamente a Brisbane, beh ti assicuro che e' un paese ad alto numero di immigrazione, vai in centro e ti sembra Shanghai mista a New Delhi.