Leonardo DiCaprio contro l'olio di palma: il governo indonesiano minaccia l'espulsione

Leonardo DiCaprio, fresco di premio Oscar, è andato in Indonesia per denunciare la distruzione delle foreste pluviali di Sumatra per far spazio alle coltivazioni intensive di palme da olio. Ma il governo di Giacarta non l'ha presa affatto bene

Che Leonardo DiCaprio sia tra gli attori di Hollywood più attivi nelle battaglie per l'ambiente, non è certo una novità. Non a caso, proprio Leonardo DiCaprio, durante il discorso post-premiazione alla cerimonia degli Oscar 2016, aveva ricordato i pericoli del cambiamento climatico e del conseguente surriscaldamento globale.

Eppure, per quanto nobile, l'attivismo dell'attore e premio Oscar – miglior attore protagonista nell'ultima pellicola di Alejandro González Iñárritu, “Revenant – Redivivo” - sembra essere rimasto particolarmente indigesto, nelle ultime ore, al governo dell'Indonesia.

Nei giorni scorsi, infatti, Leonardo DiCaprio si trovava a Sumatra, terza isola dell'arcipelago indonesiano per estensione dopo Nuova Guinea e Borneo. Qui l'attore ha scattato alcune foto, poi condivise sui social network, in cui denunciava senza mezzi termini la continua deforestazione delle foreste pluviali di Sumatra per far posto alle coltivazioni intensive di palma da olio. Una vera e propria distruzione, spiega l'attore, che porta a molte conseguenze negative, tanto per l'ambiente quanto per la fauna: “In queste foreste, gli antichi percorsi migratori degli elefanti sono ancora battute dagli ultimi branchi degli elefanti selvatici di Sumatra. Ma l'espansione delle piantagioni di palma da olio – continua Leonardo DiCaprio – stanno distruggendo le foreste pluviali, eliminando i corridoi migratori sfruttati dagli elefanti, rendendo così loro più difficile la possibilità di trovare adeguate fonti di cibo e acqua”.

Questo ed altri interventi a tema dell'attore – che hanno raccolto parecchi “mi piace” su Instagram – non sono certo passati inosservati al governo di Giacarta. Tanto che un portavoce del direttore generale del dipartimento di immigrazione indonesiano ha detto che se le parole di Leonardo DiCaprio saranno giudicate di “istigazione” o “provocazione” nei confronti del governo, allora il nome dell'attore potrebbe finire nella lista “nera” degli indesiderati.

Commenti

joecivitanova

Sab, 02/04/2016 - 16:26

....stavolta 'La Palma d'Olio' se la sogna..!! G.

Ritratto di AntoniaWSM

AntoniaWSM

Dom, 03/04/2016 - 21:00

Il fatto che abbiano lanciato una campagna pubblicitaria televisiva a favore dell'olio di palma è la prova che fa male alla salute e all'ambiente

Alba16

Dom, 03/04/2016 - 22:41

Bravo Di Caprio, bravissimo