Le otto date che hanno cambiato la vita di Roberto Bolle

Dopo l'emozionante esibizione di ieri sera, tutta la stampa parla di lui. Ecco i momenti fondamentali della carriera di Roberto Bolle

Tutto il pubblico si è emozionato nel vederlo ballare. Roberto Bolle, ieri sera, ha incantato L'Ariston con la sua danza.

A poche ore dalla diretta aveva confessato che l’obiettivo della sua partecipazione era quello di dimostrare che "la danza non è una cosa vecchia". Quando è salito sul palco è andato oltre alla sua affermazione e ha impressionato tutti. Roberto Bolle inizia a studiare danza fin da giovane. A 12 anni, fa un'audizione per entrare nella Scuola di Ballo del Teatro alla Scala e viene preso. Da quel momento ha inizio la sua gloriosa carriera. Ecco le otto date che gli hanno cambiato la vita.

  1. 1990. Durante la sua ultima apparizione al Teatro alla Scala, Rudolf Nureyev, uno dei migliori ballerini russi, nota Roberto in sala prove. Dopo alcuni giorni comunica al Teatro di volerlo per uno spettacolo che avrebbe portato all'Arena di Verona. La Scala viete a Bolle, all'epoca solo 15enne, di accettare l'offerta del grande danzatore russo, ma questo incontro segna il destino di Roberto per sempre.
  2. 1995. A soli vent'anni, Roberto debutta come protagonista nel ruolo di Romeo. In questo ruolo, l'anno dopo, verrà decretato da Elisabetta Terabust "Primo Ballerino", così ha inizio la sua strepitosa carriera internazionale.
  3. 1997. Roberto si esibisce per la prima davanti alla famiglia reale inglese, raccogliendo gli applausi della Principessa Margaret e di Lady Diana. 
In quell'occasione danza nel più prestigioso palcoscenico inglese, la Royal Albert Hall.
  4. 2004. Per dedicarsi alla carriera internazionale, si stacca dalla Compagnia della Scala e viene nominato étoile del Teatro, cioè "Primo Ballerino".
  5. 2006. 
Durante l'emozionante cerimonia di apertura dei giochi olimpici di Torino, Roberto Bolle danza un lungo assolo, lo spettacolo viene mandato in onda dalle televisioni di tutto il mondo.
  6. 2009. Roberto Bolle è nominato "Principal Dancer" presso l'ABT, una delle principali compagnie di balletto classico. Primo ballerino italiano a ricevere questo titolo contemporaneamente a quello di étoile della Scala di Milano.
  7. 2012. Questo è un anno fondamentale per la sua carriera, a novembre viene insignito da Giorgio Napolitano, del prestigioso titolo di "Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana", in virtù dei meriti acquisiti verso il Paese in campo culturale.
  8. 2015 Roberto Bolle si avvicina per la prima volta al cinema nel ruolo di regista partecipando al progetto corale "Milano 2015", un film documentario diviso in sei episodi. Il film è stato presentato con successo al Festival del Cinema di Venezia.

Annunci

Commenti

yulbrynner

Dom, 14/02/2016 - 17:07

che dire un ballerino di statura mondiale

linoalo1

Dom, 14/02/2016 - 18:19

Molto bravo,indubbiamente!!Ma di Ballo si vive???Non è forse meglio trovarsi un Lavoro Normale che dia anche una Pensione???Quando avrà 60 e più anni con cosa vivrà?????

lorenzovan

Dom, 14/02/2016 - 20:08

nessuna chiquita che gli da del frocio??????