Il principe William sarà il prossimo re dopo Elisabetta II?

Dopo la regina Elisabetta sarà il principe Carlo a regnare: questo dicono le regole dinastiche nella royal family più famosa del mondo, ma un indizio potrebbe ribaltare ciò che sembra ovvio e far pensare che il prossimo sovrano d’Inghilterra sarà il principe William

Dopo il lungo regno della regina Elisabetta se ne aprirà un altro, quello del suo primogenito maschio, il principe del Galles Carlo, il più longevo erede al trono dei Windsor. Questa è la tradizione in molte dinastie reali nel mondo. Quando il principe Carlo indosserà la corona, sarà il duca di Cambridge William ad assumere il titolo di erede al trono e principe di Galles. Questo sarebbe lo scenario più ovvio e sicuro. Eppure il giornale Marie Claire avrebbe scovato un presunto indizio sulla possibilità che sia il principe William il prossimo re. Un dettaglio che potrebbe passare inosservato, celato in un semplice e breve viaggio in auto. La regina Elisabetta si trova ancora a Balmoral. La sua ultima uscita pubblica in ordine di tempo è stata il tragitto in auto che dal palazzo l’ha condotta alla chiesa di Crathie Kirk.

Ad accompagnare la sovrana vestita d’azzurro c’erano, oltre alla scorta, il principe William, il principe Carlo e sua moglie Camilla con un abito verde. La macchina di Elisabetta procedeva alla testa del corteo e, sul sedile accanto a lei, stava proprio il nipote. Carlo, invece, li seguiva guidando personalmente la sua Audi. In apparenza la scena non presenta nulla di straordinario. Il principe William voleva far compagnia a sua nonna e ha compiuto il percorso nella sua stessa automobile. Eppure, secondo Marie Claire, qualcosa proprio non quadra. In linea teorica Carlo, in quanto erede al trono, avrebbe dovuto occupare il posto accanto alla monarca e non suo figlio. Il magazine si domanda per quale motivo il duca di Cambridge sia sull’auto più blindata, mentre l’allerta per l’attuale principe di Galles non sia così alta.

Tra le regole del protocollo ve ne è una per cui il sovrano e il suo erede non potrebbero viaggiare insieme in aereo: se applichiamo questa imposizione anche al caso descritto, Elisabetta II, William e Carlo avrebbero dovuto addirittura viaggiare su tre auto diverse. Inoltre da tempo si vocifera di una possibile reggenza al trono da parte di Carlo. Alcuni tabloid sostengono che questo periodo di transizione potrebbe iniziare tra un paio di anni, invocando il Regency Act del 1728. Questo documento, però, varrebbe nel caso in cui la sovrana non fosse più in grado di adempiere ai suoi obblighi. Naturalmente non ha nulla a che vedere con una abdicazione. Il principe Carlo diventerebbe reggente, ma non re. Qualche tabloid “sussurra” persino che dopo questa ipotetica reggenza sarebbe William a governare con il benestare della nonna e perfino del padre. Apparentemente potrebbero sembrare teorie “in odor di fantascienza”: possibile che il principe di Galles rinunci a ciò che gli spetta di diritto, dopo una vita trascorsa a prepararsi?

C’è anche un’altra domanda che sarebbe logico porsi: la regina Elisabetta potrebbe volontariamente estromettere suo figlio dalla successione in favore del principe William? No, non può. Su questo non vi sono dubbi. Le regole di successione sono molto rigide: Elisabetta II potrebbe abdicare, ma solo e unicamente in favore di Carlo. Solo quest’ultimo, se volesse, avrebbe facoltà di abdicare e cedere la Corona a William. Se la sovrana morirà senza aver abdicato (cosa probabilissima), sul trono siederà comunque il suo primogenito. Non esistono scappatoie. Non siamo di fronte a monarchie come quella saudita, per esempio, in cui il re può nominare il suo erede e, se lo ritiene opportuno, perfino cambiare idea su tale nomina. È probabile che il principe William dovrà attendere ancora a lungo prima di poter regnare.