La Rai si rinnova: fuori le Miss, dentro il trans

Gli ospiti di Ballando con le stelle: la Carlucci punterebbe su Lea Cerezo e sull'ex toy boy di Madonna

Fuori le ragazze di Miss Italia, in bikini e mute, considerate un repertorio antiquato. Dentro le modelle transessuali, i toy-boy e le attrici supersexy, giudicate più al passo con i tempi. Così pare che la pensino in Rai, se le indiscrezioni circolate ieri, troveranno conferma. Pare infatti che nel cast di Ballando con le stelle, la sfida di ballo tra vip capitanata da Milly Carlucci sul primo canale (in onda dal 5 ottobre), possano entrare tre nomi che di sicuro faranno discutere, del resto li si chiama apposta: per fare chiasso, e conseguenti ascolti, attorno allo show. Dunque tra gli allievi danzatori potrebbe figurare Lea Cerezo, nata Leandro Medeiros Cerezo, figlia del noto calciatore brasiliano Toninho Cerezo, ora allenatore in Giappone e diventata donna a trent'anni grazie a un'operazione chirurgica. Modella per Givenchy, nel 2010 è comparsa senza veli facendo grande scalpore su Vogue Francia, quando ancora non aveva portato a termine il cambio di sesso, ma aveva già un seno evidente. Se per lei si è in fase di trattativa, invece è già decisa la presenza nel cast di Jesus Luz, modello noto alle cronache per essere stato un fidanzato di Madonna, quando lei aveva cinquant'anni e lui ventuno, insomma un toy boy in piena regola. Inoltre, sarebbe stata anche contattata Nastassia Kinsky, la bellissima attrice figlia di Klaus e conosciuta per aver interpretato film come Il bacio della pantera di Paul Schrader e Così come sei di Alberto Lattuada.
Certo, professionisti chiamati per il loro talento, oltre che per l'avvenenza, con alle spalle una carriera e ovviamente liberi di scegliersi il genere sessuale a cui appartenere, ma pur sempre persone che hanno riempito le cronache di gossip. Dunque, la Tv pubblica, sotto la sobria e rigida guida della presidente Anna Maria Tarantola, da una parte ha deciso di non mandare più in onda Miss Italia (che migrerà su La7) in ottemperanza alla missione da «servizio pubblico», e dall'altra, per rivitalizzare uno show che negli ultimi tempi si stava affievolendo, punta su personaggi che fanno scalpore. Chissà cosa ne penserà di queste scelte la stessa Tarantola e pure la presidente della camera Laura Boldrini che hanno bollato Miss Italia come «un modello retrivo di rappresentazione femminile e non un elemento di evoluzione».
Dunque, il modello moderno per il genere femminile sarebbe quello di collezionare toy-boy? O più semplicemente un trans fa più rumore di una ragazzina che sfila in costume da bagno con un numerino attaccato alla spallina del reggiseno?

Commenti
Ritratto di serjoe

serjoe

Sab, 14/09/2013 - 08:59

Con Silvio dietro le gratte puo' finir tutto a puttanate.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 14/09/2013 - 08:59

In Italia l'unica "casa chiusa" rimasta è la Rai che, per adeguarsi ai tempi,oltre alle solite mignotte, deve spalancare le porte anche i trans. Viva la Rai!!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 14/09/2013 - 09:02

programmi educativi e bi buon gusto per i vostri figli e pagate il canone per tutto questo... buona visione ricordate le buste per il vomito non vorrete sporcare i vostri divani....

antonioamelio

Sab, 14/09/2013 - 09:03

E si continua a pagare il canone alla rai anche se camuffato da tassa sulla televisione in questo stato di m****

angelovf

Sab, 14/09/2013 - 09:16

NON POTEVA ESSERE ALTRIMENTI, GLI ANORMALI ORMAI CI SUPERANO PER NUMERO, LE DONNE BELLE NO, MA I RICCHIONI SI,POVERA ITALIA.

Ritratto di jonaslancer

jonaslancer

Sab, 14/09/2013 - 09:29

qualcuno vada a chiamare Marrazzo, e il momento suo, e non scordatevi della nuova velina, Lussuria. Ma che bella Itaglia, in Guerra in mutande e preservativo: Olio di ricino? Nooooo, una bella colata di cemento bollente in gola, esecuzione in massa e in piazza.............ad maiora

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Sab, 14/09/2013 - 10:21

era meglio invitare Briatore e la ventura con una comparsata della Minetti. Senza parlare delle varie "artiste" che il Cavaliere promuoveva personalmente a spese nostre.

Ritratto di serjoe

serjoe

Sab, 14/09/2013 - 10:37

Pussy Riot in compagnia, e' il massimo che ci sia.

mezzalunapiena

Sab, 14/09/2013 - 10:44

perché meravigliarsi della tarantola e della boldrini e della classe politica che da oltre 30 anni governano l'italia con la mentalità di persone vecchie ferme agli anni 50-60.la dimostrazione più ovvia è la COSTITUZIONE.

mar75

Sab, 14/09/2013 - 11:11

A parte che sarebbe più corretto scrivere "la trans" perché in transizione da maschio a femmina. La tipa in questione si è già sottoposta all'intervento chirurgico di riassegnazione del sesso quindi non è più una trans ma una donna, anche per la legge italiana.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 14/09/2013 - 11:34

Ricordate le cosiddette fasce protette? Dimenticatevele.I bambini vanno iniziati per tempo alla sessualità. Opportuna, pertanto, la stampa di testi propedeutici dedicati. Tipo: "Il manuale del piccolo trans" o "Il manuale del piccolo gay".

Zizzigo

Sab, 14/09/2013 - 11:35

Il trans è meno costoso e più facile da reperire, sul mercato. Ci sono dei siti appositi... e poi si accontentano tutti (troppi) quei politici che, per il sesso dei trans, e per l' "omogeneizzazione" (pappina per i nostri neonatini) stanno ballando un gran "can-can"!

Ritratto di Senior

Senior

Sab, 14/09/2013 - 11:38

Di questo passo dovremo confessare solo a persona di fiducia che ci piacciono le donne vere e basta. senior

Ritratto di Gorilla Gor

Gorilla Gor

Sab, 14/09/2013 - 11:57

Marrasso sarà contento matto...

peroperi

Sab, 14/09/2013 - 12:06

quand' è che metteranno fuorilegge noi etero? Adesso i discriminati siamo noi. In ogni azienda, specie statale, i trans, i gay, le lesbiche e quant'altro esista in tema di gusti sessuali ( che cosa c'entrano poi col lavoro non si sa) dovrebbero essere assunti in percentuale alla loro presenza sul territorio nazionale, altrimenti si rischia di trovarci istituzioni molto importanti ed invadenti come la TV o la Radio o i media in genere , condotti dalle minoranze potenti. Mi immagino se poi fra gay o lesbiche si entrasse nel merito e si diferenziaeero i fetish, i masochisti, i sadici ecc. Sarebbe il caos e la gente cosiddetta "normale" si troverebbe emarginata. Si pretendera' anche che chi ama i propri animali possa sposarli ed addottare figli. :-)

peroperi

Sab, 14/09/2013 - 12:07

a capo della Rai devono esserci mobosità inconfessate.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 14/09/2013 - 12:15

Veloce letta, veloce a vendere sto ignobile baraccone che mi sono rotto le palle di farmi derubare del canone.

nino47

Sab, 14/09/2013 - 12:41

Una televisione di culi era, ed una televisione di culi rimane. Si è solo adeguata alle tendenze ed ai gusti del popolo! Ciò che il popolo vuole ,la tele dà!

rino biricchino

Sab, 14/09/2013 - 12:47

Al di la dei soliti pettegolezzi piccini e bigotti sulla transessualita, sull'omosessualità, e su tutto ciò che differisce dalla eterosessualita, io credo che oggi l'offerta libertina di internet non abbia rivalità. Se uno vuole soddisfare esigenze pruriginose non ha altro da fare che cliccare su google e non sui canali televisivi. Se la televisione pensa di competere con internet a chi meglio gratta i pruriti sta sulla strada sbagliata e perde in partenza. Un po come i pittori di fine ottocento che facevano a gara a chi dipingeva la realtà con maggiore realismo, finché si accorsero che nel frattempo avevano inventato la macchina fotografica che era realisticamente ed oggettivamente più brava di loro, dovettero inventare altre forme di pittura (e nacque la pittura contemporanea dall' impressionismo in poi), così anche la televisione non possa fare a gara con internet ma debba reiventarsi con contenuti che internet non può offrire, e cioè di loroqualità certificata.

Felice48

Sab, 14/09/2013 - 13:02

Ha ecco perchè le miss non ci saranno più, è che non vanno di moda. Bisogna cambiare largo ai gay e trans. Noi siamo solo delle miserevoli persone normali che si dovrebbero vergognare. Pietà.

Ilgenerale

Sab, 14/09/2013 - 13:41

Silvio si fa la Daddario e la sinistra si fa Dario!!! ...gusti!

Ilgenerale

Sab, 14/09/2013 - 13:42

...tra breve riceveremo tutti un avviso di garanzia per possesso di testicoli!

Giangi2

Sab, 14/09/2013 - 14:25

Ora più che mai è' necessario recepire la direttiva europea di abolire la tassa sul possesso di un tv, che va a finanziare come sappiamo il carrozzone sgangherato e costoso chiamato RAI. Forse finalmente saranno costretti a chiudere almeno l'inutile Rai tre

fedele50

Sab, 14/09/2013 - 14:34

arichiamate marr marr marr azzoooooooooooooooo, lui e' sempre prono e disponibile, mlimort c cc i vostri ladri di tasse.

Giangi2

Sab, 14/09/2013 - 14:34

Il compagno Mentana cosa ne pensa?

peroperi

Sab, 14/09/2013 - 14:42

Chi è 'sto ragazzo fotografato? Bel pezzo di fico!

Nadia Vouch

Sab, 14/09/2013 - 14:42

La RAI, inscenando queste pseudo-trasmissioni, attua una sorta di razzismo al contrario, giocando per avere ascolti sulla curiosità morbosa del pubblico. E questa sarebbe la "educativa" Tv di Stato? Per questo dobbiamo pagare il canone? No!

frateindovino

Sab, 14/09/2013 - 15:38

beati coloro che non pagano il canone

ghorio

Sab, 14/09/2013 - 15:49

Come cosa aspetta la rai(minuscolo) di Tarantola e Gubitosi di cancellare "ballando con le stelle". Sono queste trasmissioni che dequalificano la tv di Stato, con grande sperpero di danaro pubblico per dare visibilità a presunti personaggi.IL canone televisivo va speso per altri tipi di trasmissione, non certo per queste passerelle.

Nonmimandanessuno

Sab, 14/09/2013 - 17:13

A quando i corsi serali finanziati dalla UE per imparare a diventare "gay"?

nonviinvidianessuno

Sab, 14/09/2013 - 17:17

peroperi: "Chi è 'sto ragazzo fotografato? Bel pezzo di fico!" visto? se non ti avessero detto che prima era uomo, te la saresti trombata subito e pure strisciando. dunque? devo dire che sei il solito gay represso che si spaccia per vero uomo? oppure scopriamo che alla fine il normale non esiste e che la sessualità è un concetto fluido? troppo difficile per voi...se non ve lo dice silvio non sapete cosa scegliere.

nonviinvidianessuno

Sab, 14/09/2013 - 17:18

peroperi: "Chi è 'sto ragazzo fotografato? Bel pezzo di fico!" visto? se non ti avessero detto che prima era uomo, te la saresti trombata subito e pure strisciando. dunque? devo dire che sei il solito gay represso che si spaccia per vero uomo? oppure scopriamo che alla fine il normale non esiste e che la sessualità è un concetto fluido? troppo difficile per voi...se non ve lo dice silvio non sapete cosa scegliere.

Atlantico

Sab, 14/09/2013 - 18:00

La Rai dovrebbe prendere esempio da Mediaset che fa una tv improntata al buon gusto, misura e sobrietà.

precisino54

Sab, 14/09/2013 - 19:53

Ogni stagione ha il suo obbiettivo da lanciare, da difendere con ogni mezzo. Abbiamo avuto: il femminismo, la fame nel mondo, l'ecologia, il buco nell'ozono, il riscaldamento globale, l'accoglienza; tutti temi controversi e non sempre verificati nella loro essenza. Oggi il tema è la diversità, la difesa del diverso, l'abolizione di presunte ghettizzazioni, quindi ecco che è giusto che si facciano trasmissioni in cui viene dato spazio a trans, toy boy, e altro; il telecomando immagimo ce lo lascino e quindi potremo sempre cambiare canale e loro capire quanto fosse di attualità il tema proposto! Il guaio è che si ha la pretesa di voler indicare come comportamenti virtuosi, quelli che in maggioranza vengono visti come viziosi!

precisino54

Sab, 14/09/2013 - 19:53

Ogni stagione ha il suo obbiettivo da lanciare, da difendere con ogni mezzo. Abbiamo avuto: il femminismo, la fame nel mondo, l'ecologia, il buco nell'ozono, il riscaldamento globale, l'accoglienza; tutti temi controversi e non sempre verificati nella loro essenza. Oggi il tema è la diversità, la difesa del diverso, l'abolizione di presunte ghettizzazioni, quindi ecco che è giusto che si facciano trasmissioni in cui viene dato spazio a trans, toy boy, e altro; il telecomando immagimo ce lo lascino e quindi potremo sempre cambiare canale e loro capire quanto fosse di attualità il tema proposto! Il guaio è che si ha la pretesa di voler indicare come comportamenti virtuosi, quelli che in maggioranza vengono visti come viziosi!