La regina Elisabetta è delusa per l'assenza di Meghan a Balmoral?

Secondo i rumors, la regina Elisabetta sarebbe molto delusa dal comportamento di Meghan Markle, "accusata" di aver preferito il viaggio a New York per sostenere l’amica Serena Williams agli US Open, a una tranquilla vacanza nella quiete di Balmoral

Quanto c’è di vero nel presunto, nuovo dissidio tra la regina Elisabetta e Meghan Markle? La sovrana è davvero delusa dalla duchessa di Sussex, che ha preferito volare a New York piuttosto che rimanere con lei a Balmoral? Il gossip acquista forza ogni giorno di più, ma nessuna prova concreta trapela dai saloni di Buckingham Palace o di Frogmore Cottage. Il Sun ha rivelato che la sovrana avrebbe impedito agli ospiti della sua residenza estiva di menzionare Harry e Meghan, o di chiederle notizie sulla loro vita. Una decisione drastica che, però, potrebbe non avere nulla a che vedere con l’ipotetico screzio tra Elisabetta e Meghan e forse dovremmo interpretare secondo una diversa “chiave di lettura”: la volontà della sovrana di proteggere la giovane coppia da una curiosità invadente e incessante.

Il magazine Cosmopolitan ci aiuta a raccogliere le idee: ogni estate la regina Elisabetta invita figli e nipoti nel castello di Balmoral, in modo da poter trascorrere alcuni giorni con loro, come farebbe una nonna qualunque. I Windsor, da Kate a Eugenie, hanno seguito la tradizione annuale. Tutti, tranne Harry e Meghan. Secondo Cosmopolitan l’ultimo fine settimana utile per fare visita alla regale nonna sarebbe stato proprio quello che coincideva con gli US Open di New York. La duchessa di Sussex, però, avrebbe preferito volare oltreoceano per sostenere l’amica Serena Williams, declinando l’invito della regina Elisabetta e lasciando a casa Baby Archie. Questo atteggiamento le è costato una pioggia di critiche a cui lei, come sempre, non ha dato seguito. Tuttavia ci sono due fatti da considerare: il primo riguarda il futuro di Harry.

I duchi di Sussex non regneranno mai (non nelle previsioni più concrete, almeno), quindi hanno più margine di movimento rispetto a William e Kate, legati indissolubilmente al loro ruolo a corte. Se ciò non fosse sufficiente, dovremmo anche ricordare un altro dettaglio: Meghan Markle non può espatriare senza che la regina e lo staff di Buckingham Palace, da cui dipende Frogmore Cottage, ne siano al corrente. C’è un viaggio da organizzare, misure di sicurezza da prendere per una delle personalità più conosciute a livello planetario. Neppure la ribelle duchessa di Sussex ha la facoltà di aggirare questo tipo di regole, anche perché sono strettamente correlate alla sua incolumità. La possibile delusione della regina Elisabetta nell’assenza di Harry e della sua famiglia è tutt’altro discorso, ma comunque non possiamo associare il viaggio a New York a una nuova “rivoluzione” a corte e meno che mai a un “colpo di testa” della duchessa.

Possiamo immaginare che la sovrana fosse dispiaciuta (difficilmente qualcuno riuscirà a provarlo sul serio), ma non avrebbe avuto alcun interesse nel costringere Meghan a trascorrere le vacanze con lei. Inoltre questa assenza a Balmoral non indica necessariamente uno strappo tra le due donne. Anzi, è possibile che Harry e Meghan avessero già informato da molto tempo la nonna delle loro intenzioni. Prima ancora di organizzare il viaggio a New York. Forse vi sono stati anche altri impedimenti di cui non sappiamo nulla. Harry avrebbe potuto far visita alla sovrana con Archie e senza Meghan, come suggerisce Cosmopolitan. L’idea è corretta, ma cominciamo a muoverci nel campo delle scelte personali, magari dettate da questioni che potremmo ignorare.