Rita Dalla Chiesa: "Terroristi pontificano Senza pentirsi in tv"

Rita Dalla Chiesa non ha dimenticato il suo dolore per la morte del padre ucciso dalla mafia e in prima linea contro i terroristi rossi

Rita Dalla Chiesa non ha dimenticato il suo dolore per la morte del padre, il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa ucciso dalla mafia a Palermo e da sempre in prima linea contro il terrorismo che ha chiuso in una morsa il Paese negli anni '70 e '80. Adesso gli ex terroristi rossi sono tornati in tv per parlare di quanto accaduto in quegli anni. E in un'intervista a La Verità con Gianluigi Nuzzi, la Dalla Chiesa si sfoga: "Sono amareggiata perché quando ci sono questi momenti vengo risucchiata indietro di qu a ra nt’anni riprovando lo stesso dolore. Di fronte agli ex terroristi che tornano in tivù e pontificano, avrei voluto vedere lo stesso sdegno della gente per l’intervis ta a Totò Riina. Come mai invece non c’è stato? Questa storia dell’eversione di sinistra è stata sempre protetta dai salotti rossi, da certa intellighentia. Vedevano infatti in quei ragazzi, solo dei giovani che sbagliavano, non degli assassini. Così oggi vedere degli ergastolani che dopo vent’anni sono già fuori dà rabbia e genera un profondo senso di sconfitta e ingiustizia. Non sono una giustizialista, ma ci sto male, perché la mia famiglia come tantissime altre, ha pagato in modo pesante tutta questa storia".

Parole dure che fanno riflettere e che fanno discutere. Poi l'ex conduttrice di Forum rincara la dose: "La storia degli Anni di piombo non deve essere raccontata dagli ex terroristi. Perché hanno la loro visione di quel periodo e dovrebbero mettersi dalla parte - loro con l’eskimo e la P38 - di chi all’epoca portava la divisa. La gente oggi ricorda i nomi di Renato Curcio, Alberto Franceschini e Adriana Faranda ma se chiedi i nomi di giudici, magistrati, giornalisti morti in quegli anni non ti sanno indicare un nome…". Infine la Dalla Chiesa parla della mancanza di pentimento da parte dei brigatisti: "Non ho visto un barlume di pentimento, una richiesta di scusa a chi hai fatto tanto male. Certo poi c’è Patrizio Peci che vorrei conoscere, guardare in faccia, gli è stato ucciso un fratello per essersi dissociato e aver iniziato a collaborare con mio padre, al quale si era molto legato. Ma in loro in tivù, non ho letto la minima colpa. C’era un compiacimento nei loro occhi".

Commenti
Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Ven, 16/03/2018 - 17:07

Signora Dalla Chiesa, questi brigatisti rossi non si pentiranno mai. Sarebbero da eliminare una volta per tutte. Ma perché cosa vengono chiamati? A pontificare cosa? Dei bastardi che hanno portato lutti e dolori alle famiglie italiane nel nome di chi? IL COMUNISMO? Fucilare.

Giacinto49

Ven, 16/03/2018 - 17:28

Probabilmente anche queste scarcerazioni fanno parte di un patto infame stretto a suo tempo con politica e interessi economici. Un briciolo di parvenza di serietà, da parte degli infami di cui sopra, avrebbe voluto che si foraggiassero le famiglie, come per i terroristi suicidi, ma che loro, le prostitute sanguinarie, almeno scontassero l'ergastolo completamente.

baronemanfredri...

Ven, 16/03/2018 - 18:05

LA FINISCA DI PARLARE DI PENTIMENTO O ALTRO CHI CHIEDE A TUTTI I COSTI, ORMAI E' DIVENTATA UNA MODA DI BUONISMO O SOTTOMISSIONE DI VILTA' CON I TERMINI DI BUONISMO, LEI DIMOSTRA DI ESSERE INFERIORE E SOTTOMESSA ALLA POLITICA CHE HA UCCISO SUO PADRE. LA FINISCA DI DIRE PERDONO. DEVE DIRE SOLTANTO UNA PAROLA VENDETTA. ALTRO TERMINE CHE LEI DEVE DIMENTICARE DI DIRE E' CIVILI CIVILI. BASTA. QUESTI BASTARDI SONO PROTAGONISTI PIU' DI PRIMA QUANDO AMMAZZAVANO, ORA AMMAZZANO CON INTERVISTE DI COMPLICI, NON POSSO DARLE RAGIONE CON IL TERMINE PENTIMENTO. STIAMO FRESCHI SE UNO DI FAMA DI LURIDO COMUNISTA ASSASSINO CHIUDE TUTTO CON IL PENTIMENTO.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 16/03/2018 - 18:09

I Komunisti sono nudi e creudi. Mai nessun pentimento, credono nel marcio che fanno, e sono sempre più convinti di farlo, pur sapendo che non sia giusto. Non aspettatevi niente da loro. Difendetevi però, perchè colpiscono sempre, anche alla cieca.

Massimo Bocci

Ven, 16/03/2018 - 18:27

I terroristi, BR, consagunei dei PD (Parmisan) non hanno nessun motivo di scusarsi (poi con chi???)! di aver massacrato innocenti Italiani (degli inferiori)!, loro sono i capi (e cxxxo!!) i legittimi e unici eredi dei criminali Parmisan, quelli che fomentamo le rappresaglie Nazi, Fasciste, in cui mandavano a morte e facevano massacrare inermi Italiani, anziani,donne, bambini, dunque loro sono hanno abilitazione criminale al massacrò istituzionale, questo li certifica e qualifica, come boia, mettendoli molti punti sotto le bestie!!!

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Ven, 16/03/2018 - 18:32

Le Brigate rosse hanno ucciso ,fra gli altri anche Moro, sono stati condannati e molti all'ergastolo. Poi con gli anni ,molti di loro, hanno avuto libertà condizionata o altre facilitazioni simili specie per chi ha potuto dimostrare problemi di salute ; infine hanno anche goduto di evidenza sui media tipo Annunziata ,che culturalmente è in linea con il movimento, Vespa per puro motivo di audience , Università varie per diffondere il pensiero comunista . Stranamente questa politica di benevolenza in uso per ex brigatisti rossi,non si applica a Dell'Utri. che è malato e non ha ucciso nessuno. La Giustizia in Italia è uguale per tutti o è solo un modo di dire ?

INGVDI

Ven, 16/03/2018 - 18:37

Terroristi e assassini rimangono quelli delle brigate rosse. Liberati dal carcere a vita da politici e magistratura rossa, ora pontificano senza vergogna. E' successo come nel dopo guerra quando partigiani rossi criminali, colpevoli di stragi e delitti contro cittadini innocenti, sono stati assolti o fatti fuggire all'estero, addirittura alcuni sono stati eletti in parlamento, altri decorati di medaglia d'oro. Vergognosa Italia comunista.

Massimo Bocci

Ven, 16/03/2018 - 20:15

Xalfredido2, più che un modo di dire e la prassi del fare pseudo giustizia, di regime criminale di ladri!!!catto-comunista, un sistema vera cloaca!!!

vottorio

Ven, 16/03/2018 - 20:53

questi delinq

Ritratto di NUVOLAROSSA

NUVOLAROSSA

Ven, 16/03/2018 - 20:55

MASSIMO BOCCI, perché non ripassi un po' la grammatica?

vottorio

Ven, 16/03/2018 - 21:04

Questi delinquenti sono sfacciatamente sostenuti e protetti da questo regime golpista che di fatto favorisce con grande ipocrisia tutti i delinquenti nostrani e stranieri. I brigatisti rossi dovrebbero essere in carcere a vita e non a pontificare in Tv così come il comunismo dovrebbe essere fuorilegge se questo fosse un paere civile.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 16/03/2018 - 22:47

@alfredido2 - è solo un modo di dire, e poi dipende dal colore della camicia.

Garganella

Sab, 17/03/2018 - 09:53

I sinistri (riflessiva, elpirl, pravda, ecc...) non hanno nulla da dire?

claudioarmc

Sab, 17/03/2018 - 10:36

Per questi infami schifosi terroristi rossi c'è sempre stata protezione

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 17/03/2018 - 11:10

alfredido2 - "Dell'Utri non ha ucciso nessuno"...? Gia`...Neanche Curcio ha mai ucciso nessuno...Capisce da solo o le faccio un disegnino?

il Pungiglione

Sab, 17/03/2018 - 11:45

SIGNORA DALLA CHIESA QUESTA LA DICE LUNGA SU COME I COMPAGNI CHE SONO IN PARLAMENTO ABBIANO ANCORA CERTE ATTENZIONI, MI CHIEDO IL MOTIVO PERCHE' NON FACCIANO LA STESSA PROPAGANDA DENIGRATORIA PER I LORO COMPAGNI BRICCONCELLI NON HO MAI SENTITO CHIAMARLI COL LORO NOME E CIOE' ASSASSINI, DELINQUENTI DELLA PEGGIORE RAZZA CHE HANNO LORDATO DI SANGUE INTERE FAMIGLIE DI GENTE CHE SI E' SEMPRE PRODIGATA PER LO STATO, INVECE LORO SI STRAPPANO I CAPELLI PER DARE LA CACCIA AI FASCISTI IL VERO MALE ITALIANO, MENTRE AI COMPAGNI LI FANNO SALIRE IN CATTEDRA, PER MORALIZZARE QUINDI MIA CARA NON MI MERAVIGLIO DI NULLA SE NEGLI ANNI FARANNO PURE DEI BUSTI COMMEMORATIVO A QUESTA FECCIA CHE AGIVA ARMATA SOTTO OMBRA DELLA FALCE E IL MARTELLO, E I COMPAGNI PALADINI COME IL VERGOGNOSO FIANO CERCANO I FANTASMI DEL FASCISMO. COSA DOBBIAMO FARE? COME VEDE CAMBIA L' ETA' MENTRE LORO SON SEMPRE QUELLI.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 17/03/2018 - 12:12

@NUVOLAROSSA - perchè non ripassi un pò la storia? Quel simbolo è signo di tanti atti criminali e tanti morti. E' un'apologia di reato. Scusa dovevo scrivere studia, non ripassa.

steacanessa

Sab, 17/03/2018 - 12:39

I maledetti sinistri non si pentono mai. Scemi o complici quelli che li invitano in trasmissioni televisive. Basta assassini in tv e giornali!