A Ron Wood togliete tutto ma non il ciuffo

Ron Wood ha rifiutato la chemio per curare un tumore. Ma ora sta bene e sarà in tour

Rockstar si diventa ma rocker si nasce. A Ron Wood, che è da oltre quarant'anni nei Rolling Stones, a maggio è stato trovato un nodulo al polmone. Una visita di routine prima dell'ennesima tournèe (la band sarà a Lucca il 23 settembre) e la diagnosi devastante: bisogna rimuoverlo. «C'è stata una settimana in cui tutto era appeso a un filo e avrebbe potuto essere la fine», ha raccontato lui al Daily Mail. Come sempre in questi casi, bisogna mettere in conto tutto. E anche a lui il medico ha ovviamente prospettato tutte le eventualità da affrontare: «Ho accettato tutto tranne una cosa: niente chemioterapia, non volevo perdere i capelli. Non avevo paura che non funzionasse, ma non volevo perdere i miei capelli, questi capelli non sarebbe andati da nessuna parte».

Una posizione molto in linea con quello che Ron Wood e i Rolling Stones rappresentano da così tanto tempo: nessun compromesso, la vita si vive senza condizioni. Ora Ron Wood sta bene, gli hanno tolto il nodulo (e una piccolissima parte di polmone), non ci sono degenerazioni e, controlli a parte, è ritornato alla sua vita ben poco normale, anche se ormai ha smesso di fumare e l'ultimo ricovero in clinica gli ha levato anche la dipendenza da alcol e droghe. Anche gli eccessi, si sa, fanno i conti con l'anagrafe.