Sfera Ebbasta confessa: "Mi prendevano per il c***, ora mi son preso le mie rivincite"

Il trapper nonchè nuovo giudice di X Factor macina successi e ora si toglie qualche sassolino dalla scarpa contro chi, da ragazzino, lo chiamava "reppettaro Yo Yo"

Il trapper Sfera Ebbasta sta vivendo il suo momento d'oro. Il suo ultimo lavoro discografico Rockstar ha venduto milioni di copie e Sky lo ha ingaggiato come nuovo coach e giudice del talent musicale X Factor. Insomma il giovane musicista italiano ne ha fatta di strada e oggi, dall'alto del suo successo, ha deciso di togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Da sempre, infatti, il "Trap King" (come lo definiscono i suoi fan) suscita interesse e polemiche.

Recentemente, Sfera Ebbasta ha così deciso di pubblicare nelle stories di Instagram un messaggio rivolto a chi lo ha sempre criticato, ma soprattutto deriso quando muoveva i primi passi nel mondo della musica rap e trap: "Da ragazzino una delle frasi che mi dicevano più spesso quelli più grandi era: "Oh ma tu sei un reppettaro?! Yo Yo bella zio". Mi prendevano per il culo per il mio modo di vestire, per la musica che ascoltavo o semplicemente perché non ero come loro. Col tempo mi sono preso le mie rivincite e ora nessuno mi dice "Yo Yo bella zio"".

Oggi proprio grazie al rap, Gionata Boschetti è riuscito a diventare un personaggio famoso richiesto dalle televisioni e con milioni di dischi venduti. Per questo si è voluto levare qualche soddisfazione: "Fare il reppettaro mi ha permesso di avere tutto quello che sognavo; mi chiedo se chi mi ha sempre preso per il culo sia riuscito a realizzarsi nella vita?! La morale della favola è che l odio e la cattiveria sono dappertutto, ma tu devi essere superiore e decidere se stare dalla parte di chi critica senza fare niente o stare dalla parte di chi è criticato perché fa qualcosa di diverso".