"Perché lo volevano uccidere?". La Ventura in lacrime da Vespa

Simona Ventura intervenuta a Porta a Porta è tornata a discutere della terribile aggressione ai danni del figlio Niccolò

In attesa che Simona Ventura ritorni in tv con la nuova e controversa edizione di The Voice, nella puntata di Mercoledì, è stata ospite di Porta a Porta. Nella trasmissione di Rai Uno condotta da Bruno Vespa, la conduttrice è tornata a parlare dell’aggressione al figlio Niccolò Bettarini, avvenuta a luglio dello scorso anno, che ha popolato le pagine dei settimanali. Il rampollo è stata accoltellato all’uscita di una discoteca di Milano. Per fortuna il giovane non ha subito danni irreparabili, ma la paura è stata grande.

Simona Ventura di fronte alle telecamere e a Bruno Vespa non è riuscita a trattenere le lacrime. "Perché lo volevano uccidere? Un tempo c’erano le risse, ma oggi la vigliaccheria è latente", confessa. E poi aggiunge: "Quindici contro uno, dieci contro uno, è il mondo che mi spaventa. Lui non ha fatto altro che difendere un amico. Hanno riconosciuto mio figlio e poi... 'Sei il figlio di Bettarini? Ora ti ammazziamo'". La storia ha scosso sia la Ventura che tutta la sua famiglia ma per fortuna e, nonostante lo shock, ora è rimasto solo un grande spavento.

Commenti
Ritratto di pinox

pinox

Gio, 28/02/2019 - 12:02

un tempo giustamente dice che c'erano le risse e poi la gente si fermava lì. oggi c'è un sacco di gente invertebrata che vive in un mondo virtuale e che non ha neanche la capacità di pensare che per una coltellata ci si rovina anche la propria di vita oltre a quella degli altri.....e per che cosa? non hanno il senso della misura perchè sono talmente psicolabili da non avere la capacità di incassare neanche la minima offesa o critica.

husqvy510

Gio, 28/02/2019 - 14:48

Mi dispiace dissentire: non è abitudine solo oggi assalire l'avversario in 30 contro 1. Nel 1979/80 ero un giovane iscritto al fronte della gioventù a Torino ed era frequente che gruppi di estrema sinistra (tanto per cambiare) accerchiassero in 20 un solo malcapitato. Ed erano pure coperti dai fazzoletti rossi, da veri vigliacchi.