Thurman a Tarantino: "Sono ponta per Kill Bill 3"

Nei prossimi mesi attrice e regista si vedranno a cena per parlare di Kill Bill 3. "Tarantino dice di amare a tal punto il mio personaggio da non sentirsela di dire 'mai più'"

"Sono pronta per Kill Bill 3". Uma Thurman scalda i muscoli e tenta Quentin Tarantino. In una intervista a Repubblica ventila la possibilità di un terzo capitolo del film cult Kill Bill. Da tempo si fa, infatti, un gran parlare della tentazione di Tarantino di aggiungere un nuovo episodio alla saga. Il regista non ha mai negato di volerlo girare.

"L’ho implorato di annunciare ufficialmente che Kill Bill 3 non si farà ma lui si rifiuta, gliel’ho chiesto perché tutti mi fanno questa domanda e non ne posso più. - spiega - ma lui dice di amare a tal punto il mio personaggio, quello di Beatrix 'la sposa', da non sentirsela di dire 'mai più'". Adesso Tarantino sta girando The hateful eight. Un film che, Uma ne è certa, sarà straordinario. "Finito quello - continua l'attrice - ci siamo promessi che ceneremo insieme e parleremo di Kill Bill 3, se vale la pena pensarci seriamente o accantonarlo del tutto. E sa una cosa? Io comunque sono pronta".

Nell'intervista a Repubblica non c'è spazio solo per il ciname. Uma Uma racconta anche volentieri del rapporto che ha coi figli. "l grande ha 13 anni, gli altri due ne hanno 11 e Luna ne ha appena due - dice - i maggiori prendono i miei vestiti dall’armadio, usano le mie tshirt, i miei jeans. Per fortuna stanno crescendo velocemente, fra poco non gli andranno più bene. Ci divertiamo e ci rispettiamo. È impossibile essere genitori perfetti e speri che i tuoi figli perdonino te e i tuoi errori. Io ho molto rispetto per i miei, sono anche dei nonni stupendi, hanno una forte personalità e spero che i miei figli dicano lo stesso di me. E che non mi considerino mai noiosa, è il mio terrore". A entrambi ha permesso di vedere sia Pulp Fiction sia Kill Bill: "È successo, per la prima volta, solo qualche mese fa. Insistevano per vedere Kill Bill perché tutti i loro amici lo conoscevano, preferirei che non l’avessero visto".

Commenti
Ritratto di giordano

giordano

Sab, 18/04/2015 - 13:52

ma non stanno insieme?

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 18/04/2015 - 14:56

Mi sarebbe piaciuto un Kill Bill 3 ma ormai è passato il tempo che una cosa del genere si potesse fare. La Uma si è invecchiata ma, quel che è peggio, è che si fatta dei ritocchi chirurgici al viso che le hanno rovinato definitivamente il delizioso charme tipico del suo volto. Si, ha fatto male a far vedere ai suoi due figli i suoi film prestigiosi, sono film bellisssimi ma che hanno bisogno di una certa maturità per essere compresi nella degradazione e favolistica dei personaggi. Due ragazzini di 13 e 11 anni non erano proprio adatti a vederlo.

Luigi Farinelli

Sab, 13/06/2015 - 00:20

La Thurman ha infine detto una cosa sensata rivelando di aver fatto vedere Kill Bill ai figli di 13 e 11 anni: "...preferirei che non lo avessero visto". I personaggi di Tarantino raggiungono livelli di violenza morbosa e aberrante, poi trasfigurata in "arte" dai critici compiacenti. Prima dell'uscita di Kill Bill, Tarantino ha invitato LE adolescenti ad andarlo a vedere. Perché proprio LE adolescenti? Perché l'orrenda amichetta della "Mamba" che manneggiava le palle incatenate era pur'essa un'adolescente? E quale sarebbe stato dunque il messaggio da veicolare alle adolescenti? Diimitarla? Tarantino era sull'orlo del fallimento quando acconsentì a girare Koll Bill, costretto ad usare il massimo di violenza possibile dai suoi produttori. Gli stessi che fanno introdurre messaggi subliminali erotici e istigazione alla violenza nelle pellicole per bambini della Disney!