"Dopo il trionfo di Mattino alla sera di Capodanno ritrovo la mia musica"

La conduttrice in diretta su Canale 5 coi grandi artisti del 2017: «È un debutto emozionante»

L'anno della Panicucci si chiude con il Capodanno della Panicucci. Per la prima volta sarà lei la padrona di casa domani sera su Canale 5 per una festa di musica (ma non solo) che inizierà alle 21 sul palco dell'Unipol Arena di Casalecchio di Reno a due passi da Bologna. «Di solito sveglio gli italiani con mattino 5, stavolta li metto a letto» sorride lei. Insomma, il Wind Capodanno in Musica sarà un evento che andrà in onda rigorosamente in diretta e sarà ricamato dai tantissimi ospiti musicali che hanno segnato in un modo o nell'altro il 2017 del pop. Da Francesco Gabbani, autentico eroe della nostra canzone, fino a Ermal Meta, Alexia, Benji&Fede, Annalisa, Noemi e via elencando fino a Ron ed Enrico Ruggeri. Una autentica passerella di protagonisti che sarà trasmessa in diretta e in contemporanea anche da Radio 105, R101 e Radio Subasio. «È una sfida che mi emoziona molto», spiega lei, inesauribile e come sempre piena di energia.

Perché, cara Federica Panicucci?

«Per tantissimi motivi. Intanto questa sera arriva alla fine di un anno pazzesco per quanto riguarda gli ascolti di Mattino 5, che sono stati i più alti da 9 anni a questa parte, cioè da quando abbiamo iniziato. È come se il pubblico ci avesse riscoperto, ed è un segnale che dà grande soddisfazione a tutta la squadra di mattino».

E poi?

«E poi ritrovo la musica da vicino».

Per di più in uno dei luoghi più importanti per i concerti. All'Unipol Arena si esibiscono quasi tutte le superstar che passano dall'Italia.

«Sin dai tempi del Festivalbar, la mia storia professionale si è intrecciata tantissime volte con le canzoni e gli artisti. E stavolta ci sarà un grande pubblico, tra le cinque e le diecimila persone. Insomma l'adrenalina sarà altissima».

L'obiettivo?

«Creare la colonna sonora della serata più importante dell'anno, quella che chiude le porte al 2017 e le apre al 2018».

Tra l'altro lei ha il polso della cronaca perché Mattino 5 spesso annuncia i fatti pressoché in diretta.

«Infatti la scaletta cambia spessissimo proprio sulla base degli eventi che si stanno verificando in Italia e nel mondo. Ogni mattina è un vero e proprio work in progress».

Ma come decidete i cambi in scaletta?

«Negli anni io e la mia squadra in questo senso abbiamo affinato un sesto senso. Mi metto sempre dalla parte del pubblico e degli ascoltatori, cercando di capire, e quindi prevenire, possibili cali d'attenzione. Se ce l'ho io - penso sempre - perché non può averlo anche il telespettatore da casa? Perciò cerchiamo di fare un programma proprio per il pubblico».

Non è sempre facile farlo dovendo poi fare i conti con l'Auditel.

«Non possiamo essere schiavi ogni giorno dei dati d'ascolto anche perché il nostro obiettivo è di realizzare innanzitutto un prodotto serio e pulito. Ci sono temi talmente importanti che è complesso affrontare ma che aiutano il programma a diventare più credibile mattina dopo mattina».

Qual è l'effetto di dare l'annuncio in diretta di fatti importanti?

«Mi sento una grande responsabilità».

Di fianco a lei c'è Francesco Vecchi.

«Un ottimo professionista».

Quando riparte Mattino 5?

«Dall'8 gennaio di nuovo tutte le mattine. Una lunga maratona fino a giugno».

Federica Panicucci, adesso presenta il Capodanno poi torna a mattino 5. E poi?

«Lavoro per Mediaset da 31 anni, e sto benissimo. Ormai è come se fosse la mia seconda casa».