Tutto ciò che volete sapere su Agostino Bonalumi

Esce il «Catalogo ragionato» in due volumi. In arrivo il terzo

Emanuele Beluffi

Se volete sapere tutto della produzione d'arte di Agostino Bonalumi (1935-2013), non dovete fare altro che un investimento nella strepitosa opera editoriale in due tomi che Skira ha appena dato alle stampe. Progetto avviato quando il Maestro era ancora in vita e che doveva arrivare all'anno 2000, ma che la scomparsa ha fatto estendere al 2013, il Catalogo Ragionato di Agostino Bonalumi, curato dall'Archivio Bonalumi (diretto dal figlio Fabrizio) e Marco Meneguzzo contiene tutte le opere registrate nell'Archivio fino al settembre 2014; esse vanno dal 1950 al 2013, mentre per quelle registrate nel 2014 (quindi già archiviate ma non catalogate) è stata programmata la realizzazione di un terzo volume. Le opere sono presentate in ordine cronologico con anno, tecnica, dimensioni, numero di archivio, collocazione (ma solo collezioni pubbliche, l'appartenenza a collezioni private è volutamente omessa), esposizione e bibliografia. Completano l'eccezionale prodotto editoriale un ricco corredo di immagini di una vita e un'antologia di scritti, mentre la chiusura della «grande opera» è affidata a una poesia di Bonalumi, il quale, oltre che grande artista visivo, fu fine letterato e arguto teorico.