William difende la piccola Charlotte dagli scherzi di George

Il Principe William accorre in soccorso della piccola figlia Charlotte, spesso al centro dei dispetti e degli scherzi del fratello maggiore George

Non si può certo dire che William non sia un principe a tutti gli effetti: non solo per discendenza regale, ma anche per i modi galanti con cui si pone nelle occasioni ufficiali e nel privato. Non sono passati inosservati i gesti cortesi ed eleganti che spesso sfoggia al fianco della moglie, la duchessa di Cambridge Kate Middleton, nonostante il piglio informale e sciolto tipico di un giovane uomo della sua età. Un'attenzione che riserva anche alla sua fanciulla del cuore, ovvero la piccola principessa Charlotte, di 4 anni, spesso vittima degli scherzi e delle burle del fratello maggiore: il principe George, di due anni più grande. Nonostante l'appartenenza a un lignaggio reale, i due si comportano esattamente come tutti i fratelli della loro età, dividendo il tempo tra giochi, scherzi e probabili litigate.

Fatto che si scontra con l'educazione paritaria imposta dai due genitori, che li trattano allo stesso livello, insieme al più piccolo Louis di un anno, promuovendo l'uguaglianza di genere. La notizia è emersa dalle parole della giovane Olivia Hancock, vincitrice del The Diana Award, che in occasione dell'evento aveva scambiato due chiacchiere sul calcio giocato proprio con William. Il Principe le aveva confessato l'amore dei due piccoli di casa per la palla e per il calcio, attività spesso praticata tra le mura di casa, dove lui riveste il ruolo di arbitro. Più di una volta William è intervenuto in difesa di Charlotte contro gli sberleffi del fratello: piccoli dispetti utili a rimarcare chi tra i due è più bravo a calcio.

Alla frase di George: "Charlotte io sono più bravo di te", il principe William aveva ribattuto con un placido ma più equilibrato: "George, Charlotte potrebbe essere brava quanto te". Un'affermazione semplice ma decisa, utile a stabilire una parità di genere tra i due e che è piaciuta a tutti, in particolare alla giovane Olivia. Come tutti i bambini piccoli, anche Charlotte e George sono molto competitivi tra di loro, ma la poca distanza di età gli consente una buona complicità e il sostegno reciproco.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?