Sport e cinema, una sfida da campionato mondiale

È un po' Sant'Ambrogio, ma anche Santa Lucia e persino Natale per chi ama il genere e cerca regali da vedere. Regali, perché l'ingresso è libero! E' il festival del cinema sportivo. Per gente appassionata di emozioni. Non per forza di agonismo, tutt'altro. Un Natale che sia soprattutto di cultura dello sport e dello spirito olimpico. Il cuore di questa invenzione cultural-popolare, non d'élite ma sa accontentare anche i palati più fini, occhi ed orecchie comprese, visto che trattasi di immagini in movimento. Ed è una creatura di Milano. Sport Movies & Tv torna da domani a domenica 8 dicembre ed una data del calendario «ambrosiano», questo evento di Milano, organizzato con passione, anzi dedizione, dal presidente della Ficts, per tutti il Prof. Ascani, che è anche membro del CIO, per la Commissione Cultura. Ascani ha un merito speciale, una menzione si direbbe fra la sua gente, quello di avere inventato un cartellone cinematografico che si chiama appunto «Sport Movies & Tv» e che vale già come 31ma edizione del Milan International Ficts Fest. Un cartello che quest'anno rappresenta l'atto conclusivo di ben 14 Festival incrociati del World Ficts Challenge, vale a dire il campionato mondiale della televisione, del cinema, della comunicazione e della cultura sportiva. Sono coinvolti 5 Continenti in questa sfida a multischermo. E la Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs, con le sue 113 Nazioni affiliate, organismo riconosciuto dal Cio la cui sede è a Milano, ha già previsto il tutto esaurito. Al Palazzo Giureconsulti, dopo l'inaugurazione ufficiale di mercoledì 4, grande cerimonia alle ore 18, a Palazzo della Regione Lombardia, si susseguiranno tutte le proiezioni. Da via Mercanti, angolo Piazza Duomo, raggiungere una sala e immergersi nelle emozioni dello sport è facile: ingresso libero per 150 proiezioni da selezionare in un catalogo di 100 pagine, scegliendo fra 50 sport e 55 nazioni. Un'abbuffata di 5 giorni di «kermesse» sportiva e culturale con 6 punti di proiezione in contemporanea, 7 meeting, 4 incontri con altrettanti eventi collegati, 2 workshop, 4 mostre e ben 30 premiazioni. In gara poi, 92 emittenti tv internazionali che hanno aderito al Programma Tv sport emotions. Per un'anteprima di tutto questo basta selezionare i 150 trailer dei 150 video in concorso al Festival, sul sito del concorso internazionale (www.sportmoviestv.com). Martedì 3 dicembre l'ouverture è già un botto: riservata, inizio della proiezione alle ore 20.30, alla proiezione russa - in anteprima europea - del film «Match» alla presenza del regista Andrey Malyukov e del produttore Ilya Neretin: la famosa Partita della morte disputata nel 1942 tra una selezione di ex-giocatori professionisti ucraini della Dynamo Kiev e una rappresentanza nazista. Ma le anteprime non finiscono qui: «Non saprei da dove iniziare per consigliare una visione rispetto ad un'altra – racconta un entusiasta Franco Ascani - Quest'anno sono ben 72 le anteprime. Vi segnalo quattro proposte una diversa dall'altra sperando di centrare diversi target, visto che questo era ed è l'intento: ovvero valorizzare un Concorso per tutti i gusti» Partiamo da Spirit of the Marathon II, un must per gli appassionati della fatica, ad opera della 26.2 Productions italiana, che ci riporterà indietro nel tempo a correre la Maratona di Roma 2012. Poi il solito calcio al pallone: «Imperdibile sarà 50 years of Bundesliga (Deutsche Welle TV – Germania) si tratta dei primi 50 anni di uno dei migliori campionati di calcio d'Europa». Dal rettangolo al ring quadrato, è tanto in voga il pugilato: «Altro genere senz'altro è The dream of a butterfly, la storia del secondo match di una giovane pugile.