Aggressione Kolasinac e Ozil: la polizia ha identificato il secondo rapinatore

La polizia di Londra ha diffuso un nuovo video, più chiaro, sull'aggressione avvenuta a luglio ai danni dei due giocatori dell'Arsenal Kolasinac e Ozil. I due malviventi sono stati identificati dalle forze dell'ordine

Qualche mese fa i due giocatori dell'Arsenal Sead Kolasinac e Mesut Ozil sono stati aggrediti in pieno giorno a Londra da due malviventi armati. I due uomini, a bordo di un motorino nero, hanno affiancato l'auto parcheggiata dove c'erano il bosniaco e il tedesco e hanno iniziato a minacciare i due calciatori. Ozil era in macchina e spaventato si è barricato dentro, Kolasinac, invece, ha avuto un grande coraggio visto che ha deciso di affrontarli a mani nude costringendoli poi alla fuga.

La faccenda non si era conclusa in tragedia fortunatamente, ma qualche settimana dopo quello scabroso avvenimento i due hanno addirittura subito minacce di morte e sono stati messi sotto scorta 24 ore su 24. All'inizio di questa stagione sportiva Ozil e Kolasinac, per questa ragione, non sono stati convocati dall'allenatore Unai Emery per la trasferta di campionato contro il Newcastle e solo per motivi di sicurezza.

Mesut Ozil aveva raccontato spaventato ai microfoni del The Athletic quando avvenuto in pieno giorno a Londra: "Ci siamo subito accorti che avevano una pistola, le cose si stavano mettendo male. Hanno detto a Kolasinac di dargli l'orologio, ma Sead è stato veramente coraggioso e ha attaccato uno dei due aggressori. L’altro invece stava con la moto davanti alla mia macchina per non farmi muovere. Ho avuto tanta paura per mia moglie Amine, ci eravamo appena sposati e temevo le potesse capitare qualcosa. Pensavo che potessero aprire la portiera dal suo lato, perciò mi ci sono buttato sopra per tenerla chiusa. Avevo paura anche per Sead, a me stesso non ho davvero pensato".

Oggi la polizia di Londra ha diffuso un altro video, più chiaro, dove si vedono i due malviventi che senza paura, inzialmente, affrontano Kolasinac con uno dei due che impugna un'arma e che minaccia il terzino dell'Arsenal che a quel punto e con grande coraggio passa al contrattacco facendoli fuggire. I due ladri in questione sono stati individuati dalla polizia: si chiamano Ashley Smith, già giudicato colpevole settimane fa, e Jordan Northover, di 26 anni, e confermato come secondo assalitore dei due calciatori del club inglese.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?