«Con Audi Q2 entriamo in un nuovo mercato E tra due anni il Suv elettrico da 500 km»

Il responsabile del marchio: «Le istituzioni affrontino il tema connettività» La Casa tedesca anche nel 2016 a braccetto con il Yacht club Costa Smeralda

Pierluigi Bonora

Audi ha tante passioni legate a doppio filo con le quattro ruote. E tutte con lo stesso denominatore comune: lusso, sportività, prestazioni al top, tecnologia. Ecco allora rinnovarsi anche per il 2016 l'asse con il Yacht club Costa Smeralda che vede la Casa tedesca title sponsor nell'«Audi Settimana delle Bocche» (7 giugno-2 luglio) e nell«Audi Italian Sailing League» (8-10 luglio). Sulle partnership - spiega Fabrizio Longo, direttore di Audi Italia - abbiamo una strategia selettiva, salvaguardando quelle piattaforme, come la vela e lo sci, in sintonia con il nostro modo di essere».

Come sarà Audi tra 5 anni?

«Siamo in crescita costante, che non vuol dire solo volumi, fatturato e risultato operativo. Importante, infatti, per un marchio premium è l'immagine del brand. Inoltre, Audi sta affrontando un piano di innovazione prodotti che è il più avanzato in assoluto: più di 20 novità entro il 2020, insieme a un forte cambio di pelle che ci vede entrare in sotto segmenti nuovi. Il tutto all'insegna della triade: digitalizzazione, elettrificazione, guida autonoma».

E la novità Q2, esposta a Ginevra, rappresenta in concreto il vostro impegno in un nuovo sotto segmento.

«Intendiamo colmare quel sotto segmento rappresentato da un concetto di Suv oggi imprescindibile, soprattutto in Italia, che come gradimento ha sostituito la berlina tradizionale».

Auto elettriche e 500 chilometri di autonomia.

«Questa autonomia sarà possibile tra due anni grazie al nostro Suv quattro concept, elettrico al 100% ma con le stesse prestazioni di un'Audi».

E il motore diesel?

«Allo stato attuale è sempre il più richiesto. Non vedo cadute della domanda».

Qualcuno parla già di Euro 7.

«Mi domando se la progressiva corsa all'Euro X sia reale oppure sia un modo assai farraginoso di complicare la vita dei costruttori».

La nuova A4 è un successo. E poi torniamo su Q2.

«A4 sta scaricando a terra tutto il suo potenziale. È un modello iconico. Q2 rappresenta un esercizio favoloso anche per il tipo di comunicazione che faremo, soprattutto digitale».

Auto e connettività: ci sono ancora molti problemi da risolvere, a esempio sul fronte assicurativo e soprattutto infrastrutturale.

«Anni fa uno dei capi progettisti di Google negò la possibilità di un'auto a guida autonoma. Ora si parla di polizze e Codice, significa che è stata impressa un forte accelerazione. Il tema deve essere posto sul tavolo delle istituzioni».

Il mercato?

«In un contesto effervescente, Audi sta facendo la sua bella parte con un +22% nel primo trimestre».