Bartali, Coppi e Casartelli La tappa invisibile nel giorno del ricordo

Il 18 luglio data importante: nel 1949 l'impresa di Gino e Fausto. Nel 1995 il dramma di Fabio

Bagnères-Bigorre Diciamolo subito, con il massimo rispetto per Simon Yates che ieri ha vinto davanti allo spagnolo Pello Bilbao e al tedeschino Gregor Mühlberger: questa tappa non passerà alla storia.

È difficile che il 18 luglio 2019 venga ricordato sui libri di storia. Non pensiamo che il ritiro di Giacomo Nizzolo possa valere tanto, così come per il nostro Giulio Ciccone l'aver concluso la tappa con la maglia gialla Julian Alaphilippe non è un dato così sconvolgente. Per un attimo si è temuto il peggio per il 29enne australiano Rohan Dennis: si ritira senza un'evidente ragione. Scende di bicicletta e senza proferire verbo con alcuno, se ne va a bordo della macchina del suo procuratore. Crisi di nervi, si scoprirà poi. Il team: «Confusi, contavamo su di lui nella crono. Ce l'aveva coi materiali? Lui vuole sempre il 100%...». Insomma, siamo alla cronaca, che nulla ha a che fare con la storia. E dire che il 18 luglio per il mondo del ciclismo e non solo, qualcosa evoca e dice. La Dimension Data for Qhubeka, formazione sudafricana, ieri ha celebrato il Mandela Day: tutte le bici avevano il nastro manubrio, la catena e le borracce arancioni con le parole ispiratrici di Mandela. Il ciclismo è sport che non dimentica, il Tour è il palcoscenico ideale per ricordare.

Era il 18 di luglio di ventiquattro anni fa, quando lungo la discesa del Portet-d'Aspet, Fabio Casartelli perde la vita. Così come era il 18 luglio del 1914 quando Gino Bartali viene al mondo. Ed è sempre un 18 luglio del 1949, settant'anni fa, quando quei due là scrivono una delle pagine più belle della storia del ciclismo di tutti i tempi. Si corre la 16ª tappa da Cannes a Briançon ed è qui che, dopo le schermaglie iniziali, Bartali parte all'attacco. Coppi lo insegue e lo aggancia sull'Izoard. Era un 18 luglio al traguardo di Briançon vince Bartali, Coppi non tenta nemmeno la volata: per Bartali è il 35esimo compleanno e Ginettaccio lo festeggia indossando la maglia gialla. Il giorno dopo ad Aosta il Campionissimo però vince e veste la maglia gialla. È trionfo. E soprattutto è storia.

Ieri, 18 luglio 2019, qualcosa in verità succede: diventa ufficiale il successo di Chris Froome alla Vuelta 2011, tolta un mese fa a Juan Cobo per doping. «Meglio tardi che mai» è il commento social di Froome, che diventa il primo inglese a vincere una grande corsa a tappe (il Tour di Wiggins è del 2012), oltre che il primo di sempre a conquistare un Grande Giro dal letto di ospedale.

Oggi 19 luglio: crono di 27 chilometri a Pau. Alaphilippe spera di difendere la maglia gialla dall'attacco di Geraint Thomas. C'è da difenderla per 72. L'impresa vale una maglia gialla in più nel giorno in cui la maglia compie cento anni.

Arrivo 12ª tappa Toulouse-Bagneres de Bigorre: 1) Simon Yates (Aus, Mitchelton) km 210 in 4h 57'53'' (media 42,20), 2) Bilbao (Spa) st, 3) Muhlberger (Aut) st, 4) Benoot (Bel) a 1'28'', 5) Felline st, 6) Trentin, 31) Alaphilippe (Fra) a 9'35'', 76) Aru st, 110) Nibali a 18'58''.

Classifica: 1) Julian Alaphilippe (Fra, Deceuninck) in 52h 26'09'', 2) Thomas a 1'12'', 3) Bernal a 1'16'', 4) Krujiswijk (Ola) a 1'27'', 8) Quintana a 2'04'', 10) Pinot a 2'33'', 24) Aru a 5'57'', 44) Nibali a 26'03''.

Commenti

cir

Ven, 19/07/2019 - 11:59

avete finito di incensare bartali in tutte le salse ???

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Ven, 19/07/2019 - 14:04

CIR se sbavi per balotelli non è colpa di nessuno!

cir

Ven, 19/07/2019 - 17:41

wilfredoc47 .veramente io detesto il calcio oltre che quel buffone che hai citato. Ma quando si parla del ciclismo del pasaato mi sembra che ci sia solo Bartali da ricordare.. ma io so il percheì , questioni politiche..

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Sab, 20/07/2019 - 09:28

CIR, ti sbagli di grosso. Bartali è il campione-simbolo dello sport, non solo del ciclismo. Indipendentemente dalla storia "ebrei" o che non fosse di sinistra, niente a che vedere. Conoscere Bartali uomo obbliga a porlo al di sopra, e di molto, di tutti gli altri campioni sportivi, anche più forti e vincenti di Lui. Altra caratura, credici!

cir

Sab, 20/07/2019 - 10:48

wilfredoc47 ..non sono d'accordo sulla analisi..

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Dom, 21/07/2019 - 10:19

CIR, avresti dovuto passare qualche ora con Corrieri, suo fedelissimo. Le dietrologie non hanno niente a che fare con Bartali. Inattaccabile!

cir

Dom, 21/07/2019 - 20:22

wilfredoc47 .., senti , nella vita non si puo' arrivare a tutto. chi ci arriva vicino e' perche' ha altri che gli tolgono le castagne dal fuoco. Chi sia Corrieri , non me ne frega piu' di cosa pensa una fetta di mortadella sulla relativita'.. resto delle mie opinioni e quelle degli altri le prendo in considerazione solo se sono accademiche e non personali.