Bologna, intimidazione choc ai dirigenti: tre croci con i loro nomi

Gesto intimidatorio nei confronti della dirigenza del Bologna, sono state ritrovate all'ingresso del centro sportivo di Casteldebole tre croci con i nomi dei dirigenti

Sempre più pesante la contestazione in casa Bologna, oggi pomeriggio sono state ritrovate dinanzi ai cancelli del centro sportivo di Casteldebole tre croci con i nomi dell'amministratore delegato Fenucci, il direttore sportivo Bigon e il club manager Di Vaio.

Una sorpresa sicuramente di cattivo gusta che rende ancora più conflittuali i rapporti tra tifoseria e dirigenza. Già dopo la sconfitta di Empoli, i tifosi rossoblù avevano esposto striscioni di protesta: ''O intervenite o interveniamo'' e ''Troppi romani a Casteldebole'' e avevano diffuso comunicati di protesta fino all'episodio odierno, assolutamente da stigmatizzare. La società ha immediatamente sporto denuncia ai carabinieri di Borgo Panigale, arrivati al centro tecnico poco dopo.

Periodo davvero complicato per i felsinei, relegati al terzultimo posto in classifica con la posizione di Pippo Inzaghi, sempre più in discussione. Incassata la fiducia del patron Joey Saputo, Inzaghi dovrà al più presto invertire la rotta, già dal match casalingo di martedì prossimo contro il Milan di Rino Gattuso.