Buffon il professore: tutte le strigliate di Gigi

Buffon il professore: un mestiere che potrebbe vestire a pennello, viste le innumerevoli sgridate mai fatte mancare ai suoi compagni di squadra

Gianluigi Buffon, il professore: un mestiere che potrebbe vestire a pennello, viste le innumerevoli sgridate mai fatte mancare ai suoi compagni di squadra. Quella più recente è stata rivolta al giovanissimo talentino Kylian Mbappé che - accusato di aver ritardato l'appuntamento per l'allenamento di rifinitura in vista del Marsiglia - è stato preso da parte dall'ex Juventus e rimproverato di tale mancanza di rispetto. Non è certamente la prima volta che Gigi mette in mostra il proprio carisma: ripercorriamo insieme i momenti più emblematici che rilevano quanto l'estremo difensore azzurro sia dedito alla compattezza dello spogliatoio e alla propria figura.

Buffon il professore: Sassuolo-Juve

Nel match tra i bianconeri ed il Sassuolo (LEGGI QUI), disputatosi nell'ottobre del 2015, i neroverdi hanno ottenuto i 3 punti che hanno fatto infuriare e non poco l'attuale portiere del PSG: "Abbiamo fatto un primo tempo indegno. Se ci ripenso mi fa male all’anima: a 38 anni non mi va di andare in giro a fare figure da pellegrini perché questa è la nostra fine se non capiamo che dobbiamo cambiare atteggiamento".

Juventus-Napoli: il confronto tra Italia ed Europa

Al termine di Juventus-Napoli risalente all'ottobre 2016, i bianconeri ottennero la vittoria per 2-1. Risultato che, evidentemente, non accontentò Buffon: "Ragazzi, così non si va da nessuna parte. In Italia vinciamo perché gli altri si scansano, ma in Europa non succede e non succederà. In Italia le uniche due squadre che non si sono scansate ci hanno battuto (Inter e Milan, ndr). Serve più personalità, più grinta, più voglia di aiutarsi, altrimenti ci complicheremo la vita in Campionato e soffriremo in Champions".

Juve-Napoli: questa volta è sconfitta

Ancora piemontesi contro partenopei, ma ad aprile 2018 l'epilogo è diverso: i ragazzi di mister Sarri si impongono per 1-0 allo Stadium. Una sconfitta che deluse molto Buffon (LEGGI QUI), il quale si limitò semplicemente a dire: "Questa non è la Juve". Tale sfuriata, però, causò un battibecco tra il numero 1 e Benatia.

Buffon leader anche in Nazionale

Il suo apporto carismatico non poteva mancara, ovviamente, anche in Nazionale. L'esempio più lampante risale al giugno 2013, quando l'Italia di Prandelli nel finale si fece recuperare 2 gol contro Haiti. Il nativo di Carrara sbottò: "Non ci dovrà mai essere più una prestazione del genere, nessun avversario dovrà essere sottovalutato".

Commenti

shamouk

Sab, 03/11/2018 - 13:51

Farebbe meglio a tacere e fare qualche esame di coscienza su scommesse, antisportivita. Un vero moralista del fate come dico e non fate come faccio. Indegno capitano della nazionale per anni.

Ritratto di Giano

Giano

Sab, 03/11/2018 - 14:43

Forse sbaglio, ma ho l'impressione che sia una persona prepotente, arrogante e aggressiva. Insomma, non mi è proprio simpatico.