Cassano: "Il mio rammarico più grande è stato lasciare il Real Madrid"

Antonio Cassano in un'intervista all'emittente francese Canal Plus parla della sua sfortunata esperienza con la maglia del Real Madrid: "Mi arrabbiavo con tutti per niente"

Ormai è un ex giocatore, anche se avrebbe potuto calcare ancora i campi di serie A. Del resto il Verona lo aveva ingaggiato, ma è stato lui a mollare, dopo pochi giorni di preparazione estiva. Stiamo parlando di Antonio Cassano, il fantasista di Bari Vecchia. Intervistato dall'emittente francese Canal Plus ha parlato del rimpianto più grande della sua carriera: "Ciò di cui mi pento di più è l'addio al Real Madrid".

Dalle sue parole trapela un velo di nostalgia. Ed è facile comprenderne le ragioni, come lui stesso spiega: "Ero nella migliore squadra della storia. Sarei potuto rimanere lì per molto tempo e guadagnare molto. Avrei potuto fare la storia nel calcio. Invece, ho seguito il mio istinto e ho fatto degli errori. Se un allenatore non mi faceva giocare io lo insultavo".

"La mia storia a Madrid era iniziata bene. Lì ho avuto modo di conoscere due tra i migliori giocatori degli ultimi anni: Zidane e Ronaldo. Molti calciatori avrebbero pagato per essere lì. A volte non giocavo e mi lamentavo", ha proseguito Cassano.

L'ex giocatore di Roma, Milan, Inter e Parma si dice pentito di tutte le sue intemperanze, le famose "cassanate". "Mi arrabbiavo con tutti per niente. Un giorno Capello mi ha portato via e sono impazzito nello spogliatoio, l'ho insultato in spagnolo e in italiano. Senza nessuna reale ragione. Dopo un anno di conflitti, ho lasciato".

Commenti
Ritratto di elkid

elkid

Lun, 08/01/2018 - 14:44

---mo che ti finiscono i soldi si ride---perchè tu dovevi giocare fino a quarant'anni visto che lo sai financo tu che oltre il calcio non puoi fare niente nella vita che implichi pensare---neppure l'allenatore--