Gas urticante sui giocatori, sospeso Boca Juniores - River Plate

La sostanza lanciata dai tifosi del Boca Juniores, che ora rischia sanzioni pesanti

Grave episodio in Argentina durante il "Superclasico" di ritorno degli ottavi di finale di Copa Libertadores tra Boca Juniores e River Plate.

Prima della ripresa, mentre i giocatori erano nel tunnel in attesa di tornare in campo, i tifosi hanno lanciato sui calciatori del River del gas urticante. Molti calciatori ospiti hanno lamentato una forte irritazione agli occhi. I più colpiti sono stati Leonardo Ponzio, Ramiro Funes Mori, Leonel Vangioni e Matias Kranevitter, che ha dichiarato: "È incredibile. Stavamo uscendo dal tunnel e an un certo punto non potevamo più respirare e i nostri occhi hanno cominciato a bruciare. Ci hanno lanciato del gas urticante. Sono dei codardi". L'arbitro Dario Herrera ha aspettato per oltre un'ora l'evolversi della situazione poi ha sospeso la partita. All'Andata il River aveva vinto per 1-0.

Ora il Boca rischia sanzioni pesantissime, dalla perdita scontata della partita a tavolino fino all'esclusione dalle coppe sudamericane da parte della Conmebol. Il presidente del club gialloblù Daniel Angelici ha chiesto scusa per l'accaduto dicendo di voler identificare i responsabili del gesto definendoli "dieci disadattati". Durissimi i giornali argentini, dove i titoli variano da "Vergogna" a "Scandalo" per un fatto che, anche in un calcio violento come quello argentino, non si erano mai viste.