Il Giro partirà da Sanremo Nibali promette: «Voglio esserci»

Là, dove prima c'era una ferrovia adesso c'è una pista ciclabile: il 9 maggio ci sarà anche il Giro d'Italia, con una cronosquadre che assegnerà la prima maglia rosa. Non si sono ancora spenti gli echi del Tour de France dominato da Vincenzo Nibali, ed ecco arrivare il Giro d'Italia. È solo un assaggio: l'annuncio della Grande Partenza del 2015. Dalla Liguria, con la cronosquadre iniziale a Sanremo, sulla pista ciclabile che va da San Lorenzo a Mare alla città dei fiori.

Per la prima volta una frazione di una grande corsa a tappe si sviluppa interamente su una pista ciclabile. La pista della «Riviera dei Fiori», costruita sul percorso dismesso della ferrovia costiera, si snoda lungo la costa in posizione panoramica, con pendenze lievi sia a salire sia a scendere.

Nibali, impegnato in questi giorni in circuiti in Belgio e Olanda, ha inviato un video-messaggio con il quale ha confermato il suo amore per la «corsa rosa», vinta l'anno scorso. «Non è un mistero, il Giro è nel mio cuore e farò in modo di essere al via il prossimo anno», ha detto il campione siciliano. Beppe Martinelli, il tattico dell'Astana di Nibali, da noi contattato telefonicamente ha aggiunto: «L'idea di correre una cronosquadre su una pista ciclabile è anche suggestiva e se serve per promuovere l'uso delle biciclette e di queste piste protette ben venga. Però mi convince poco la larghezza di queste strisce di asfalto. Mi sembra che siano di appena due metri e mezzo e allora mi domando: perché fare una cronosquadre e non una prova individuale? Sarebbe stato più sicuro».

Il programma ligure prevede la seconda tappa, (domenica 10 maggio), da Albenga a Genova, km 150 circa, tappa per velocisti. La terza tappa, lunedì 11 maggio è invece la Chiavari-La Spezia, 185 km adatti ai colpi di mano, a chi ha voglia di dare subito battaglia.