I mali dello sport italiano

Il medagliere ci mette tra i primi 10 al mondo, ma lo sport italiano non è messo così bene. Con i fenomeni nati in Italia che mascherano le carenze di un movimento zoppicante

RIO DE JANEIRO - Fucili, fioretti, sciabole e spade. Noi siamo così. Alle olimpiadi. Riflettiamo se sia un bene o un male che il nostro modo di essere potenza nello sport sia confinato principalmente a questo. Riflettiamo se sia bello e dignitoso ignorare queste discipline per quattro anni salvo poi riscoprirle ed esaltare per due settimane. Riflettiamo se non sia fuorviante adagiare il nostro sport su un medagliere olimpico che non è specchio fedele del reale stato di salute dello sport italiano.

Fucili, fioretti, sciabole e spade, a volte qualche arco. Sono le nostre casseforti piene di medaglie. Prendete i fucili. L'oro di ieri firmato da Diana Bacosi nel tiro a volo specialità skeet; l'argento di Chiara Cainero che arriva dopo l'oro di Pechino 2008. Medaglia numero 14 e numero 15 della spedizione azzurra. A pallottole abbiamo conquistato 5 medaglie, un terzo del bottino. Due ori e tre argenti. E meno male che ci sono loro.

Fucili, fioretti, sciabole e spade. Poi tocca alla scherma, che non ha brillato in questa olimpiade (vedi ieri sera la sconfitta contro gli Usa nella battaglia per il bronzo del fioretto a squadre maschile). Ma anche se opaca e malconcia e privata del dream team del fioretto donne a squadre, la scherma ha contribuito alla causa medaglifera con un oro e due argenti. E sono otto. Il resto arriva dal nuoto (1 bronzo pesantissimo nei 400 stile, Detti), dal canottaggio (due bronzi pesanti), dal judo (oro e argento) e ciclismo donne (bronzo pesante), tuffi sincro 3 m (argento pesantissimo Cagnotto-Dallapé).

Vien da sé che il nostro sport, nel senso di sport quello vero e praticato da tutti e diffuso o che dovrebbe essere diffuso capillarmente (nuoto e atletica in primis) latita, incespica, ha bisogno d'aiuto e di essere fortificato. Certo, l'atletica è iniziata ieri, ma salvo miracoli non toccheremo podio (avevamo Tamberi e Schwazer da oro ma in un modo o nell'altro ce li hanno portati via). Certo, oggi Paltrinieri potrebbe farci sognare. Ma Greg non è un prodotto del movimento. E' soprattutto un fenomeno che per fortuna è nato in Italia

SEGUI lo speciale Rio 2016

Commenti

FRANZJOSEFVONOS...

Sab, 13/08/2016 - 08:38

IL NUOTO FANNO LE DIVE

Ritratto di Trasimacus

Trasimacus

Sab, 13/08/2016 - 08:50

Osserviamo il Medagliere olimpico adesso e paragoniamo l'Italia alla Gran Bretagna: il risultato è sconfortante e temo che il divario aumenti prima della fine dei giochi olimpici. C'è peraltro da aggiungere che le Olimpiadi sono ormai diventate un baraccone fieristico, dove vengono ammessi gli 'sport' più disparati. Pensare che tutte le discipline sportive abbiano lo stesso valore è ridicolo. Il guaio dell'Italia è che siamo molto scadenti nelle discipline olimpiche tradizionali e più 'nobili' e cioè nell'atletica.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 13/08/2016 - 08:54

Ma cosa volete che movimenti una repubblica da barzelletta con un governo illeggittimo e un clown al comando? Si vince per singoli talenti che emergono individualmente, lo stato non batte un chiodo. I soldi li trova solamente per mantenere negri alla terme.

marcomasiero

Sab, 13/08/2016 - 09:06

beh ... poichè la scuola tratta la ginnastica come una noiosa prassi durante le cui ore o si fanno i compiti o si giochicchia allora nessuna meraviglia ! strutture zero voglia zero (ci pensino le famiglie a casa). MA la voglia zero è anche della gioventù sedentaria, (infatti "primeggiamo" con "cicciottelli" che allenano sì la mente l' occhio etc ma sicuramente non il corpo), che sicuramente preferisce fare in compiti delle ore successive a scuola o rilassandosi appunto giochicchiando. Per il resto basta girare per le strade e vedere quanta adipe gira ... andare sugli argini e contare gli adolescenti che corrono o praticano sport libero.

arkkan

Sab, 13/08/2016 - 09:08

Lei ha citato sport di fatica, di grandi onori, ma di pochi soldi. E' evidente, ma non è una novità di oggi, che l'italiano medio non ha voglia di faticare. Men che meno di faticare solo per la gloria. E come dargli torto? Perchè allenarsi duramente, ad es. nel mezzofondo, per avere in risultato qualche medaglietta, quando con molta molta meno fatica si può aspirare ad avere soldi e gloria tirando calci ad un pallone?

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 13/08/2016 - 09:16

Gli italiani hanno come specialità quello di portare le persone che si sono fatte una certa popolarità, """ALLA PARI DEGLI DEI""", MA SI DIMENTICANO, CHE LO SPORT, NEI GIOVANI È IN PIENO SVILUPPO E CON L`ANDARE DEGLI ANNI, ANCHE IL PIÙ GRANDE CAMPIONE, """VIVE SOLO DI RICORDI""" ED ALTRI GIOVANI DIVERRANNO CAMPIONI!!! """QUESTA MALATTIA, MOLTO CONTAGGIOSA SPECIALMENTE NEGLI ITALIANI, CHE A TUTTI COLORO CHE, SI SONO VALUTATI NEGLI STUDI,VIENE DATO IL TITOLO DI Dottore, Cavaliere, Commendatore, o che ne sò io??? Qui è dove si sbagliano gli italiani, perchè TUTTI SIAMO UTILI, MA NESSUNO È INDISPENSABILE e se manca il contadino, il signore stesso deve coltivare la terra per poter mangiare!!! """PERCIÒ TOGLIAMO TUTTI QUEI SALAMALECCHI INSULSI E DIAMO RISPETTO AL NOSTRO SIMILE, QUEL RISPETTO CHE DA HANNI È VENUTO A MANCARE"""!!!

aitanhouse

Sab, 13/08/2016 - 10:20

vedrete che fra qualche anno alle olimpiadi ci saranno gare di poker, di texas holdem, di tressette e di scopone scientifico, buone discipline per rimediare qualche medaglia alla comitiva azzurra.

conviene

Sab, 13/08/2016 - 10:54

forse chi scrive e chi commenta non sa come e quanto serva per formare una disciplina sportiva che poi possa sfornare atleti di livello.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 13/08/2016 - 11:16

ma se devo mandare mio figlio all'università e devo pensare una sistemazione per alloggiarlo affidandomi a dei cannibali che affittano per studenti dei buchi con cifre che nemmeno un appartamento di lusso di 100 metri quadri si paga nella mia città, senza che lo Stato pensi a fare dei college che se tu entri hai pure la sistemazione in una camera come negli USA. Ma lo sanno che i ragazzi si spostano? College con strutture sportive anche di svago. E lì che si preparano tanti ragazzi in USA.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 13/08/2016 - 11:21

inventiamo una nuova disciplina, Chi timbra più cartellini in un minuto. Almeno lì saremo i primi.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 13/08/2016 - 11:26

la disciplina della corsa la perdiamo, perchè l'italiano pensa di correre per andare a lavorare e se si è piazzato settimo è perchè si è fermato a prendere un caffè e brioche, come di regola nei primi minuti di inizio lavoro.

PorcaMiseria

Sab, 13/08/2016 - 11:28

A proposito di Tamberi! Tutti i "media quatidiani" hanno preso quest'atleta contrario alla riamissione di Schwazer, BALLE! Tamberi ha ufficialmente smentito, anzi ha incoraggiato Schwazer a partecipare. Se ricordo bene nell'inchiesta dell'Altoatesino, non più di 20 gioni addietro, denunciavano telefonate minacciose da un certo allenatore Italiano in Cina, con fratello nella IAAF, di non partecipare! Oggi hanno vinto proprio i due cinesi. Il nostro CIO o i direttori di settore hanno denunciato quanto successo? NO, è più importante l'olimpiade 2024 a Roma e sono più importanti le scomesse e la MAFIA.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 13/08/2016 - 11:30

"I mali dello sport italiano"? Il male ormai è solo uno ed uno solo. L'ideologia "politically correct" della sinistra, Pd in particolare, che ha preso piede anche lì. E là dove entra codesta politica è la fine di ogni cosa e di ogni competizione. Ce lo insegna ampiamente Del Piero nel suo spot: "Sport è quella cosa, dove anche se non vinci, vinci lo stesso". E se non bastasse, anche lo spot della Rai: "Lo sport è di tutti". Come se a qualcuno è venuto qualche volta in mente di volersene appropriare. Ecco qual è il vero male. Il sinistrismo invadente.

vince50

Sab, 13/08/2016 - 11:40

Cerchiamo di prevalere in ben altri ambiti,e chi se ne fotte dello sport.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 13/08/2016 - 11:48

Io penso che lo Sport è "malato" a livello mondiale e a perso ogni credibilità, Olimpiadi comprese. Troppi interessi leciti e meno leciti hanno distrutto ogni disciplina.

acam

Sab, 13/08/2016 - 11:57

siamo nello sporte ma anche in un paese che praticamente non ha più e esercito perché smantelliamo le caserme le diamo a dei vigliacchi che non difendono il loro pase figuratevi il nostro. vigliacchi giovani e forti che per il telefonino ammazzerebbero chiunque. Ritorniamo a nostri giovanissimi che hanno dichiarato che se fosse necessario cambierebbero religione, parole di questo quotidiano, io sono partito a 27 anni per la germani mi sono preso mio padre che non aveva pensione ha vissuto con me fin che non mi ha lasciato, era uno di quelli che onestamente ha ricostruito l'Italia quando i partiti erano intenti a distruggerla con successo.

Ritratto di leoni_da

Anonimo (non verificato)

paolonardi

Sab, 13/08/2016 - 12:57

Chissa' cosa ne pensano i pacifisti anti-armi di questi pericolosissimi guerrafondai che si dilettano con siffatti strumenti di morte.

Ritratto di acroby

acroby

Sab, 13/08/2016 - 18:07

@AZO. Spero tu fossi ubriaco quando hai scritto quello sproloquio. In caso contrario fatti vedere da uno specialista perchè hai dei grossi problemi LOL

Cogito postea dico

Dom, 14/08/2016 - 07:17

Fino a quando si pagheranno centinaia di milioni di euro per calciatori che, poi, saranno remunerati con decine di milioni di euro, il 50% dei genitori (solo?) iscriverà i propri figli, anche in età prescolare, alle scuole calcio sperando ... (o convinti ...?) Deluse, infine, le aspettative, i giovani sono lasciati a se stessi: che facciano quello che vogliono per far del moto (per molti, se non saranno calciatori, sportivamente sono dei falliti). Qui dovrebbe intervenire la scuola che, dopo una buona preparazione psico-motoria nelle ore invernali di educazione fisica, con la bella stagione dovrebbe poter trasferire le classi su centri di atletica per saggiarne e indirizzarne le potenzialità. Da lì, CON QUALCHE INCENTIVO E AGEVOLAZIONE, si potranno creare vivai da cui selezionare i futuri potenziali olimpionici.