I tifosi aizzano la Lazio "Il derby è guerra etnica"

A Formello i calciatori a "lezione" di derby dal capo ultrà: "Mozzicate le caviglie ai romanisti". E ora rischiano il Daspo

"Per noi il derby non è una lotta: è guerra etnica". Chi ha vissuto anche solo una volta la stracittadina romana sa che quel capo ultrà della Lazio ha ragione. I tifosi la vivono così, con le conseguenze negative e positive del caso. Inutile girarci intorno.

In queste ore un video (guarda il video) sta inondando i cellulari dei supporter della Lazio. Si tratta di un inno alla "battaglia" realizzato nei giorni scorsi a Formello durante l'allenamento in preparazione della partita di domenica. Il filmato ha fatto tanto rumore da spingere la Digos ad aprire le indagini del caso per capire se è necessario applicare il Daspo nei confronti di quei tifosi.

"Quello che state facendo in questo periodo vuol dire tanto - si sente dire il capo ultrà ai giocatori raccolti sotto gli spalti - Noi due cose vi chiediamo: il massimo impegno, e affrontare questa partita come se in campo ci fossimo noi". Immobile e compagni ascoltano in silenzio perché per un laziale questa è roba seria. Guai far trapelare di vivere il derby come "una partita come le altre". "Dovete dare mozzichi alle caviglie - dice l'ultrà - facendoli scappà dentro il campo, non correre. Quando un solo giocatore della Lazio viene toccato, vogliamo vedere undici leoni dentro al campo che se li mangiano".

Gli aquilotti stanno vivendo un buon momento. La Curva Nord sarà piena e la Roma è a un passo. Insomma: vincere o morire. "Noi vi vogliamo bene e sappiamo quello che state facendo - continua l'ultrà - ma voi dovete apprezzare quello che stiamo facendo noi e la passione che ci mettiamo". Poi la chiosa finale: "Ultima cosa: ricordate che per noi non è una battaglia, è 'na guerra etnica".

L'importante è sia solo metaforica. E che non si verifichino deprecabili scontri come in altre occasioni passate. Perché il derby va combattuto (solo) sul campo.

Commenti

nessundorma1

Sab, 03/12/2016 - 18:42

guerra etnica?? allora cominciate a sparacce na pompa. A razza inferiore de falliti. sedici anni in serie B. Una squadra de corrotti e venduti. Giordano se vendeva le partite. Cragnotti ve s'è vennuto lo scudetto. ancora parlate?

Pisslam

Sab, 03/12/2016 - 19:52

Onore ai tifosi della Nord

Tamagorà

Sab, 03/12/2016 - 20:11

Giusto ! Anche noi milanisti siamo con voi ! Poi, naturalmente, faremo fuori anche la Lazio !!!

Ritratto di Situation

Situation

Dom, 04/12/2016 - 08:57

tanto chiasso per nulla: la frase pronunciata, nel malato mondo Ultrà, è una delle solite ignobili fesserie. Non dobbiamo punire la frase, dobbiamo annientare gli Ultrà di tutte le maglie!

pasquinomaicontento

Dom, 04/12/2016 - 11:38

Poracci, li mostacci loro e der capo scopino che li commanna, er mitico prof latinorum-allunga rate,(45 anni pe' pagà' la lazie) riguardo ar capo ultrà che se dovesse vince la lazio avrà dar capo-scopino du'ciotole in più de pappone pe' li cani con osso de stinco a parte.Che dire di più...lasciamo lavorare il psichiatra di turno...

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 04/12/2016 - 12:26

-----se io fossi il proprietario della lazio ---prenderei i 3-4 giocatori che stavano a sentire sti idioti fanatici e li caccerei dalla squadra--da immobile e compagnia bella---mentre gli altri calciatori si allenavano regolarmente-----non esiste proprio che un calciatore venga chiamato a colloquio dalla curva dei minus habens-----