Icardi continua a segnare in Champions: rimpianto per l'Inter?

Mauro Icardi sta facendo le fortune del Psg in Champions League: con quello di ieri sera sono quattro le reti in quattro partite. L'ex capitano è rimpianto da tanti tifosi dell'Inter

Il parallelo tra Mauro Icardi e Romelu Lukaku, sicuramente, andrà avanti fino al termine della stagione dato che il belga è arrivato all'Inter per rimpiazzare l'ex capitano finito in prestito al Psg nell'ultimo giorno di mercato. Entrambi gli attaccanti, per ora, stanno facendo faville nei rispettivi club con l'ex Manchester United che ha già segnato nove gol in campionato in undici presenze ma che non ha ancora segnato in Champions League in tre apparazioni, contro lo Slavia Praga e nei due match contro i tedeschi del Borussia Dortmund.

La media gol di Lukaku continua ad essere altissima, ma quella di Icardi non è da meno dato che finora ha segnato quattro gol in cinque partite di Ligue 1 e quattro centri in quattro partite di Champions League. Il bomber di Rosario ha un rapporto minuti giocati-gol realizzati pazzesco: un gol ogni 93' minuti in campionato, uno ogni 65' in Champions League. Icardi ha segnato complessivamente 8 reti in Europa in sole dieci presenze tra Inter e Psg: un'enormità per uno degli attaccanti classe '93 più forti in circolazione. Questa condizione sta facendo strocere un po' il naso ai tanti tifosi nerazzurri che non avrebbero voluto la cessione dell'ex Sampdoria e Barcellona.

Icardi vuole farsi riscattare dal Psg e qualche giorno fa aveva parlato in questi termini della sua voglia di restare all'ombra della Tour Eiffel al termine della stagione: "Farò di tutto per rimanere e per farmi riscattare". Al termine del match vinto contro il Brugge, però, Leonardo ha un po' frenato, forse strategicamente, circa il riscatto da 70 milioni di euro da versare nelle casse dell'Inter nel caso in cui venga esercitato: "​Icardi è stato molto efficace in partite decisive come oggi. Ha detto che farà di tutto per farsi riscattare? Ho letto le sue dichiarazioni Sono molto contento, si vede che sta facendo di tutto. Penso sia una cosa bella che un giocatore abbia un obiettivo. Dopo la strada è ancora lunga per tutti noi, vedremo cosa succede".

In tutto questo l'Inter resta a guardare nella speranza che il suo ex capitano faccia sempre meglio per farsi riscattare così da incassare una cifra corposa, al netto di perdere uno degli attaccanti più forti al mondo ma questo era già stato preventivato dalle parti di viale della Liberazione. Per questo motivo è arrivato Romelu Lukaku, che numeri alla mano può essere considerato anch'egli uno dei bomber più forti al mondo. Il belga non ha ancora segnato l'Europa e questo è forse l'unico neo per il 26enne di Anversa che ha però ancora tutte le carte in regola per aiutare l'Inter nella qualificazione, difficile, agli ottavi di finale di Champions League.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?