Inter umiliata dal Valencia

America amara per i nerazzurri: dopo il 2-0 rimediato dal Chelsea perdono 4-0 con il Valencia. L'undici di Mazzarri regredito anche sul piano del gioco

Nuovo ko per l'Inter di Mazzarri. Dopo la sberla rimediata dal Chelsea (2-0) arriva la sconfitta ad opera del più modesto Valencia. Due gol per tempo e i nerazzurri  rimediano una figuraccia senza scusanti a New York, nella seconda giornata della International Champions Cup. Il nuovo appuntamento in America è in programma il prossimo 8 agosto a Miami: sarà un derby italiano contro la Juventus. Al di là del risultato l'Inter vista in campo con gli spagnoli ha evidenziato un sensibile passo indietro rispetto a quella che ha giocato contro il Chelsea di Mourinho. Contro gli inglesi, i nerazzurri avevano giocato almeno una prima frazione decente, tenendo il campo sino alla fine. Stavolta, invece, l'undici sceso in campo è stato lungo, molto lento e troppo impreciso. E, soprattutto, sempre in balia di una squadra tosta, ben messa in campo, ma pur sempre di seconda fascia. Tra le due squadre è emerso un divario tecnico e fisico preoccupante, tanto che a un certo punto la partita per gli spagnoli s’è trasformata in un allenamento, con tanto di imbarazzante "torello" ai danni degli interisti.

Ci mette solo sette minuti il Valencia a passare in vantaggio sull’Inter: Banega, indisturbato, ha tutto il tempo di prendere la mira e scagliare un bel destro a girare, forte ma non troppo angolato che sorprende un Handanovic poco reattivo. Dopo 4 minuti, sempre Banega ci riprova, di sinistra, sempre fuori area. Ma il portiere nerazzurro in tuffo devia in angolo. L’Inter sbaglia tanto e non riesce quasi mai ad attraversare la metà campo avversaria. Al 16’ arriva la prima occasione per la squadra milanese: Guarin si libera bene sulla sinistra e tira un diagonale che esce di poco. Ma il pallino del gioco resta agli spagnoli, che al 33’ raddoppiano con un’azione molto simile al primo gol: stavolta è Jonathan a trovarsi tutto solo a raccogliere una respinta della difesa: sinistro forte ma centrale, Andreoli sfiora di testa quel poco che basta a mettere fuori gioco un incolpevole Handanovic. Un minuto dopo Palacio, l’unico che prova a mettere un po' di verve nel gioco dell'Inter, si libera in area ma spara alto.

Nel secondo tempo la musica non cmabia: Mazzarri toglie Pereira, Chivu per Ricky Alvarez e Ranocchia. Al 51’ il Valencia sfiora il tre a zero, ma il colpo di testa del brasiliano Jonas centra il palo. Ogni volta che gli spagnoli spingono riescono a creare un'occasione da gol. Al 56’ Jonas dribbla portiere e Juan Jesus entrando in porta con la palla. A quel punto il difensore interista reagisce con un brutto colpo sulla nuca: l'arbitro lo "grazia" con il giallo. Al 65’ entrano in campo anche Icardi, Jonathan e Olsen. Ma la partita è finita ormai da un pezzo. C'è tempo ancora per un gol: all’89’ Jonathan sigla la sua doppietta. Ed è un poker che umilia l'Inter.

Mazzarri recita il mea culpa

Walter Mazzarri si assume la reponsabilità della sconfitta della sua squadra: "Eravamo imballati, l’ho detto anche ai ragazzi, la colpa è mia - spiega il mister dell’Inter al termine dell’incontro -. Ieri li ho fatti lavorare troppo, non erano lucidi. Speravo di non prendere tanti gol, ma sapevo benissimo che i giocatori erano stanchi e affaticati. In questa fase della preparazione preferisco che la squadra lavori - continua - bisogna fare una scelta: o fare bella figura nelle partite amichevoli, oppure andare dritti per la propria strada e sperare di essere ripagati in futuro". 

Commenti

gesmund@

Lun, 05/08/2013 - 21:19

Perchè non hanno venduto subito Handanovic al Barca quando già offriva una barca di euri, senza pretendere l'imposibile per un portiere tecnicamente mediocre?? Comunque, menomale che l'Inter non farà le coppe europee, così potrà concentrarsi sull'obiettivo salvezza.