Mario sbaglia un rigore e non nasconde più tutti i guai del Milan

La difesa e Abbiati spianano la strada a un super Napoli. Il bomber segna quando è tardi. Poi viene espulso a fine partita

Milano - Britos e Higuain dopo Giordano e Maradona. Ventisei anni dopo il successo che spalancò al Napoli di Ferlaino e Bianchi lo scudetto, crolla il muro di San Siro, mai valicato da quest'altro Napoli che riassapora il gusto unico e forte della stagione tricolore. Nel calcio come nella vita ci sono segnali da cogliere e quello di ieri è uno di questi perché convincente nella forma e nella sostanza. Vince a San Siro il Napoli di Benitez, vince bene, comodo il 2 a 0 inflitto sulla schiena del Milan malconcio partito, frutto di calcio coraggioso e offensivo instillato dal tecnico spagnolo in poche settimane. È vero: non c'è più il genio inimitabile di Diego Armando, qui c'è però la squadra che si esalta con il talento balistico di Higuain ed è in grado di fare musica oltre che calcio d'altissimo livello, di correre e perfezionare triangoli, di esibire anche un signor portiere capace di parare il rigore di Balotelli e tenere così il Milan a distanza di sicurezza.
Inquietante la partenza del Milan, come gli accade troppo spesso, fulminante quella del Napoli. Che affronta di petto il rivale consapevole dei propri mezzi, del proprio ruolo di leader potenziale del campionato e non intende perdere tempo. Così nel giro dei primi 6 minuti, l'armata di Benitez confeziona tre golose occasioni da gol che colgono di sorpresa la difesa milanista, imbambolata e disorganizzata. In un caso Behrami, solo davanti ad Abbiati, alza sulla traversa, nell'altro Higuain, imbeccato da uno scarabocchio di Zapata, sfiora il palo, al terzo tentativo il Napoli passa con comodità imbarazzante. Svolgimento elementare: Callejon calcia una punizione-arcobaleno, Albiol sull'altro spigolo d'area rimette al centro, il sodale Britos, tutto solo, può appoggiare in rete senza trovare alcuna opposizione. Stanno tutti a guardare come le famose statuine. Benitez muove in attacco le sue pedine difensive che, al contrario di quelle rossonere, fanno centro e orientano subito la sfida. Per riprendersi dallo choc, il Milan ricorre al suo corazziere, Balotelli, e all'agilità di un pario di esponenti, Abate, Poli, che hanno energie da spendere e possono replicare al calcio avvolgente del Napoli. Prima di rischiare il ko (pedata di Behrami al ginocchio destro) sulla sirena del primo tempo, Mario impegna una volta Reina col sinistro, una volta sfiora il palo, sulla terza "cicca" la volee impegnativa. È vero, il Napoli si difende con qualche affanno di troppo (una spinta inutile e sfacciata di Zuniga su Poli è un rigore inspiegabilmente ignorato da arbitro e addizionale, lì a due passi), ma appena riparte son dolori per la discutibile compagnia rossonera, hanno bisogno del prezioso contributo di De Jong per limitare i danni. Se poi nella serata, al deficit segnato da assenze e modesta cifra tecnica, si aggiunge anche la dormita di Abbiati (prende gol dal limite su un tiro nemmeno irresistibile di Higuain passatogli sotto il fianco), allora per il Napoli è festa completa e per il Milan un'altra serata da dimenticare.
Resa ancora più deprimente dal primo rigore (dopo 21 a buon fine) sbagliato da Balotelli (Britos tiene Mario, Albiol lo falcia): la macumba di Allegri non funziona, Reina prepara l'impresa sorseggiando acqua, appena parte la rincorsa, si tuffa a destra trovando pallone e gloria. Attenti, Balotelli è l'unico di casa Milan a non arrendersi (una traversa e una parata di Reina non gli negano la piccola soddisfazione del gol che arriva in pieno recupero). Da solo però neanche Maradona potè rimediare alle altrui insufficienze che adesso, con la classifica precaria, diventano un allarme inquietante. Ma poi finisce di rovinare la serata con l'ennesima protesta che gli vale l'espulsione a partita già finita.
Cantano i 15 mila napoletani di San Siro, cantano e ballano, proprio come ai tempi di Maradona.

Commenti
Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 23/09/2013 - 08:08

Il Milan è la peggiore nella valutazione stipendi e rendimento. Giocatori del Milan non giocherebbero nel Chievo, pari/classifica. Dalla società in giù c'è ancora la mentalità (ed il gioco) di quando c'erano moltissimi fuoriclasse. Balotelli e Kakà (ed i loro stipendi) non hanno senso. La proprietà smetta di guardare al Barcellona ed al Real Madrid e guardi al Chievo, Catania, Genoa, Udinese. Perchè è lì che il Milan sta. Speriamo.

Pelican 49

Lun, 23/09/2013 - 09:48

Si scambiano un portinaio per portiere ed un bidello per allenatore... cosa ne può sortire? Come se non bastasse il resto dei difensori(?) non sfigurerebbe nella classica "scapoli vs ammogliati". Certo, il Calcio serio è un'altra cosa, oramai purtroppo lontana anniluce dal Milan attuale e dai suoi sedicenti dirigenti (e proprietari). Arrivederci in Serie B.

viento2

Lun, 23/09/2013 - 10:06

Dott.Ordine mà che partita ha visto quel Napoli che lei descrive dopo 10 minuti non era più in campo Balotelli li ha presi a pallonate e solo la fortuna e la papera di Abbiati li ha fatto vincere x non parlare dell'arbitro

viento2

Lun, 23/09/2013 - 10:13

quante funeste Cassandre anche lo scorso anno ci davano x morti e siamo arrivati terzi il campionato finisce a maggio e il Milan sè gioca sempre come ieri sera infila un'altro filotto e l'anno prossimo di nuovo in CL

gioch

Lun, 23/09/2013 - 11:43

Balo,detto da un fiorentino, viene massacrato di botte e,se reagisce perchè non tutelato,viene massacrato dalle parole di giornalistini super-politicamente corretti(per non usare il termine leccaculi).Difensori che picchiano come criminali e non vengono adeguatamente puniti ma,anzi,giustificati usando termini come "ci mette molto mestiere".Coglionate!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 23/09/2013 - 11:55

che vada a lavorare sul serio questo fanatico viziato

giovauriem

Lun, 23/09/2013 - 11:56

viento2,è ovvio che la partita l'ha vista da fuori lo stadio,senza accorgersi di avere gli spalti davanti,comunque il suo è un commento da tifoso sfegatato e del tutto incompetente

viento2

Lun, 23/09/2013 - 12:12

giovauriem-Lei invece si è distratto o ha visto un'altra partita

giovauriem

Lun, 23/09/2013 - 12:24

viento2,ma non si rende conto che la sua cantilena(tutti hanno visto un'altra partita)è patetica

benny.manocchia

Lun, 23/09/2013 - 12:24

gLI ARBITRI DI CALCIO IN iTALIA SONO COME I MAGISTRATI.sE SBAGLIANO NON GLI SUCCEDE NIENTE. iERI L'ARBITRO DI mILAN-NAPOLI HA SBGLIATO DUE VOLTE,HA NEGATO DUE RIGORI.iL FILMATO NON SBAGLIA.lO ABBIAMO VISTO E RIVISTO DIECI VOLTE,INSIEME CON UN GRUPPO DI ITALIANI CHE RISIEDONO a New York.C'era anche un arbitro della lega americana.I rigori ci stavano e i giornalisti italiani sempre pronti a cantare il deprofundis dovrebbero fare una ...autopsIa delle due situazioni e poi urlare.L'arbitro di Napoli-Milan e' stato sfacciatamEnte a favore della squadra di Benitez.Un livornese (pensate) CHE SE LA PRENDE CON LA SQUADRA DI bERLUSCONI.rOBA TUTTA ITALIANA.cOMUNQUE IL mILAN E' UNA SQUADRA DA CORREGGERE;mANCANO VERI CAMPIONI CHE sanno difendere E CHE SEHGNANO.vI PARE POCO? UN ITALIANO IN USA

schiacciarayban

Lun, 23/09/2013 - 12:37

Il Milan è stato superiore al napoli, una decina di palle gol, una traversa, un rigore non dato e uno sbagliato (sfiga). Il napoli ha fatto quattro tiri e due gol. Non spariamo contro il Milan, il campionato è appena iniziato...

simone64

Lun, 23/09/2013 - 12:38

Viento2 - rigore x il Milan sacrosanto (compensa quello finto di Torino), papera di Abbiati normalmente molto attento,Balotelli sembrava Maradona......però questa squadra anche se gioca in CL, mai la vincerà mentre il Napoli ha giocato compatto e le poche volte che ha potuto, ha segnato. Cassandre o non cassandre alla fine vince chi la mette dentro.

BRAMBOREF

Lun, 23/09/2013 - 14:09

Benny.Mannocchia, Vorrei suggerirti ci acquistare un bel paio di occhiali, così, al di là degli errori arbitrali (hai visto anche Torino-Milan?) potresti vedere anche il CAPOLAVORO di Galliani.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 23/09/2013 - 14:13

IO; SE FOSSI COME VIENTO2 GRIDEREI ANCHE ABBASSO IL NAPOLI! MA UNA SQUADRA COME IL NAPOLI CHE IN 1 SETTIMANA BATTE IL BORUSSIA DORTMUND É IL MILAN A CASA SUA É TUTTA L;ORGOGLIO DI NAPOLI, CHI SE NÉ FREGA DEI TIFOSI MILANISTI!.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 23/09/2013 - 14:22

benny.manocchia: visto che ha tanto tempo da perdere, le consiglio di rifare un corso di italiano base e poi di seguire le vicende americane e basta.

carvan1234

Lun, 23/09/2013 - 14:52

Essendo sempre stato Milanista, quello che trovo di buono nell'attuale situazione in cui versa la squadra a seguito della (non) campagna acquisti é che Berlusconi sa perfettamente che in una eventuale campagna elettorale la cosa gli costerà centinaia (ma parecchie) di migliaia di voti di Milanisti esasperati. Questa é una delle cose che mi rassicura di piu' contro quello che sarebbe l'atto irresponsabile di staccare la spina al Governo in una situazione economica drammatica come l'attuale.

Ritratto di martinitt

martinitt

Lun, 23/09/2013 - 14:59

Male Abbiati e l'allenatore che lo fa giocare e non è da Milan.

-cavecanem-

Lun, 23/09/2013 - 15:50

Bisogna tenere in considerazione che anche il Napoli ha fatto diversi errori. Nonostante questo il Milan non e' riuscito a rendersi troppo pericoloso perche' ha troppe carenze. Balo si e' mangiato un rigore, e altre palle ma il Napoli non lo ha marcato tanto bene. Poi come suo solito s'e' messo a fare il bingo bongo.

G_Gavelli

Lun, 23/09/2013 - 15:52

Il Napoli non mi parrebbe così super! Lo si vuole sponsorizzare ad ogni costo? Mi spiace, non ci sto, Franco! Senza la catastrofe difensiva sul primo goal e l'insieme fra la sufficienza di Mexes e la topica di Abbiati, avremmo vinto noi,. A mio parere, rivista la scena del rigore, Mario non avrebbe dovuto batterlo (la gamba che utilizza in quel frangente gli doleva: ha tirato piano ed a mezza strada), comunque il BRAVO Reina fa un passo avanti prima del tiro. Adesso? Balotelli out per 2-3 giornate ed un'intera squadra di infortunati. Brava Società: affrettiamo la preparazione per andare in gita turistica in Baviera e negli USA! Non spenderò 1 solo Cene per andare a vedere questo Milan "platinizzato" invece che essere ceduto profumatamente allo stadio.

viento2

Lun, 23/09/2013 - 16:31

giovauriem-è patetico Lei oltre ad avere gli occhi foderati di salame x insistere da affermare che il Napoli abbia giocato meglio del Milan

benny.manocchia

Lun, 23/09/2013 - 16:51

poveri komunisti italiani,gia' vedono il Milan in serie B. Aspetta e spera... un italiano in usa

BlackMen

Lun, 23/09/2013 - 17:25

benny.manocchia: più che altro povero te che vedi comunisti ovunque...pure in campo!

BlackMen

Lun, 23/09/2013 - 17:27

Balotelli 3 giornate...ciao ciao Juve

precisino54

Lun, 23/09/2013 - 17:46

X viento2; non ho visto la partita, ma l’ho sentita per radio e stamane mi sono incontrato con chi l’aveva vista; il Milan non meritava la sconfitta! A parte la quantità di tiri in porta ed il possesso palla che dicono se mai che in casa rossonera debbono aggiustare la mira, oltre a mettere un portiere che si ricordi sempre cosa significa, e non un portinaio; tanto vale in certe occasioni avere un citofono, almeno potremmo avere un uomo in più a centrocampo! Poi se aggiungiamo qualche rinforzo in difesa non sarebbe male. I rigori erano chiaramente due ed il primo sull’1-0 avrebbe cambiato la partita. In ogni caso non si può tollerare il massacro che certi arbitri consentono accettando entrate da codice penale, ricordo quella sulla caviglia di Kakà col Torino che meritava l’espulsione diretta, e tutti quelli che in ogni partita i difensori esibiscono sulle gambe di Balo magari per stuzzicarlo e spingerlo alla reazione da pronto cartellino. Ieri credo Britos avrebbe meritato ampiamente il rientro negli spogliatoi anzitempo e poi vediamo come cambia la partita. A parte ogni cosa non si può accettare che si giochi a far male ed intimorire l’avversario, perché a quel punto meglio togliere dai campi la scritta che invita la fair play. Giusto ritornando alla partita col Torino, ed al mancato fair play rossonero, la rimessa in gioco di Mexes nel finale ha dato fastidio anche per un particolare disatteso da tanti, il torinista non si è accontentato di mettere fuori la palla ma l’ha anche allontanata per perdere tempo! Purtroppo nel calcio da tempo si riversa l’odio politico in particolare nei confronti del diavolo, fa parte del gioco, e spesso si fanno accostamenti tra acquisti e voti da parte di chi commenta. Quello che è inaccettabile e l’intervento di tanti “lecca lecca” nelle varie trasmissioni sportive. Se andiamo a vedere il rigore dato e parato, Balo avrebbe potuto fare meglio in effetti, Reina si è mosso ampiamente prima ed era a due metri della linea di porta e quindi andava ripetuto; a cosa servono i giudici di porta se non a vedere anche questo, per non dire dell’arbitro che avrebbe dovuto vedere, come non accorgersi della sagoma non proprio minuta e di rosso vestita che viene in avanti, a cosa guardava l’arbitro?