Milan, Balotelli sta bene Ma il pericolo è il Psv

I rossoneri pescano gli olandesi nei playoff per andare ai gironi. El Shaarawy: "Sfida difficile, ma non possiamo avere paura"

Gli esami medici effettuati da Mario Balotelli hanno dato esito completamente negativo. Mario ci sarà nel preliminare Champions di martedì 20 agosto in casa del Psv Eindhoven. Aveva accusato un fastidio al polpaccio contro i Los Angeles Galaxy e messo in allarme, tutto rientrato.
E questa è la notizia buona.
L'altra è che dal cappello magico di Nyon è uscita la squadra con il maggior coefficiente Uefa tra le possibili avversarie. Un play off che inevitabilmente condizionerà l'intera stagione e subito il mercato. Al Milan poi resteranno pochissimi giorni per chiudere almeno una trattativa importante in caso di accesso ai gironi. Per ora mercato indecifrabile: «Per Ljajic abbiamo fatto un'offerta e non l'hanno accettata - ha detto Galliani al rientro dagli States -. Honda arriva a gennaio, se vogliono darcelo prima bene, altrimenti aspetteremo».
Secondo dietro l'Ajax, il Psv Eindhoven è allenato da Phillip Cocu, ex Barcellona e anche ex Psv, l'uomo che spaventò il Milan con una doppietta nella semifinale del 2005. Centouno presenze in nazionale, quinto anno di panchina ad Endhoven fra giovanili e prima squadra, non felicissimo dopo la strapazzata all'organico di questo mercato. Cessioni importanti, Strootman alla Roma, Mertens al Napoli, Lens alla Dinamo Kiev, e Van Bommel a fine corsa, con partita d'addio il 19 luglio al Philips Stadium. Adesso la stella è il centravanti corazziere sloveno Tim Matavz ex Groningen, 22 gol in Eredivisie nelle due ultime stagioni. Peraltro presenza incerta perché Petkovic lo vuole come prima scelta alla Lazio. Di certo ci sarà il trequartista coreano Park Ji-Sung appena prelevato dallo United, un ritorno perché aveva già militato nel Psv dal 2002 al 2005. Schema 4-1-4-1, età media 21 anni, la scorsa stagione ha eliminato il Napoli in Europa league. Demetrio Albertini lo ha definito un avversario ostico: «Fa tanto possesso palla e ha iniziato prima il campionato mentre noi stiamo facendo ancora amichevoli e tournee. Conterà moltissimo la condizione atletica più del talento. In questo momento della stagione le incognite sono tante». Anche per El Shaarawy sarà una sfida delicata: «Ma non possiamo avere paura».
C'è sempre in gioco il prestigio e anche un bel mucchio di euro. Ecco perchè in casa Milan la definiscono «la partita più importante della stagione». La fase a gironi garantisce 8,6 milioni più un milione a vittoria e 500.000 euro a pareggio. Chi arriva agli ottavi prende 3,5 milioni, ai quarti 3,9 milioni, in semifinale 4,9, il titolo vale 10 milioni e mezzo. L'urna di Nyon ha poi messo di fronte Arsenal e Fenerbahce, Lione e Real Sociedad, mentre lo Schalke dovrà attendere per conoscere se l'avversario sarà il Metalist o, visto il caos scommesse che ha coinvolto questa squadra, il Paok Salonicco.

Commenti

vivaitalia

Sab, 10/08/2013 - 13:51

PSV? Alla portata del Milan. Sicuramente. Vedo piu`difficile la Fiorentina con i svizzeri. Vedrete....sara`cosi!