Il Milan ci crede per Ibrahimovic: ora si attende solo il sì dello svedese

Paolo Maldini, Zvonimir Boban e Ricky Massara stanno lavorando duramente per ripotare Ibrahimovic al Milan. Se la risposta sarà positiva si allenerà a Milanello già dal mese di dicembre

Il Milan di Stefano Pioli tornerà in campo domani alle ore 18 contro i Napoli del grande e amato ex Carlo Ancelotti. Per entrambe le squadre sarà un match delicato e di vitale importanza perché chi perde rischia seriamente di entrare in un tunnel senza uscita. Il tecnico rossonero ha ritrovato alla spicciolata i suoi giocatori e si augura che da qui a Natale la sua squadra spicchi finalmente il volo anche perché non sono arrivati i risultati ma nelle ultime giornate di campionato il Milan ha disputato delle buone partite facendo intravedere un'idea di gioco.

Pioli sta cercando di trarre il massimo dai giocatori che ha a disposizione ma a gennaio si aspetta qualche investimento sul mercato per potenziare la rosa che ad oggi ha ancora diverse chance per entrare in Europa. Il nome che ormai da settimane stuzzica i tifosi e la dirigenza di via Aldo Rossi è sempre lo stesso: Zlatan Ibrahimovic. Il club sta spingendo per riportare lo svedese a Milano e si sta impegnando al massimo per avvicinarsi alle esose richieste del 38enne di Malmo.

Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, infatti, il Milan pare sia deciso ad accontentare Ibrahimovic che vorrebbe un contratto di 18 mesi fino al 30 giugno del 2020 e non di sei mesi prolungabile poi a 18, e uno stipendio netto da 6 milioni di euro: non male per un calciatore della sua età. Zlatan tornerebbe così a vestirsi di rossonreo sette anni e mezzo dopo il suo addio, in quella calda estate del 2012, quando fu ceduto al Psg insieme a Thiago Silva.

Ibrahimovic non ha mai nascosto il suo amore per i colori rossoneri e un suo ritorno darebbe sia qualità che entusiasmo all'ambiente un po' depresso da questi primi due mesi e mezzo choc. Il club di via Aldo Rossi attenderà una risposta da parte dell'ex Inter, Juventus, Barcellona, Manchester United e Ajax e se sarà positiva lo attende già da dicembre a Milanello così da potersi allenare con quelli che saranno poi i suoi nuovi compagni di squadra.

Sul giocatore ci sono però anche altre squadre come il Bologna di Sinisa Mihajlovic che si è mosso preventivamente per contattare lo svedese. Il countdown è partito e tra qualche giorno si saprà, forse, la scelta definitiva di Ibrahimovic con i tifosi del Milan che si augurano di rivederlo a San Siro: con lui in campo la scalata per tentare di entrare in Europa potrebbe diventare un po' più facile e meno in salita.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti

jaguar

Ven, 22/11/2019 - 12:43

Stanno lavorando duramente per portare un quarantenne strapagato al Milan? Già che ci sono, Maldini e Boban potrebbero tornare in campo anche loro.