Napoli sprecone e l'Atalanta rimonta E ora per la Champions c'è una Dea

Grazie a un super Zapata, bergamaschi quarti assieme al Milan

Una vittoria in rimonta che fa sognare. C'è anche l'Atalanta nella volata finale per il quarto posto, guidata da un bomber che al San Paolo è stato di casa. L'ex Duvan Zapata prima si regala il 25° gol stagionale (il 21° in campionato, uno meno del capocannoniere Quagliarella), poi offre l'assist a Pasalic per il sorpasso al Napoli. Il 2-1 finale a favore degli orobici è lo stesso risultato dell'ultimo precedente a Fuorigrotta (il 2 gennaio 2018) che sancì l'eliminazione della truppa di Sarri dalla Coppa Italia. Stavolta il ko è meno grave per gli azzurri - il posto Champions non è in discussione così come non sembra a rischio la seconda piazza - ma evidenzia uno dei difetti cronici del Napoli di Ancelotti: tante occasioni create, un sacco di errori sotto porta. Il Napoli finisce la sfida tra i fischi dello scarso pubblico del San Paolo, in cinque giorni ha salutato l'Europa e regalato una nuova delusione ai suoi tifosi. Gli applausi vanno all'Atalanta di Gasperini (espulso a metà ripresa per proteste) che con l'ingresso di Ilicic nel secondo tempo ha invertito l'andamento della partita.

La sfida prometteva spettacolo: Napoli e Atalanta sono le squadre che in serie A hanno effettuato più tiri verso la porta avversaria. E nonostante la pioggia battente, che ha dato tregua solo nel secondo tempo, la gara è stata bella. Mezz'ora di grande Napoli, con un pressing costante sugli orobici, ma un solo gol (di gluteo per la deviazione di Mancini) di Mertens: ora il belga - arrivato a 80 reti in A - è a un solo gol da Maradona. Il Napoli spreca almeno tre occasioni per il 2-0, poi sale in cattedra Zapata: rete sotto porta e passaggio vincente per il gol di Pasalic. Sorpasso compiuto e sogno Champions più che mai vivo. Con una finale di Coppa Italia nel mirino.

Classifica di A dopo la 33ª giornata: Juventus 87 (campione d'Italia); Napoli 67; Inter 61; Milan e Atalanta 56; Roma 55; Torino; Lazio 52; Sampdoria 48; Cagliari e Fiorentina 40; Sassuolo e Spal 38; Parma 36; Genoa e Bologna 34; Udinese 33; Empoli 29; Frosinone 23; Chievo 14 (-3, retrocesso in B).

Commenti

afafdert

Mar, 23/04/2019 - 10:18

Il magheggio confindustriale e tipicamente italico #finoalconfine e #fuoridallachampions del calendario "su misura" sta cominciando a dare i suoi effetti. La scorsa estate il "computer", ben prevedendo che juve e napoli sarebbero arrivate 1a e 2a in campionato con largo anticipo, ha prodotto un calendario "perfetto" per agevolare le avversarie di Milan e Inter nella volata champions. Infatti le prox partite "computerizzate" oltre alla recente napoli-atalxnta, saranno juvex-torino, romx-juvex, juvex-atxlanta, napoli-inter(ma qui si impegna il napule). Nella confindustria calcistica delle figuracce all'estero le studiano tutte contro Milan e Inter. Il campionato più falsato del mondo, arbitri pilotati, sorteggio falsato, attacchi della stampa mirati, gossip inventato. Di vero non c'è nulla in serie a. E' fiction. Comunque ci siamo già segnati la data del sorteggio del calendario del prox campionato per vedere le ultime partite "computerizzate".

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 23/04/2019 - 12:06

afafdert, non devi mangiare la "colomba" a pasqua ma la "pastiera" la juvex fa il suo gioco e i suoi interessi, e ha distrutto anche malan e inderra(come dite voi patani)sono finiti i bei tempi di quando la vera e unica confindustria del calcio, formata da rubentussa, malan e inderra facevano: uno scudetto a me, uno scudetto a te e uno altro scudetto a voi! l'avete fatto per 60 anni! ora gli ex vostri soci fanno: uno scudetto alla juve, uno scudetto alla rubentussa e un altro scudetto ai nerobianchi!