Nazionale, Ventura vincente? I numeri lo sconfessano

"Ho perso solo due partite in due anni. Il migliore negli ultimi 40 anni". Ma le cose stanno davvero così? Cosa ha fatto davvero Ventura

"Ho perso solo due partite in due anni. Il migliore negli ultimi 40 anni". Queste le parole di Gian Piero Ventura prima di lasciare la guida della Nazionale dopo il disastro con la Svezia. Insomma il Ct rivendica così i suoi risultati che però parlano chiaro: l'Italia non andrà in Russia. E come lui stesso ha detto in conferenza stampa, le scuse vanno fatte "solo per il risultato". Che stranamente nel calcio è l'unica cosa che conta. Ma le cose stanno davvero così? E così l'Agi ha analizzato i dati per capire se quello che sostiene Ventura corrisponde al vero. Su 12 gare ufficiali, escluse le amichevoli, Ventura ha perso una volta con la Spagna e una volta con la Svezia. Ma meglio di lui ha fatto ad esempio Lippi che su 17 partite ha perso soltanto una volta. Conte invece ha uno score di una sconfitta in 15 partite. Con due sconfitte invece Donadoni, Maldini e Zoff. Vicini invece ha fatto registrare 3 sconfitte in ben 27 partite. Trapattoni con 3 sconfitte in 23 partite. Insomma guardando le cifre Ventura non è l'unico ad aver perso così poco alla guida della Nazionale. E sempre come sottolinea l'Agi, se si guarda anche alla percentuale di vittorie considerando anche le amichevoli, Ventura è solo sesto. Sacchi (64,15%), Vicini (61,11%), Lippi al primo incarico (58,62%), Trapattoni (56,81%) e Donadoni (56,52%). Poi appunto c'è Ventura. Insomma il tecnico ligure ha avuto predecessori che hanno fatto meglio e che ci hanno portato ai mondiali.