Neymar-Psg, ci siamo: i francesi pagheranno i 222 mln della clausola

Domani il brasiliano effettuerà le visite mediche in Qatar. Trovato il modo per eludere il fair-play finanziario. Come? Ingaggiando Neymar come testimonial...

È fatta: Neymar sarà... Il testimonial dei Mondiali in Qatar del 2022. Sarebbe questo il sistema che il Paris Saint Germain, nell'acquistare il campione del Barcellona, ha escogitato per eludere i controlli del Fair-play finanziario della Uefa che, almeno sulla carta, impedirebbe al club franco-qatariota di spendere i 222 milioni di euro previsti dalla clausola del contratto del brasiliano per il suo trasferimento a Parigi. Finisce così dopo quattro stagioni l'esperienza di Neymar in Catalogna: l'attaccante firmerà con il Psg un contratto quinquennale a cifre faraoniche.

Era da una settimana che girava con insistenza la voce di Neymar destinato a vestire la maglia dei Paris Saint Germain. Il Barcellona aveva risposto che l'affare non sarebbe mai stato concluso, annunciando in caso contrario l'intenzione di presentare ricorso alla Uefa per l'inevitabile violazione da parte del club francese delle regole sul fair-play finanziario.

In realtà, il Psg sarebbe riuscito a trovare una scappatoia per non incorrere nelle sanzioni economiche e sportive previste dal massimo organismo calcistico continentale per gli eccessivi investimenti sul mercato.

Come? Semplicemente, ingaggiando per più di 300 milioni di euro Neymar come testimonial dei Mondiali del gennaio 2022, che si disputeranno in Qatar.

Questi soldi consentiranno al brasiliano, come capita per ogni trasferimento legato al versamento di una clausola, di pagarsi "da solo" i 222 milioni di euro di risarcimento al Barcellona, oltre al ricchissimo contratto che lo renderà uno dei calciatori più pagati al mondo: Neymar giocherà nel Psg fino al 2022, guadagnando 30 milioni di euro l'anno.

Ormai è tutto pronto. Domani Neymar sosterrà le visite mediche a Doha, in Qatar, quindi la firma sul suo contratto multimilionario. A quel punto il Psg avrà ufficialmente ingaggiato uno degli assi del calcio mondiale, potendo puntare una volta per tutte all'obiettivo che finora la proprietà emiratina non è ancora riuscito a centrare: la Champions League.

Intanto a Barcellona regna un clima di rassegnazione. Se fino a qualche giorno fa la società catalana era fiduciosa di convincere Neymar a rimanere, ora ha perso le speranze. La vittoria per 3-2 contro il Real Madrid nella tournée americana sarà la sua ultima partita al Barça. Una storia si chiude, un'altra si apre. Con i colori blu, bianco e granata del Psg.

Commenti

jenab

Lun, 31/07/2017 - 14:04

indecente!!!

LucaRA

Lun, 31/07/2017 - 14:28

Se li hanno e li spendono che problema c'è?