"Non posso stringere la mano a nessuno che venga da Israele"

Si difende il judoka egiziano Islam El Shehaby, contestato dal Comitato Olimpico Internazionale per non aver stretto la mano all'atleta di Israele

Si difende il judoka egiziano Islam El Shehaby, contestato dal Comitato Olimpico Internazionale e non solo per essersi rifiutato di stringere la mano al rivale israeliano Or Sasson che lo aveva battuto nella gara olimpica di ieri. Citato dalla rivista L'Esprit du Judo, l'atleta egiziano sostiene infatti di aver rispettato le regole dello sport e di non aver alcun obbligo di stringere la mano al suo rivale. Ma, allo stesso tempo, dichiara che non gli si può chiedere di stringere la mano di un israeliano. ''Stringere la mano al tuo rivale non è un obbligo scritto nelle regole del judo. Avviene tra amici e lui non è un mio amico'', ha detto El Shehaby, 32 anni. ''Non ho alcun problema con gli ebrei o con persone di altra religione o di altri credo. Ma per ragioni personali non mi si può chiedere di stringere la mano a chiunque venga da questo Stato, soprattuto di fronte al mondo intero'', ha aggiunto. L'Egitto è il primo Paese arabo ad aver firmato un trattato di pace con Israele nel 1979, ma molti cittadini egiziani non condividono ancora quel documento. Il Comitato olimpico internazionale ha dato il via a una commissione disciplinare dopo il gesto dell'atleta egiziano, affermando che ''lo spirito olimpico deve essere quello di costruire ponti e mai di alzare muri''.

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 13/08/2016 - 23:27

Allora non doveva neppure combattere, per coerenza, visto che nel combattimento gli ha toccato sicuramente le mani. Attendo i commenti dei difensori dell' egizio, contro l' atleta israeliano (ah dimenticavo, gli ebrei vanno difesi solo il 25 aprile (perchè servono), poi sempre contro per gli altri 364 giorni, così dice il partito)

Ritratto di nutella59

nutella59

Dom, 14/08/2016 - 00:42

È la NORMALITÀ! Non a caso Israele non può competere in alcuno sport in Asia, ma è OBBLIGATO a competere in Europa, ragion per cui ai mondiali di calcio, per esempio, si vedono squadre di brocchi come Egitto ed Iran, ma quasi mai Israele perché, pur se meno brocchi di loro, è costretta a passare le eliminatorie in Europa. Il problema sono i vari Comitati Olimpici e sportivi, compresi quelli italiani, che ACCETTANO il boicottaggio anti-sportivo dei maomettani.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 14/08/2016 - 01:21

Vai a farglielo capire a certe mentalità. Mi sovviene la vignetta che illustrava un capo israeliano e uno palestinese presi per il colletto della giacca e venivano sbattuti fra di loro dal capo mediatore dei colloqui di pace fra i due paesi ... più tosti di così sono solo certe popolazioni primitive che si scannano fino all'ultimo uomo con autentico istinto animalesco.

amicomuffo

Dom, 14/08/2016 - 07:29

Beh certo dopo la batosta che avete preso nella guerra dei sei giorni! Almeno loro hanno gli attributi! Non come certi politicanti nostrani!

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Dom, 14/08/2016 - 07:44

Antisemita e odiatore di professione = musulmano tipo.

1sB

Dom, 14/08/2016 - 07:53

L'egizio ha ragione. Anch'io mi comporto nello stesso modo: non stringo mani, non parlo, non interagisco con chiunque sia di origine araba. Non frequento locali ove lavorano arabi. Non assumo arabi e simili. Non sono razzista. E' il mio dio che impone questo comportamento.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Dom, 14/08/2016 - 08:00

Semplice squalificato a vita ; rimanga a fare il Judoka in Egitto.Ce ne faremo una ragione.

vince50_19

Dom, 14/08/2016 - 08:57

«Stringere la mano al tuo rivale non è un obbligo scritto nelle regole del judo. Avviene tra amici e lui non è un mio amico, ha detto El Shehaby, 32 anni.» FIN QUI NON CI PIOVE. «Non ho alcun problema con gli ebrei o con persone di altra religione o di altri credo. Ma per ragioni personali non mi si può chiedere di stringere la mano a chiunque venga da questo Stato (Israele), soprattutto di fronte al mondo intero». Questa è una dichiarazione che esula dallo spirito "decoubertiniano" delle Olimpiadi (che cosa hanno a che fare con lo sport le "ragioni personali"? Allora stattene a casa tua El Shehaby), per cui l'atleta a mio avviso andrebbe bandito da qualsiasi attività sportiva. Spero che la commissione lo faccia senza lasciarsi tarpare le ali da nessuno.

vince50_19

Dom, 14/08/2016 - 10:44

1sB - Solo per curiosità: quale sarebbe il suo Dio?

1sB

Dom, 14/08/2016 - 12:01

@vince50_19 - Il mio dio si chiama Logica-razionalità-scienza. Non nasce da madre vergine, non è figlio di se stesso, non cammina sulle acque, non moltiplica pane e pesce, non muore e risorge e non pretende di uccidere o farsi uccidere in suo nome. E considera nemici coloro che, in nome dell'amico immaginario, compiono ogni nefandezza per imporre il proprio credo ad altri.

vince50_19

Dom, 14/08/2016 - 13:38

1sB- Certo, la fede (cattolica) è una cosa seria: lo han perfino compreso San Tommaso, San Paolo e altri venerabili santi. Quando Dio avrebbe preteso di uccidere e farsi uccidere in suo nome? Questa non me la ricordo a meno che non si riferisca ai tempi del medioevo: per quelli ha già chiarito e chiesto scusa Giovanni Paolo II°. Ancorché la fede cattolica come caratteristica non impone alcunché, naturalmente ai nostri giorni, a nessuno e al contrario di quella islamica che all'oggi non si è mossa di un millimetro dal dettame coranico.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 14/08/2016 - 23:10

Il Comitato Olimpico Internazionale dovrebbe espellere immediatamente dalle gare ogni atleta che che offende il fondamento stesso dei giochi olimpici. Lo spirito olimpico era stato rispettato perfino dai nazisti di Hitler. È UN BRUTTO SEGNO SE PERMETTIAMO ALL'ISLAM DI INQUINARE CON LA VIOLENZA IDEOLOGICA ANCHE LO SPORT.

TitoPullo

Lun, 15/08/2016 - 01:03

E come volete che un islamico comprenda il senso delle Olimpiadi nate in Gracia culla della Civiltà Occidentale...la Nostra Civiltà non la loro ! SONO INCOMPATIBILI con la nostra cultura! Si tengano la loro ( relitto del Medio Evo) E SE NE STIANO A CASA LORO !!! HANNO ROTTO LE B......e !!

opinione-critica

Mer, 17/08/2016 - 23:23

Allah che lo ha ispirato gli ha negato l'onore di stringere la mano all'israeliano. Così si è fatto una figuraccio davanti al mondo civile. Evidentemente il suo Allah vuole ancora svezzarlo nel cammino verso la civiltà