«Novità Abarth 124 Gt, roadster puro Sempre al fianco dei clienti sportivi»

Il capo Emea di Fiat e dello Scorpione: «Continua il trend positivo»

Piero Evangelisti

Abarth ha da poco premiato, con una cerimonia presso la sede delle Officine Abarth a Torino, i suoi campioni protagonisti della stagione 2017. In quell'occasione abbiamo incontrato Luca Napolitano, responsabile della regione Emea per il marchio Fiat di Fca e recentemente chiamato alla direzione di Abarth.

Abarth ha avuto un forte incremento delle vendite. Come pensate di mantenere questo trend?

«Dopo il +42% nel 2016 e il +30% nel 2017, vogliamo continuare a crescere grazie a un piano prodotto appena lanciato con due importanti novità: Abarth 695 Rivale, in partnership con Riva, il cantiere italiano più famoso al mondo, e la seconda edizione di Abarth 595 Pista. L'ultima novità la presentiamo proprio a Ginevra: la 124 Gt, roadster puro con un inedito hard top».

Da quando parte la tradizione di Abarth nei rally?

«Risale soprattutto agli anni Settanta con le Fiat 124 Rally, che si sono piazzate per tre anni consecutivi al secondo posto nel Mondiale, dal 1973 al 1975, vincendo un campionato europeo nel 1975 con Maurizio Verini. La Fiat 131 Abarth ha conquistato 3 campionati del mondo Costruttori Rally (1977, 1978, 1980) e un titolo mondiale Piloti nel 1980. Poi ci sono i campionati monomarca, che in più di 40 anni (la prima edizione del Campionato A112 Abarth è del 1977) hanno permesso a molti piloti di cimentarsi nella specialità a costi ragionevoli, rispettando una filosofia dettata dal fondatore Carlo Abarth».

Siete soddisfatti delle performance della 124 rally?

«Stiamo crescendo e puntiamo in alto. A Montecarlo, Andrea Nucita ha ottenuto nella prova speciale più difficile e decisiva il 4° tempo assoluto, tra le migliori vetture WRC ufficiali. Un'impresa che gli è riuscita grazie alla sua bravura, ma anche perché Abarth 124 rally può essere gestita in corsa grazie a controlli elettronici che consentono di cambiare il grip e la risposta del motore. La vettura si sta comportando bene. Pensiamo alla stagione 2017 di Fabrizio Andolfi: 10 gare, 8 successi di categoria, 2 secondi posti e nessun ritiro, superando, con pochi accorgimenti, anche il duro percorso sterrato del Rally San Marino».

Per il Trofeo Rally un montepremi in crescita.

«Abbiamo deciso di aiutare i clienti sportivi impegnati nei campionati più prestigiosi. In ambito internazionale, Abarth 124 rally ha un ottimo rapporto prestazioni-costi nella categoria R-GT e oggi si può considerare la vettura a 2 ruote motrici più competitiva».

Per quanto riguarda la pista, le vostre Abarth 500 e 695 sono alla loro decima stagione. Cosa vi aspettate?

«Come tutti gli anni offriremo ai partecipanti al Trofeo Abarth Selenia il supporto necessario per vivere un'esperienza eccitante e divertente, grazie alla grande esperienza accumulata nelle prime 9 edizioni. Per il 2018 abbiamo previsto premi per i più giovani, sotto i 18 anni, per aprire loro una strada verso il professionismo che, in questo mondo, non significa solo Formula 1».