Petrucci: "Si parli di medaglie, non di spread"

"Ci auguriamo di dare al Paese delle soddisfazioni". Con una squadra giovane tanto quella di Pechino e nuove leve interessanti. Sperando che per un po' "si parli di sport più che di economia"

Ecco cosa faranno - o cosa sperano di fare - gli italiani della delegazione sbarcata a Londra. "Dare al Paese delle soddisfazioni" e possibilmente fare in modo che per un paio di settimane si riesca a parlare "più delle medaglie che di spread". Almeno è quanto si augura Gianni Petrucci, il presidente del Coni.

Le premesse sembrano esserci tutte. "La squadra ha la stessà età di Pechino". E dalle Olimpiadi cinesi si è portata dietro diverse conferme. A cui inevitabilmente si aggiungono anche atleti alla prima esperienza, "belle novità". All'ultima esperienza come presidente del Coni, Petrucci ricorda a tutti gli azzurri che "arrivare qui è molto difficile". Che dunque è lecito essere soddisfatti già adesso, prima ancora di avere portato a casa qualche risultato in termini di medaglie.

"Siamo nell'elite mondiale". Il presidente del Coni ci tiene a ricordarlo, perché "può essere una banalità, ma è la realtà. In un momento dove è difficile restare in cima al mondo in uno sport sempre più globalizzato". Chiede un minuto di silenzio per quanti erano a Pechino e non sono a Londra, "Carlo Carnevali, Franco Ballerini, Candido Cannavò, Edoardo Mangiarotti, Alberto Castagnetti, Vigor Bovolenta".

E un minuto di silenzio si farà anche per le vittime di Monaco '72, morte nell'attacco dei palestinesi di Settembre Nero. Che il Cio voglia tribure ufficialmente il ricordo agli atleti israeliani o meno, il minuto "lo faremo al villaggio olimpico. La data è da stabilire, ma credo sarà il 28 o il 29".

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 26/07/2012 - 20:51

Come mai i nostri atleti sono tutti imboscati nei vari corpi dello stato.??

Ritratto di kywest

kywest

Ven, 27/07/2012 - 08:52

E' tutto finito ma il ricco burocrate del CONI vive in un mondo parallelo. La situazione è grave ma non è seria.

Dario40

Ven, 27/07/2012 - 09:47

visto e considerato che questi "atleti" sono mantenuti dallo Stato per non lavorare,ma per svolgere una attività sportiva a loro pienamente gradita, il "darci delle soddisfaioni" è il minimo che possono fare per ricambiare la generosità dello Stato. E i premi per la conquista delle medaglie (150.000-75.0000 e 50.0000 euro a seconda se oro,argento o bronzo) in un momento di crisi mi sembra veramente un insulto ai lavoratori ed ai pensionati tassati e tartassati. Caro Petrucci,deve solo vergognarsi!

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Ven, 27/07/2012 - 09:54

La sagra delle banalità: non c'è più speranza. Saluti