Il razzo tedesco Ackermann vola sull'acqua, Viviani no

V ince Ackermann, ma il Giro purtroppo perde uno dei suoi migliori interpreti: Tom Dumoulin. È inutile che vi dica che mi dispiace un sacco. L'olandese è un corridore che ammiro da sempre e ne ho sempre apprezzato la sua intelligenza tattica. Ha un fisico da granatiere. Fisico possente e potente, ma sa difendersi in salita con grandissimo temperamento. Sarà per la stazza che ci accomuna, ma l'ho sempre guardato con assoluta simpatia. Speravo in una sua vittoria di tappa, in una crono, purtroppo per lui e per tutti quelli che amano questo sport, non sarà possibile, ma gli auguro fin da ora ogni bene al Tour.

Detto questo, bravo il tedesco Pascal Ackermann, che ha battuto in un testa a testa bellissimo il colombiano Fernando Gaviria e ha così bissato la vittoria di Fucecchio. Speravo in qualcosa di più da Elia Viviani, ma in una giornata invernale come quella di ieri, corsa tutta sotto una pioggia torrenziale, il veronese ci è arrivato molto probabilmente con le polveri bagnate. È chiaro che soffra la pioggia, esattamente come un anno fa nella tappa di Imola dove arrivò staccato, ma non deve buttarsi giù. C'è anche domani: che poi sono le tappe di Modena e Novi Ligure.

Commenti

Holmert

Gio, 16/05/2019 - 11:19

Caro Doris, il fatto è questo; Pascal Ackermann ha una forte squadra che fa il treno e gli tira la volata. Viviani, per vincere una tappa si deve agganciare a qualcuno, come fece quando è stato squalificato,si era agganciato proprio ad Ackermann , però poi gli era scappato Gaviria. E per recuperare lo svantaggio ha dovuto fare uno sforzo ciclopico. E si è visto quando tempo ci ha messo per recuperare fiato, appoggiato alla sua bici dopo l'arrivo.Poi la beffa, retrocesso per cambio di direzione.Una carognata pazzesca. Viviani se vince è una sua battaglia.Se vince Ackermann,lo deve alla sua squadra che gli permette di sprintare a pochi metri da traguardo, quando si sgancia dal treno.Almeno così la vedo io.

Una-mattina-mi-...

Gio, 16/05/2019 - 13:37

PIU' CHE UN RAZZO UN U-BOOT

SeverinoCicerchia

Gio, 16/05/2019 - 19:44

vorrei ringraziare il Giornale. Bellissimo vedere una persona di esperienza diversa, ma di intelligenza acuta, commentare il Giro. Molto innovativo, genuino e ricco di interesse, senza contare la stima che non si può non avere per una persona che nella sua vita ha saputo fare tanto e bene.. perdipiù padovano come me se non erro ...