Serie B, la retrocessione del Palermo crea scompiglio. Ecco gli scenari possibili

Serie B, la retrocessione del Palermo spinge ai playoff il Perugia e rende così salve Venezia e Salernitana che avrebbero dovuto giocarsi i playout

La retrocessione del Palermo calcio per illecito amministrativo ha congelato tutto in zona playoff ed ha creato scompiglio in zona playout. I rosanero hanno chiuso il campionato regolare al terzo posto e avrebbero dovuto giocarsi la promozione in Serie A attraverso i playoff. Il club sicialiano, però, è stato retrocesso in Serie C e andrà a fare compagnia a Carpi, Padova e Foggia. Salernitana e Venezia che avrebbero dovuto giocarsi i playout sono virtualmente salve, a meno che non venga accolto il ricorso che sarà sicuramente presentato dal Palermo. Anche il Foggia, inoltre, spera di poter riavere indietro i punti di penalizzazione subiti durante l'anno che permetterebbe così ai rossoneri di salvarsi e di rimettere in discussione tutto.

La sentenza del Tribunale Federale, dunque, ha gettato scompiglio in Serie B con il Perugia di Alessandro Nesta che prenderà parte ai playoff proprio al posto del Palermo. Per questa ragione gli umbrisi si giocheranno l'accesso in Serie A, ma ancora non si sa quando, con Benevento, Pescara, Verona, Spezia e Cittadella. Secondo quanto riporta l'Ansa, però, qualcosa si sta muovendo dato che il Consiglio direttivo della Lega Serie B, dopo la sentenza che ha deliberato all' unanimità la retrocessione del Palermo, ha dato mandato di procedere con le partite dei playoff con le date programmate lo scorso 29 aprile. I prossimi due giorni saranno decisivi per saperne di più su come finirà questo campionato 2018-2019 di Serie B che è iniziato male e sta finendo peggio.