Tensione e rabbia a Palermo, il club a un passo dal fallimento

Dalla mancata fideiussione al presunto tentativo di truffa. Viaggio nella città che sta attraversando un dramma sportivo

Lo spettro del fallimento è ormai dietro l'angolo e Palermo vive momenti di fibrillazione. Una città intera spera di potersi risvegliare da questi incubo e che possa arrivare quel miracolo al fotofinish con una fideiussione necessaria per iscrivere il club al prossimo campionato di serie B. Più passa il tempo, più le speranze si affievoliscono. Da questa mattina la tifoseria ha presidiato l'ingresso dello stadio. Attimi di tensione: qualche petardo e un fumogeno. La zona è presidiata dalle forze dell'ordine che hanno creato un cordone di sicurezza all'ingresso degli uffici di viale del fante.

Con il passare delle ore emergono dettagli preoccupanti sulla vicenda della mancata documentazione inviata dalla società rosanero per l'iscrizione alla prossima Serie B. La presunta truffa sulla fideiussione da 800 mila euro invocata dal direttore finanziario di Arkus Network, Salvatore Tuttolomondo, non sembra l'unica problema che deve affrontare la società rosanero. Bocche cucite in società e nessuna voglia di parlare. Il patron Salvatore Tuttolomondo è volato a Roma nel disperato tentativo di ottenere una fideiussione ma il tempo è ormai scaduto. La Curva Nord 12 sui social ha lanciato questo messaggi rivolto alla tifoseria. "Resteremo in presidio allo stadio fino a quando non uscirà tutta la verità....nessuno uscirà dagli uffici del Barbera a costo di pagare noi le conseguenze finché non si capirà cosa è successo e chi ha permesso tutto questo

Questa mattina intanto si è riunito il cda del club che si riaggiornerà domani alle 12. "Ho sempre detto che avrei confermato l'iscrizione nel momento in cui sarebbe avvenuta, stasera avremo evidenza dei versamenti effettuati e capiremo cosa accadrà - afferma il presidente del Palermo, Alessandro Albanese -. Salvatore Tuttolomondo ha confermato che entro questa sera ci darà evidenza di tutti i pagamenti. Voglio capire meglio la situazione, nel caso il Cda farà tutti i passaggi necessari da rimettere all'assemblea. Voglio ricordare che questa è un S.p.A. a tutti gli effetti, ci sono dei passaggi da fare e valuteremo attentamente senza voler rimandare. L'augurio è che stasera potremo iniziare una battaglia per un'altra vicenda che è quella legata alla fideiussione". Albanese ha poi dichiarato. "Ho la consapevolezza che c'è un problema grave che va risolto al più presto - prosegue -. Ho la mia preoccupazione legittima - ha ammesso Albanese - Con la proprietà abbiamo discusso fino a poco fa serenamente: ancora non possiamo dire se ha disatteso o atteso, gli apporti di capitale finora ci sono stati".

Anche gli organi federali hanno gli occhi puntati sul club. "Il caso Palermo? La decisione è molto semplice: applicheremo le regole, non ci può essere deroga a nessun principio del rispetto delle regole. La Commissione di vigilanza è al lavoro, ci sono delle criticità che valuterà il nostro organismo di controllo", dice Gabriele Gravina, presidente della FIGC. Sull'argomento è intervenuto anche il presidente della Lega B Mauro Balata: "Purtroppo non dipende da noi, abbiamo cercato di fare di tutto per portare avanti una politica di trasparenza e rispetto delle regole. Cercando di agevolare proprietà sane, imprenditori virtuosi e appassionati, cosa di cui il calcio ha bisogno. La parola passa ora alla FIGC e alla COVISOC, non nascondo che la preoccupazione è molto alta".

Commenti

maurizio50

Mer, 26/06/2019 - 20:40

Allegri. Il vostro egregio Sindaco vi allestirà una squadra di risorse-migranti che potrà fare il Campionato di serie A in Libia!!!!

ziobeppe1951

Mer, 26/06/2019 - 21:09

Tutta la Sicilia è un fallimento

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 26/06/2019 - 21:41

Sinceramente mi interessano di più queste persone degli invasori africani. Commissario zingaretto lei cosa ne dice????

baronemanfredri...

Gio, 27/06/2019 - 08:40

ZIOBEPPE1951 DA EX SICILIANO, VERO SICILIANO DELLA COSTA ORIENTALE DELLA SICILIA, POSSO DICHIARARE CHE SE LA SICILIA E' UN FALLIMENTO, NON SEMPRE LO E', POSSO DIRLA CHE LA COLPA NON E' DEI SINGOLI SICILIANI. CI SONO LE ECCELLENZE IN TUTTI I SETTORI, LA COLPA E' DELLA POLITICA E DELL'IGNAVIA PROPRIO DELL'IGNAVIA. SE QUALCUNO VUOLE FARE QUALCOSA VIENE BLOCCATO. SE LEI E' BEN INFORMATO, LE POSSO ASSICURARE CHE CI SONO QUI AL NORD, MOLTI SICILIANI BRAVISSIMI ES. MEDICI, CHE SONO A LIVELLO NAZIONALE. ASSICURO, SU QUESTO SONO CERTISSIMO, CHE SONO BRAVISSIMI. MIA SORELLA VIVE AL NORD DA MOLTISSIMI ANNI ED E' STATA PER LA BRAVURA INSIGNITA DAL PDR SCALFARO DEL TITOLO DI CAVALIERE DEL LAVORO GIOVANISSIMA. LA COLPA E' POLITICA DI SOCIETA', E ALTRO PIU' PERICOLOSO. LASCIAMO LIBERI I SICILIANI DI AGIRE, POI MI DIRA' SE SBAGLIO. SIA IN CAMPO CIVILI CHE MILITARE.

baronemanfredri...

Gio, 27/06/2019 - 08:51

ATTENZIONE ATTENZIONE IN MATTINATA SONO PRONTE DECINE DI COLONNE DI CAROVANIERI PER PORTARE AIUTO ALLA SQUADRA DEL PALERMO, CLANDESTINI DATTERI CAMMELLI BARCONI PRONTI PER RILEVARE IL PALERMO. IL SINDACO CONTENTISSIMO SARA' IN SALA STAMPA PER DICHIARARE CHE I CLANDESTINI SALVERANNO DI NUOVO PALERMO. SE FALLISCE IL PALERMO BRINDERO'.